domenica 30 giugno 2019

Chiesa Cattedrale di Castellammare di Stabia

by Rosaria Pannico



In questa ultima domenica di giugno vi propongo una bella Chiesa da visitare, non si tratta di una delle tante meravigliose chiese di Napoli ma questa si trova a Castellammare di Stabia (nei pressi del lungomare) ed è altrettanto meravigliosa.

Si tratta della Chiesa Cattedrale di Castellammare di Stabia o Concattedrale di Santissima Maria Assunta e San Catello. E' la principale Chiesa di Castellammare di Stabia ed è concattedrale dell'arcidiocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia. Eretta a partire dal 1587 ma consacrata solo nel 1893, al suo interno si venera la statua del patrono della città stabiese, san Catello. La navata centrale comunica con le laterali per mezzo di cinque arcate per lato. Dieci pilastri in piperno, rivestiti di stucco, reggono l'elegante cornicione. Sulla volta vi sono tre affreschi di Vincenzo Paliotti del 1893, circondati da dieci lunette che rappresentano le dieci virtù che brillarono in San Catello. I quattro pilastri che reggono la cupola sono accordati tra loro da quattro archi maggiori, in cui sono affrescati i profeti maggiori. Nella cupola è dipinta la visione dell'Apocalisse e nelle vele i quattro evangelisti. Sull'altare maggiore è possibile ammirare la tela dell'Assunta di Nunzio Rossi (del XVII secolo).


Volta con i dipinti del Paliotti


Il 1 Luglio a Maiori il ricordo di quel “geniaccio” di Leonardo con Imma Battista e Donatella Caramia

Il 2 Luglio ad Atrani i Premi MarediCosta a Agnese Rumiano, Antonio Schiavo, Armando Montella, Angelo Amato alla memoria, e i libri di Massimo Mangiola e Luigi Torino. 


Cinquecento anni fa, ad Amboise, ospite del re di Francia, moriva Leonardo da Vinci. Lunedì 1 Luglio, alle ore 20.30, nel Salone degli Affreschi di Palazzo Mezzacapo a Maiori, il ricordo del “geniaccio” toscano da parte della XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo.

Imma Battista, direttrice del Conservatorio Musicale “Giuseppe Martucci” di Salerno, porterà infatti in scena “Io Caterina madre di Leonardo”, monologo in un atto in forma scenica. Il testo e la recitazione sono della stessa Battista, le musiche di Donatella Caramia.
Martedì 2 Luglio sarà invece la piazza “salotto” Umberto I di Atrani ad ospitare la seconda sezione di consegna dei Premi MarediCosta. Il riconoscimento è rivolto ad autori, editori, realtà culturali “locali” che, attraverso la loro attività, hanno raccontato storie, personaggi, luoghi, tradizioni, atmosfere, che segnano il territorio della Costiera Amalfitana, attraverso la forma del romanzo, della poesia, del saggio, della documentaristica, o che sono “figli culturali” di questo territorio. Ad Atrani, alle ore 20.30 i riconoscimenti andranno agli scrittori Agnese Rumiano e Antonio Schiavo, al fotografo documentarista Armando Montella, e alla famiglia di Angelo Nazareno Amato per un’opera postuma.

La cerimonia di premiazione sarà preceduta dalla presentazione dei libri “Il Tuffatore” di Massimo Mangiola, edito da L’ArgoLibro, e “Valentina ed altre storie della Divina Costa” di Luigi Torino, pubblicato da IlMioLibro.it.

Terre d'Enotria, 273 A.C. Poseidonia, nel mezzo di una profonda crisi sociale ed economica, in “Il Tuffatore” di Massimo Mangiola, risponde a questa decadenza, stravolgendo i precari equilibri politici interni e le alleanze con i popoli confinanti. Neos di Tiro, nobile ed atleta di spicco della polis, si oppone, senza esitazione, al cambiamento in atto, al nuovo corso imposto dai potenti emergenti della città. Per questa coraggiosa scelta, il giovane ''polítes'' è pronto a pagarne l'alto prezzo. Fino alle più estreme conseguenze. 

