venerdì 29 ottobre 2010

Francobolli dedicati al Natale 2010 e Giornata della Filatelia

Si segnala essere ben quattro le nuove emissioni filateliche che accompagneranno l’inaugurazione del Salone internazionale del Francobollo Romafil nella giornata di oggi venerdì 29 Ottobre. 
 

La prima è dedicata alla Giornata della Filatelia: si tratta di un francobollo, dal valore facciale di €0,60, che riproduce l’immagine multimediale di una serie di francobolli stilizzati su alcuni dei quali campeggia la scritta “Giornata della Filatelia” mentre in primo piano è riprodotta una lente di ingrandimento a circoscrivere ed evidenziare l’indicazione “filatelia”.



Doppia emissione invece, come vuole la tradizione postale, per festeggiare il Natale: uno da €0,60 con soggetto religioso, l’altro da €0,65 con un bel disegno laico. Il primo riproduce il dipinto Adorazione dei Magi realizzato da Sandro Botticelli intorno al 1475 e conservato nella Galleria degli Uffizi di Firenze, il secondo invece un simpatico e colorato trenino giocattolo intento a trainare la parola “Natale” mentre viaggia immerso in un paesaggio tipicamente invernale.


La terza emissione rientra nella serie dedicata al Made in Italy: protagonista del francobollo celebrativo è il cosiddetto tessuto jacquard. Realizzato da Frette nel corso dell’800, si evidenzia dal fondo violaceo la lettera “F”, logo dell’Azienda.

Si segnala che la tiratura massima prevista per tutti questi nuovi francobolli è di 4 milioni di esemplari.

mercoledì 27 ottobre 2010

Francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato a Pietro Annigoni


Il Ministero dello Sviluppo Economico il 27 ottobre 2010 emette il francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato a Pietro Annigoni nel 1° centenario della nascita del valore di € 0,60.

Il francobollo è stampato dall’Officina Carte Valori dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta fluorescente, non filigranata; formato carta: mm 40 x 48; formato stampa: mm 36 x 44; dentellatura: 13 x 13¼; colori: quadricromia; tiratura: quattro milioni di esemplari.

La vignetta riproduce un autoritratto giovanile di Pietro Annigoni realizzato nel 1946 e
conservato presso il Museo Nazionale “Pietro Annigoni” di Villa Bardini di Firenze.

Bozzetto: a cura del Centro Filatelico dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. 


giovedì 21 ottobre 2010

La Galleria degli Uffizi a Firenze è uno dei più importanti musei italiani, ed uno dei maggiori e conosciuti al mondo


La Galleria ospita una raccolta di opere d'arte inestimabili, derivanti, come nucleo fondamentale, dalle collezioni dei Medici, arricchite nei secoli da lasciti, scambi e donazioni, tra cui spicca un fondamentale gruppo di opere religiose derivate dalle soppressioni di monasteri e conventi tra il XVIII e il XIX secolo. 

Divisa in varie sale, allestite per scuole e stili in ordine cronologico, l'esposizione offre ai visitatori opere dal XII° al XVIII° secolo, ospitando la migliore collezione al mondo di opere del Rinascimento.
All'interno della Galleria sono presenti alcuni fra i più grandi capolavori dell'umanità, realizzati da artisti come: Cimabue, Caravaggio, Giotto, Leonardo da Vinci, Michelangelo, Raffaello, Mantegna, Tiziano, Parmigianino, Dürer, Rubens, Rembrandt, Canaletto e Sandro Botticelli.
Si segnala di grande pregio essere anche la collezione statuaria antica e soprattutto quella i disegni e delle stampe, collezioni che sono sicuramente le più cospicue ed importanti al mondo.
La Galleria rappresenta il terzo sito statale italiano dopo il circuito di Colosseo-Foro Romano-Palatino, e gli scavi di Pompei.


mercoledì 20 ottobre 2010

Abbazia di Westminster Londra

L'Abbazia di Westminster si trova a Londra e fu costruita tra il 1045 e il 1050 da Edoardo il Confessore che ne intraprese la costruzione per mantenere fede ad un voto che aveva fatto mentre si trovava ancora in esilio in Normandia. 


lunedì 18 ottobre 2010

Duomo di Amalfi

"Duomo" è una parola che deriva dal termine latino "domus", cioè "casa". Il Duomo è la casa di Dio e del suo popolo.

La cattedrale di Sant'Andrea è il principale luogo di culto cattolico di Amalfi, sede vescovile dell'omonima arcidiocesi. Dedicato a sant'Andrea apostolo, si trova in piazza Duomo, nel centro della città. 


martedì 12 ottobre 2010

Piero di Benedetto de' Franceschi - Piero della Francesca

Borgo Sansepolcro, 12 settembre 1416/1417 circa – Borgo Sansepolcro, 12 ottobre 1492

Pittore e matematico italiano è stato un esponente della seconda generazione di pittori-umanisti e tra le personalità più emblematiche del Rinascimento italiano.

