domenica 21 febbraio 2016

SAN PIER DAMIANI VESCOVO - PRATICA

Ricorrenza: 21 febbraio 



Se vogliamo sentire la voce di Dio fuggiamo, per quanto è possibile, il chiasso del mondo. 

IL POST PIU' LETTO:

lunedì 15 febbraio 2016

SANTI FAUSTINO E GIOVITA MARTIRI

Ricorrenza: 15 febbraio



I Ss. Faustino e Giovita nacquero a Brescia da nobile famiglia, e fin dalla più tenera età furono educati cristianamente. Durante la persecuzione di Adriano, si consacrarono alla visita ed al conforto dei confessori della fede cristiana. In premio della loro costanza in questo apostolato, Apollonio. allora vescovo della città, li ammise agli ordini sacri: Faustino fu fatto sacerdote e Giovita diacono. Dopo la consacrazione i santi fratelli raddoppiarono lo zelo e procurarono ai prigionieri, oltre che la parola di conforto, la grazia dei Sacramenti.


In pari tempo si dedicarono alla predicazione ottenendo abbondante frutto di conversioni, ma tanto zelo non poteva restare a lungo nascosto: un certo Giuliano li denunziò e li fece arrestare. 


Condotti dinanzi ad Adriano imperatore, di passaggio in quei giorni per Brescia, furono invitati a sacrificare agli dei dell'impero. Si rifiutarono e furono dati in pasto alle fiere, ma giunti vicine ai due Santi, si accovacciarono ai loro piedi lambendoli dolcemente. Tratti fuori dal circo, furono tradotti a Milano e da Milano a Roma; quindi a Napoli, sempre fatti segno al ludibrio della plebaglia e assoggettati a tormenti d'ogni specie. Ma gli invitti confessori di Cristo pregavano e tacevano, e il Signore dava loro la forza per resistere e vincere.


Da Napoli furono rimandati a Brescia, ove si compi il loro lungo martirio, con la decapitazione.

IL POST PIU' LETTO:

domenica 14 febbraio 2016

San Valentino e le “Valentine”

Nei Paesi anglosassoni il tratto più caratteristico è lo scambio (risalente al XIX secolo) di «Valentine», bigliettini d’amore con le sagome dei simboli dell’amor romantico (cuori, colomba, Cupido). La più antica «Valentine» di cui si abbia traccia risale al XV secolo, e fu scritta da Carlo d’Orléans, allora detenuto nella Torre di Londra dopo la sconfitta alla battaglia di Agincourt (1415). Carlo si rivolge alla moglie con le parole: «Je suis déjà d’amour tanné, ma très douce Valentinée». A metà Ottocento negli Stati Uniti tal Esther Howland iniziò a produrre biglietti di San Valentino su scala industriale. Con il passare del tempo la tradizione dei biglietti amorosi divenne secondaria rispetto allo scambio di scatole di cioccolatini, mazzi di fiori o gioielli. 

IL POST PIU' LETTO:

mercoledì 3 febbraio 2016

San Biagio

Oggi, 3 Febbraio, si ricorda San Biagio

Vogliamo ricordare il Santo in questo meraviglioso dettaglio proveniente dal Giudizio Universale di Michelangelo Buonarroti.


Il Santo, ritratto vicino a Santa Caterina, fu modificato da Daniele Da Volterra, ricordiamo che la prima versione, dipinta dal Buonarroti, fu considerata scandalosa a causa della posizione poco consona adottata dai santi.