Un noleggiatore di barche; un calzolaio d'altri tempi; una quarantenne che cerca amore; un pittore che il tempo ha reso anche filosofo; un'associazione che con le sue manifestazioni scandisce la vita di un paese; un uomo che cerca solo avventure. Sei racconti in “Valentina ed altre storie della Divina Costa” di Luigi Torino, tenuti insieme da un luogo che prima di essere fisico è luogo dell'anima.
A condurre la serata il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Alfonso Bottone.

Dedicata alla lotta contro razzismo e xenofobia, la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si snoderà lungo le più incantevoli e suggestive location della Costa d’Amalfi (Praiano, Furore, Conca dei Marini, Amalfi, Atrani, Minori, Maiori, Tramonti, Cetara), ma anche tra le città di Salerno, Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore ed Inferiore, fino al 14 Luglio 2019, con il patrocinio della Commissione Europea, di UNICEF Italia, de I Borghi più Belli d’Italia, del Touring Club Salerno, dell’UNPLI provinciale Salerno, del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, e gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali.

Maggiori informazioni sul sito www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

SANTI PRIMI MARTIRI CRISTIANI DELLA CHIESA DI ROMA

Ricorrenza: 30 GIUGNO
Questa festa commemora tutti i protomartiri della Chiesa di Roma, dopo quindi i due grandi apostoli Pietro e Paolo, la Chiesa ricorda i primi cristiani di Roma messi a morte nella persecuzione di Nerone degli anni 64-67. Di questa persecuzione abbiamo due testimonianze: una proveniente dal mondo pagano, l'altra di origine cristiana.

La prima, riportata da Tacito negli Annali, racconta dettagliatamente che il 19 luglio dell'anno 64, il decimo del regno di Nerone, un terribile incendio divampò a Roma, partendo dal Circo Massimo, quartiere di negozi e bancarelle stipati di merce infiammabile; favorito dal clima il fuoco si propagò in tutte le direzioni. Per sette giorni e sette notti imperversò distruggendo templi, palazzi e monumenti. rase al suolo. Le fiamme raggiunsero anche i giardini dell'abitazione di Caio Tigellino, prefetto del pretorio. Quando finalmente l'incendio fu estinto, due terzi di Roma erano ridotti a un ammasso di mura fumanti. A Roma circolava la voce secondo la quale Nerone fosse responsabile del colossale incendio allora per stornare da sé questo sospetto, l'imperatore indusse alcuni cittadini corrotti a denunciare come colpevoli i cristiani. Essi vennero arrestati in gran numero e giustiziati in modo particolarmente crudele.

La testimonianza di provenienza cristiana è presente nella lettera che Clemente Romano mandò alla comunità di Corinto poco dopo l'anno 90 e racconta che coloro che erano noti per essere fedeli di Cristo furono arrestati e torturati affinché denunciassero i loro compagni di fede, messi a morte con le forme più crudeli: alcuni furono crocifissi, altri spalmati di cera e usati come torce umane, altri coperti con pelli d'animale e dati in pasto alle belve. Clemente Romano riporta che questi cristiani divennero uno splendido esempio nella convinzione che chi soffriva per il nome di Cristo diveniva per ciò stesso partecipe e compagno della sua passione.

sabato 29 giugno 2019

Biennale del libro d’artista V°edizione

Napoli 5-20 luglio 2019
Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore - Sala della biblioteca
VERNISSAGE VENERDI 5 LUGLIO ORE 16.30