Riuscì ad armonizzare, nella vita quanto nelle opere, i valori intellettuali e spirituali del suo tempo, condensando molteplici influssi e mediando tra tradizione e modernità, tra religiosità e nuove affermazioni dell'Umanesimo, tra razionalità ed estetica.

La sua opera fece da cerniera tra la prospettiva geometrica brunelleschiana, la plasticità di Masaccio, la luce altissima che schiarisce le ombre e intride i colori di Beato Angelico e Domenico Veneziano, la descrizione precisa ed attenta alla realtà dei fiamminghi. Altre caratteristiche fondamentali della sua arte sono la semplificazione geometrica sia delle composizioni che dei volumi, l'immobilità cerimoniale dei gesti e l'attenzione alla verità umana.

La sua produzione artistica possiamo dire essere caratterizzata dall'estremo rigore della ricerca prospettica, dalla plastica monumentalità delle figure, dall'uso in funzione espressiva della luce, essa influenzò la pittura rinascimentale dell'Italia settentrionale e la scuola ferrarese e veneta.


Lista di opere di dipinti su tavola ed affreschi:
  • Madonna col Bambino, 1440 circa, tempera su tavola, 53x41 cm, collezione privata Alana, Delaware, Stati Uniti
  • Madonna col Bambino, 1440-50 circa, tecnica mista su tavola, 62x53 cm, Fondazione Giorgio Cini, Venezia
  • Polittico della Misericordia, 1444-1465, tecnica mista su tavola, 273x330 cm, Museo Civico, Sansepolcro
  • Battesimo di Cristo, 1440-1460 (datazione incerta), tempera su tavola, 167x116 cm, National Gallery, Londra
  • San Girolamo penitente, 1450, tempera su tavola, 51x38 cm, Gemälde galerie, Berlino
  • San Girolamo e il donatore Girolamo Amadi, 1450 circa, tempera su tavola, 49x42 cm, Gallerie dell'Accademia, Venezia
  • Sigismondo Pandolfo Malatesta in preghiera davanti a san Sigismondo, 1451, affresco, 257x345 cm, Tempio Malatestiano, Rimini
  • Ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta, 1451-1460, tecnica mista su tavola, 44,5x34,5cm, Louvre, Parigi
  • Storie della Vera Croce, 1452-1466, affreschi, Basilica di San Francesco, Arezzo
    • Morte di Adamo, 390x747 cm
    • Adorazione del sacro legno e incontro di Salomone con la Regina di Saba, 336x747 cm
    • Sollevamento del legno della Croce (esecuzione di Giovanni da Piamonte), 356x190 cm
    • Annunciazione, 329x193 cm
    • Vittoria di Costantino su Massenzio, 322x764 cm
    • Tortura dell'ebreo (con Giovanni da Piamonte), 356x193 cm
    • Ritrovamento e verifica della vera Croce, 356x747 cm
    • Battaglia di Eraclio e Cosroè, 329x747 cm
    • Eraclio riporta la Vera Croce a Gerusalemme, 390x747 cm
    • Profeta Ezechiele (esecuzione di Giovanni da Piamonte), base 193cm
    • Profeta Geremia, 245x165 cm
    • Angelo, frammento, base 70cm
    • Cupido, base 70cm
  • Polittico di Sant'Agostino, 1454-1469, tecnica mista su tavola, smembrato e parzialmente disperso
    • Sant'Agostino, 133x60 cm, Museu Nacional de Arte Antiga, Lisbona
    • San Michele Arcangelo, 133x59,5cm, National Gallery, Londra
    • San Giovanni Evangelista, 131,5x57,8cm, Frick Collection, New York
    • San Nicola da Tolentino, 136x59 cm, Museo Poldi Pezzoli, Milano
    • Santa Monica, 39x28 cm, Frick Collection, New York
    • Santo agostiniano, 39x28 cm, Frick Collection, New York
    • Sant'Apollonia, 39x28 cm, National Gallery of Art, Washington
    • Crocifissione, 37,50x41 cm, Frick Collection, New York
  • San Giuliano, 1454-1458, affresco frammentario staccato, 130x80 cm, Museo Civico, Sansepolcro
  • Maria Maddalena, 1460-1466, affresco, 190x105 cm, Duomo, Arezzo
  • Madonna del parto, 1455-1465, affresco staccato, 260x203 cm, Museo della Madonna del Parto, Monterchi
  • Resurrezione, 1450-1463, affresco, 225x200 cm, Museo Civico, Sansepolcro
  • San Ludovico di Tolosa, 1460, affresco frammentario staccato, 123x90 cm, Museo Civico, Sansepolcro
  • Polittico di Sant'Antonio, 1460-1470, tecnica mista su tavola, 338x230 cm, Galleria nazionale dell'Umbria, Perugia
  • Doppio ritratto dei Duchi di Urbino, sul verso Trionfo di Federico da Montefeltro e di Battista Sforza, 1465-1472 circa, olio su tavola, 47x33 cm ciascun pannello, Uffizi, Firenze
  • Pala di Brera, 1469-1474, tecnica mista su tavola, 248x170 cm, Pinacoteca di Brera, Milano
  • Flagellazione di Cristo, 1470 circa, tecnica mista su tavola, 58,4x81,5 cm, Galleria Nazionale delle Marche, Urbino
  • Ercole, 1470 circa, affresco staccato, 151x126 cm, Isabella Stewart-Gardner Museum, Boston
  • Madonna di Senigallia, 1470-1485, olio su carta riportata su tavola, 61x53,5 cm, Galleria nazionale delle Marche, Urbino
  • Natività, 1470-1485, olio su tavola, 124x123 cm, National Gallery, Londra
  • Madonna col Bambino e quattro angeli, 1475-1482, tecnica mista su tavola, 107,8x78,4 cm, Clark Art Institute, Williamstown (Massachusetts)
  • Ritratto di bambino (Guidobaldo da Montefeltro?), (attribuzione incerta), 1483 ca., tempera su tavola, 41x27,5 cm, Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza

martedì 5 ottobre 2010

Sarzana senza tempo - Un viaggio nel passato alla ricerca del medioevo

Il giorno 8, 9 e 10 ottobre, in contesto unico che riporta alla luce uno spaccato di vita medievale a Sarzana sarà possibile tuffarsi nella magia del tempo trascorso tra il 1250 ed il 1400 e vivere per tre giorni in un “campo attrezzato” specchio di usi e costumi di un’epoca, osservare guerrieri con il loro seguito e duelli d’onore tra cavalieri, oppure partecipare tornei di arceria con prove di abilità originali e divertenti.

Lo scopo di questi “giorni di festa” è l’immergersi nella storia diventando mercanti, guerrieri, dame o semplici artigiani. Svestendosi degli abiti moderni e dimenticando uffici e tecnologie. Cancellando il traffico per tornare in un piccolo mondo finalmente a misura d’uomo, con profumi, colori, sapori e rumori di cui oggi non si conosce più l’esistenza.

Sarzana è un comune in provincia di La Spezia in Liguria, luogo di grande suggestione per bellezza ed antichità, nata sullo scambio pacifico e non sul sangue delle guerre, E’ incantevole da scoprire con le sue rocche e dei suoi giardini. Ma troppo spesso è dimenticata, dunque queste giornate di rievocazione storica rappresentano un modo di far rivivere luoghi, borghi e castelli, permettendo anche all’occhio più distratto di dare uno sguardo attraverso il tempo.

Rievocare vuol dire imparare ed insegnare il rispetto per la storia, capire che ogni città è unica è dunque rispettarne l’identità e conoscerne i limiti.


sabato 2 ottobre 2010

Il Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo

Tecnica olio su tela
Dimensioni 293×545 cm
Ubicazione museo del Novecento, Milano


Quest’opera è un simbolo della società del XX secolo: rappresenta lo sciopero dei lavoratori e simboleggia la protesta sociale e l’affermazione di una nuova classe sociale, il proletariato, che diventa consapevole dei propri diritti nei confronti della società industriale.
Nel quadro viene raffigurato un gruppo di braccianti che marciano in segno di protesta su presumibilmente la piazza di Volpedo, città natale dell’artista.

In primo piano, davanti alla folla in protesta, sono definiti due uomini ed una donna con un bambino in braccio. Le figure sono poste una a fianco all'altra a simboleggia l’uguaglianza e la solidarietà tra di esse, esaltata maggiormente dalla presenza di una figura femminile.

La composizione del dipinto è bilanciata nelle forme e movimentata nelle luci, rendendo perfettamente l'idea di una massa in movimento.

"L'arte deve essere una rappresentazione idealista della natura e di noi stessi, in vista del perfezionamento fisico e morale della nostra specie " (Giuseppe Pellizza, Volpedo).

venerdì 1 ottobre 2010

Francobollo serie ordinaria tematica "Made in Italy" dedicato al Corallo di Torre del Greco (Napoli)

Emesso in data 30 settembre con il valore di 0,60 cent di euro rappresenta, in basso, un ramo grezzo di corallo rosso del Mediterraneo (Corallium rubrum) e, primo piano, una lavorazione raffigurante un particolare di un bracciale con incisione di volti femminili, risalente alla fine del XIX secolo. A completare il francobollo le leggende “MADE IN ITALY” e “LAVORAZIONE DEL CORALLO DI TORRE DEL GRECO”, la scritta “ITALIA” e il valore “€ 0,60”.

Bozzetto: Maria Carmela Perrin