La Biennale del libro d’artista - una manifestazione curata e ideata da Gennaro Ippolito e Giovanna Donnarumma, promossa da Lineadarte Officina Creativa in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli, per la promozione e divulgazione del media libro d’artista - si propone di far emergere quella che è oggi la pratica del libro d’artista in ambito nazionale ed internazionale.
Presenti alla manifestazione oltre 400 ARTISTI, provenienti dai cinque continenti.
Attualmente la Biennale del Libro d’artista è la più importante manifestazione del genere in Italia .
In esposizione: mail art, fanzine, unique, libri oggetto, libri muti, poesia visiva, ebook multimediali e non , taccuini d’artista, box d’artista. Arte libera per una libera manifestazione, che ha scelto come palcoscenico la città di Napoli, anche per questa V edizione.
In questa edizione saranno ospiti il libro collettivo “ONDA SONORA” a cura di Ruggero Maggi.
©Archivio Internazionale ”TACCUINI D’ARTISTA” di Donato Di Poce
Grupo Gralha Azul
Artisti ospiti Mail Art Project TRENTATRE PIU’ 5 Edizione a cura di Antonio Conte
I giovani allievi dell'Accademia delle Belle Arti di Napoli del corso “ Tecnologia della carta e dei materiali” diretto dalla professoressa Nicca Iovinella

PROGRAMMA

05 LUGLIO
Apertura dell’esposizione ORE 16.30
interverranno:
Giovanna Donnarumma, Gennaro Ippolito,
Calogero Barba, Ruggero Maggi

performance di
Ina Ripari
“La baccante”

Lucia Longo
“I monologhi di Eco”

Presentazione del Catalogo della V edizione





12 LUGLIO
"Giocare con i libri" ORE 10.00
Gioielli letterari di Anna Maria Scocozza
Imparare una nuova tecnica creativa che invita a guardare gli “scarti” in un'ottica di" rinascita creativa", ed a realizzare originali bijoux di design contemporaneo ed ecosostenibile. I Gioielli letterari sono realizzati con le pagine di vecchi libri che, con semplici piegature, tagli, attorcigliamento della carta, diventano originali monili (orecchini, spille, ecc.). Un approccio mentale divertente e facile, che introduce anche alla filatura della carta, altrimenti destinata al macero (quotidiani, riviste, volantini ecc.).

PRESSO Lineadarte Officina Creativa | Via San Paolo ai Tribunali 31  Napoli
20 LUGLIO
ORE 17
intervento critico/poetico di Donato Di Poce (Poeta e Critico d’Arte) che illustrerà il progetto del suo ©Archivio Internazionale Taccuini d’Artista e Poetry Box con lettura di alcuni testi poetici.

performance di
Ina Ripari
Mariano Bellarosa


ARTISTI PROTAGONISTI
Artisti della Biennale del libro d'artista
_guroga | Abbondi Paola | Abenante Arianna | Adamo Flora | Agostini Laura |Alarcón Echenique Felipe | Anastasiou Ioannis | Antolini Pietro | Ardillo Letizia |Argentino Monica | Argiolas Andreina | Aspide Aurora | Assenza Valentina | BacciGraziani Lido | Baldassarre Raffaella | Baldassini Paola | Balzano Ciro | BarbaCalogero | Barba Vincenzo | Barna Fabiola | Basso Marcella | Battaglia Xante | Bertulli Elisabetta | Bevilacqua Marco | Bologna Tiziana | Bonanno Giovanni |Bongiovanni Daniele | Bornancin Gloria | Bossi Cecilia | Bracati Domenico |Branella Isabella | Bucci Rossana | Buggio Annunziata | Buratti Marina | CaccavaleAlfonso | Calì Marzia | Cammarella Maria Vittoria | Capacchione Annamaria |Capiluppi Silvia | Caporaso Angela | Carbone Antonio | Carotenuto Umberto |Cavicchini Sofia | Cecere Rosaria | Cenci Fabiola | Cerella Patrizia | CerretoRossella | Charif Khalil | Charif Jane | Chionna Daniela | Ciaffi Isabella | CiprianiElettra | Claudia Umpierrez | Cobàs ( Carchini ) Mario | Cognigni Anna Maria |Contardi Sara | Conte Antonio | Coppola Anna | Correnti Enzo | Courto Laurence |Cozza Maria Rosaria | Credidio Maria | Cutolo Anna Maria | Cuzzocrea Antonella |D’Alessandro Bruna | D’Antonio Antonio | Desogus Marina | Di Caterino Domenico | Di Martino Maurizio | Di Miceli Lucia | Diotallevi Marcello | Di pasquale Simona |Di Trani Gabriella | Dokudowicz Majka | Donnarumma Giovanna | Emily Joe | Ermilli (Compagnia dello Zukkero) Alessandra | Esposito Maurizio | Farina Cinzia | Farinelli Riccardo | Feleppa Federica | Feoli Ilaria | Ferraro Ivana | FestaFrancesco | Fidentea Piera | Filizzola Giuseppina | Minedi Gabi + Patrizio Maria |Galassi Ivo | Gallo Francesco | Gancie Rosalie | Giacobbe Luca | Giunta Salvatore |Graziani Lido Mario | Grimaldi Maria Priya | Grittani Dora | Groccia Giuseppina Irene | Guarino Carla | Gubinelli Paolo | Iannello Giuse | Ippolito Gennaro |Jandolo Benedetta | Khalil Charif | Lambitelli Paola | Landucci Beatrice | LavagniniGloria Veronica | Leonardi Silvana | Liccardo Stefania | Liuzzi Oronzo | Lo Russo Cinzia | Longo Lucia | Lopez Muro Maya | Lovati Veronica | Maggi Ruggero | Maha Caetano | Maione Giuseppe | Maisto Alessandra | Mammina Sergio | Mancini Fernanda | Manna Maria | Marsigliotti Emanuele | Martone Giordano | MasoniAnna Maria | Mastrogiacomo Pasquale | Matrone Francesco | Medda Maria Grazia | Meisner Judith | Menerella Clara | Michelotti Monica | Micocci Roberta | Mingaleev (Мингалеев) Marat (Марат) | Mitrano Annalisa | Molinari Mauro | Molinari Patrizia |Montagnani Gianremo alias MORE | Monti Alessandro | Morell Francis | MoroAlbino | Nery Maria | Pacifico Maya | Pál Csaba | Paljocha Joanna | Panella Franco | Paoli Linda | Parentela Claudio | Patrikiou Stefania Anastasia | Patti Enzo |Pellarin Sandro | Piano Ivan | Pollidori Teresa | Pompeu Chica | Pompeu deCamargo Francisca Paula | Presotto Nadia | Prota - Giurleo Antonella | PruontoDario | Puzzo Luciano | Quintavalle Rebecca | Raft Franquilandia | Renna Nicola |Riggi Giuseppina | Ripandelli Giulia | Ripari Ina | Rocchia Églantine | RomanoMario | Romitelli Maria Teresa | Romualdo Luciano | Ruggiero Giovanni |Saedaway Maha | Sala Silvia | Sansone Gino (Luigi) | Sark Paul | SassanelliAntonella | Saviano Agostino | Scala Roberto | Scocozza Anna Maria |Scognamiglio Marina | Serafini Eugenia | Sforza Antonella | Soccol Ermínia Marasca | Soriato Luciana | Sormani Antonio | Springborn Radina | Stilo Sofia |Storto Ivana | Tafolla Rodríguez Albertina | Tarabusi Ginevra | Tornaghi Micaela | Treno Luigi |Tsitsela Katerina | Tufano Ilia (Ersilia) | Turrini Stefano | Ugolini Livia | Urso Ivana | Vallini Diana Isa | Van Wichelen Nancy | Vanacore Romana | Vanacore Vittorio |Vargas Marize | Vecchio Sonia | Vianello Claudia | Vitiello Raffaella | VivianoMarilù | Xaxa Odile | Zaffarano Gaia Lucrezia | Zampieri Oriano

Artisti progetto ONDA SONORA di Ruggero Maggi
Lorenzo Alagio | Salvatore Anelli | Francesco Aprile | Franco Ballabeni |Calogero Barba - Vincenzo Barba - Giuseppina Riggi | Piergiorgio Baroldi | Vittore Baroni |Carla Bertola – Alberto Vitacchio | Rovena Bocci | Mariella Bogliacino - Fernando Montà |Giovanni Bonanno | Silvia Capiluppi | Bruno Cassaglia | Pino Chimenti | Natale Cuciniello |Giampietro Cudin | Teo De Palma | Concetta De Pasquale | Adolfina De Stefani - Antonello Mantovani |Giuseppe Denti | Anna Maria Di Ciommo | Franco Di Pede | Marcello Diotallevi |Rita Esposito - Daniele Galdiero | Gretel Fehr | Giuseppe Filardi | Alessandra Finzi |Claudio Grandinetti | Paolo Gubinelli | Peter Hide 311065 – Isabella Rigamonti | Franca Lanni |Alfonso Lentini | Silvia Lepore | Livia Liverani | Ruggero Maggi |Gianfranco Maggio - Monica Scardecchia | Loredana Manciati | Ruggero Marrani |Maria Grazia Martina | Fabrizio Martinelli | Gianni Marussi | Lorenzo Menguzzato | Lucia Paese |Pupi Perati | Marisa Pezzoli | Tiziana Priori – Simonetta Chierici | Antonella Prota Giurleo |Mario Quadraroli – Daniela Gorla Fossa | Carla Rigato | Marco Rizzo | Cesare Serafino | Elena Sevi |Lucia Spagnuolo | Ilaria Sperotto | Nello Teodori | Ernesto Terlizzi | Roberto Testori | topylabrys

La musica è architettura liquida, l'architettura è musica congelata (Goethe)

Musica ed Arte visiva… un affascinante connubio.
Il ritmo con le sue intense pulsazioni, i suoi vorticosi “picchi” ed i suoi profondi silenzi crea schemi mentali, spirituali che originano un pattern mai eguale che si ramifica in direzioni inaspettate.
Il silenzio del suono, il vuoto in un'opera d'arte: indissolubili elementi che rendono concreto e reale il “pieno” sia esso visivo che acustico. La materia non esisterebbe senza la consapevolezza del “vuoto”.
Le pause del silenzio urlano al mondo la bellezza del suono.
Molti artisti hanno evidenziato in passato la relazione tra arte e musica: dai Futuristi al Fluxus (John Cage e Giuseppe Chiari per esempio) passando attraverso la Poesia Visiva e la Mail Art.
Ho quindi pensato di invitare alcuni artisti ad intervenire creativamente su un antico spartito musicale per comporre un'ideale colonna sonoro/visiva di accompagnamento per i visitatori di questa 5° Biennale del libro d'artista di Napoli organizzata da Lineadarte.
Gli spartiti formeranno un grande libro-oggetto collettivo la cui esecuzione finale è stata da me progettata e realizzata con una speciale dedica ad un caro amico scomparso qualche anno fa: Guglielmo Achille Cavellini che, ne sono sicuro, avrebbe amato questo progetto.
Onda Sonora… una silenziosa musica che ognuno potrà far risuonare con la propria sensibilità. (R. Maggi)

©Archivio Internazionale ”TACCUINI D’ARTISTA” di Donato Di Poce
Alunni Scuola Media Capistrello | Antonucci Alessandro | Apostolo |Baj Marco | Barone Nino | Bencini Ennio | Boschi Anna | Casiraghy Alberto | Colnaghi Franco | Corsitto Carmela | Crisanti Giulio | De Santis Scipioni Fabio | Di Poce Donato | Dossi Fausta | Farina Cinzia |Gabriele Sergio | Gismondi Federico | Izumi Oki | Lauria Anna | Lentini Alfonso |Lorandi Tania | Magnabosco Nadia | Marra Max |Martin Monica | Mesch Maria | Miglietta Enza | Milot Mirashi Alfred |Minedi Gabi + Patrizio Maria | Orazio Gaetano | Pace Achille | Pacifico Maya | Prota Giurleo Antonella | Ragozzino Luciano | ReaMauro | Ronzoni Giovanni | Rosi Chiara | Sangermano Paolo | SantoliLeonardo | Sbarbati Stefania | Schatz Evelina | Sinisi Franco | TalòRaffaello | Tamegaya Fumiyo | Zola Betty


Grupo Gralha Azul
Araújo, Darmeli | Marasca Soccol Ermínia | Sperandio Balconi Jane | Gutierrez Luiza | Ecker Koehler Jeanete | Kronbauer Jussara Leite | Presotto Vera | Luzzatto Tania | Fogliato Lima Therezinha | Damasceno Ferreira Maria Julieta | Caruso Mara | Caetano Sirlei | Toniolo Kuhn Maria do Carmo | Bergamin Marithê

Libro collettivo donne "Presenze"
Caporaso Angela | Bossi Cecilia | Fatone Nunzia | Mabi Col

Libro collettivo donne "Musica divina"
Bilar Lucia| Bossi Cecilia | Carcaro Mirta | | Di Palma Renata | MabiCol | Toffolon Paola

Libro collettivo
Caccavale Alfonso | D’Antonio Antonio

Artisti ospiti Mail Art Project TRENTATRE PIU 5 Edizione
di Antonio Conte
Bacchilega Anna | Bana Sabela | Baroni Vittore | Basin Ilya Semenenko | Baudet Richard | Beeke Lutz | Besozzi Alejandra | Biral Lucia | Bressa Carmen | Bossi Cecilia | Bulla Valeria | Caccavale Alfonso | Cazzaro Maria Teresa | Cohen Ryosuke | Colella Angelo Nge | Conte Antonio | Correnti Enzo | Brhuno Waam Mru Debenedetti | De Marchi Antonio | Di Palma Renata | Farina Cinzia | Fierens Luc | Finazzi Mimicha | Follin Maurizio | Fuhrmann Thorsten |Guerra Valentina | Guroga | Venezuela Alexandru Jakabházi | Jakabhazi Eduard | Kata Marosi | Ildiko Bir | Leti Vanna | Lentini Alfonso | Limongelli Pierpaolo | Lo Gerfo Mariano | Longo Lucia | Lopez Muro Maya | Luigetti Serse | Ma Rea | Mabi Col | Marcuse Morice | Martell Rebecca | Masiello Annamaria | Mastromauro Daniela | Meral Agar | Neri Barbara | Pennacchi Walter | Patrickt Joey | Patrone Gennaro | Paz hilada | Piroska Hoervath | Piscitelli Luca | Poclage Poul | Ripari Ina | Romualdo Luciano | Aranyi Sandor | Sassanelli Antonella| Sanseruerino Sergio | Scala Roberto | Schumacker Lars | Storto Ivana | Strada Giovanni e Renata |Untzilla Mikel | Vanfiori Eugenio | Velasco Stella Maris | Verdi Raj | Vesovic Dragana | Valle Antonio


Dal 5 luglio al 20 luglio 2019
LUOGO: Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore
INDIRIZZO: piazza S. Domenico Maggiore -Napoli
ORARI: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 18:30
ENTI PROMOTORI:
LineaDarte Officina Creativa

IN COLLABORAZIONE:
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

II° RASSEGNA DELLA POESIA IN VERNACOLO 2019 ROVITO

Ecco il calendario delle serate nel centro storico:


Venezia nascosta - passeggiata serale


Questo nuovo percorso partirà da campo Santi Apostoli verso il campo San Canciano, dove si scoprirà la ricetta della pozione miracolosa prodotta a Venezia e venduta ovunque in Europa. Si procede poi verso la Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, eccezionale edificio rinascimentale impreziosito da marmi orientali. Proseguendo nell’itinerario, si giungerà in campo Santi Giovanni e Paolo, di fronte all’omonima chiesa e alla Scuola Grande di San Marco. Qui si racconteranno tante curiosità e aneddoti, che riguardano anche il monumento equestre a Bartolomeo Colleoni. Attraverso calli e campielli nascosti si arriverà alla casa di Tiziano Vecellio per rientrare al termine del percorso in campo Santi Apostoli.

L’appuntamento è fissato per SABATO 29 GIUGNO alle ore 18.00 in campo Santi Apostoli e terminerà entro le 20.30 sempre in campo Santi Apostoli.

ALTRE INFORMAZIONI:
Il prezzo a persona è di 8 euro.
La quota di partecipazione include: (visita guidata con guida turistica autorizzata, noleggio whispers).
La prenotazione è obbligatoria ed impegnativa, effettuabile tramite email all’indirizzo info@aregoladarte.info .
Per maggiori informazioni potete chiamare il numero 3494107020.
In caso di condizioni climatiche particolarmente avverse l’itinerario non avrà luogo. 

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

SS. PIETRO E PAOLO APOSTOLI

Ricorrenza: 29 GIUGNO



S. PAOLO APOSTOLO
Saulo, in seguito Paolo, nacque a Tarso, capitale della Cilicia, nei primissimi anni dell'era volgare. Fu circonciso l'ottavo giorno, ricevendo il nome di Saulo a ricordo del primo re d'Israele, il più grande personaggio della tribù di Beniamino, cui la famiglia apparteneva.

S. PIETRO APOSTOLO
Pietro nacque a Betsaida in Galilea da poveri genitori. Quegli che doveva divenire il primo Papa, la prima colonna della Chiesa, era un semplice pescatore. Però era uno di quegli israeliti semplici e retti che aspettavano con cuore mondo il Redentore d'Israele.

La Provvidenza ha voluto che tutti e due giungessero a Roma e versassero il sangue per la fede, i quali patirono nello stesso anno e nello stesso giorno, sotto Nerone Imperatore. Pietro fu crocifisso a Roma con il capo rivolto verso la terra e sepolto nel Vaticano presso la via Trionfale. L'altro decapitato e sepolto sulla via Ostiènse, è venerato con pari onore.

venerdì 28 giugno 2019

Al Bagus Cafè di Nocera Superiore la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it il 29 giugno incontra Ubaldo Baldi, autore di “Quel freddo inverno del ‘59”

Nuovo appuntamento nell’Agro per la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo. Sabato 29 giugno infatti, alle ore 18.30, presso il Bagus Cafè di Nocera Superiore, il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Alfonso Bottone si intratterrà con Ubaldo Baldi, autore di “Quel freddo inverno del ’59. Gli anni cinquanta e l’occupazione delle MCM di Nocera: una storia operaia” edito da Polis SA ed in concorso per il Premio costadamalfilibri, maiolica realizzata dalla Daedalus di Vietri sul Mare.
 
L’autore inquadra il periodo nel più ampio contesto storico delle lotte operaie degli anni Cinquanta, sul ruolo importante che l'industria tessile ha rappresentato per circa un secolo nel nord-ovest della provincia e quindi su quello altrettanto importante che hanno avuto gli operai del settore tessile, nello sviluppo economico e sociale della provincia, come pure delle organizzazioni sindacali che ne rivendicavano e tutelavano i diritti normativi e salariali. L'industria tessile degli "svizzeri" ha rappresentato un esempio di laboriosità e innovazione tecnica tutta interna però ad una ideologia "industrialista", dove il progresso si identificava con lo sviluppo industriale a qualsiasi costo, soprattutto però se questo "costo" lo pagavano gli operai sulla propria pelle, con uno sfruttamento intensivo soprattutto minorile e femminile per lunghi tratti di quei cento anni. Le lotte operaie degli anni cinquanta nel salernitano, furono lotte di resistenza sindacale ma anche politica ed umana che al loro interno, recavano sempre evidenti i segnali di un riscatto, affermando la conquista di una dignità legata ad un ruolo nuovo - soprattutto delle donne- nella società civile.
 
Il “salotto letterario” di Nocera Superiore è organizzato in collaborazione con l’Associazione Polis SA Navigando Controvento, e registra l’intervento di Mimmo Oliva, portavoce del sodalizio, e di Francesco Saverio Minardi, consigliere comunale Polis SA di Nocera Superiore.
 
Dedicata alla lotta contro razzismo e xenofobia, la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si snoderà lungo le più incantevoli e suggestive location della Costa d’Amalfi (Praiano, Furore, Conca dei Marini, Amalfi, Atrani, Minori, Maiori, Tramonti, Cetara), ma anche tra le città di Salerno, Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore ed Inferiore, fino al 14 Luglio 2019, con il patrocinio della Commissione Europea, di UNICEF Italia, de I Borghi più Belli d’Italia, del Touring Club Salerno, dell’UNPLI provinciale Salerno, del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, e gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali.
Maggiori informazioni sul sito www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Oltre il Miglio d'oro - Conversazione con l'autore Domenico Maria


Lunedì 1 luglio ore 17:30 presso la Biblioteca Comunale di San Giorgio a Cremano, in Villa Bruno, (Via Cavalli di Bronzo, 20) si terrà la Ppesentazione del libro "Oltre il Miglio d'oro - Conversazione" con l'autore Domenico Maria.
Nel corso della presentazione scopriremo tra storie, aneddoti e leggende del perchè il giardino di Villa Vannucchi è a forma di rosa o del perchè Re Carlo decise di costruire una sua Reggia proprio a Portici.
L'autore ci accompagnerà iin una piacevole "passeggiata virtuale" tra le residenze del Miglio d'oro e "oltre"!
 

Al Blu di Prussia - Vita Sackville - West e Virginia Woolf

Mercoledì 3 luglio ore 17:30


Villa Savonarola - Portici (NAPOLI)

by Rosaria Pannico 


La villa, sita in Corso Garibaldi a Portici (in provincia di Napoli), fu fatta costruire nel 1850 da Luigi Corsi. Divenne, prima, proprietà di Clementina Cafaro, poi, dell'Istituto Biblico
Evangelico d'Italia che attribuì l'attuale denominazione. Passata nelle mani della famiglia Fiore, è stata, infine, acquistata dal Comune di Portici che, data la bellezza della struttura, ha deciso di
adibirla per le celebrazioni dei matrimoni civili e, a partire dal 1996, al suo interno è stata istituita anche la biblioteca comunale, che attualmente vanta molti libri ed edizioni di grande pregio. (si segnalano gli orari: lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 17.00; venerdì dalle 8.30 alle 12.30). Io stessa ho presentato e donato alla biblioteca una copia del mio romanzo di breve di fantascienza dal titolo “Terra di un nuovo mondo” in occasione dell'evento culturale dal titolo “...ti presento un LIBRO” svoltosi il 14 novembre 2014.

Bella la prospettiva dal giardino che si estende di fronte ai due prospetti del palazzo: per accedere alla villa bisogna, infatti, attraversare il viale. E' di pregevole fabbrica neoclassica: la facciata è caratterizzata dal bel pronao ionico sorretto da colonne e da pilastri a fascio rettangolari, questi ultimi solo nella parte angolare. L'architrave, nudo, reca dei triglifi in prossimità dei capitelli. Il pronao sorregge la bella terrazza del piano nobile che si sviluppa nella sezione centrale dell'edificio.

Sono stata recentemente a visitarla e vi propongo questo breve video:

SANT’IRENEO DA LIONE

VESCOVO E MARTIRE 
Ricorrenza: 28 GIUGNO


 Nato l'anno 121 nelle vicinanze di. Smirne, ebbe per primo precettore l'illustre vescovo di quella città S. Policarpo dal quale apprese lo spirito apostolico e quella scienza che lo rese uno dei più belli ornamenti della Chiesa, in quei tempi di lotta e di sangue. Ancora giovane diede un primo assalto alle dottrine degli Gnostici e Valentiniani che avevano corrotto la dottrina di Cristo.
Successivamente il suo desiderio di approfondire negli studi lo spinse a Roma, dove insegnavano i più celebri maestri del suo tempo, e fu tale il progresso che fece in queste scuole, che al fine dei corsi poteva ormai gareggiare con i suoi precettori.
Recatosi nelle Gallie fissò la sua dimora a Lione dove era vescovo S. Potino. Questi, conosciuti i talenti e le virtù lo propose agli ordini sacri e al sacerdozio. Predicò con la parola, con l'esempio e con la potenza dei miracoli.
Sorta in quel tempo la questione circa la celebrazione della Pasqua, il Papa Vittore minacciò la scomunica ai vescovi dell'Asia che su questo punto dissentivano dai loro fratelli nell'episcopato. S. Ireneo intervenne con la sua autorità e portò la pace. Dopo tutto questo sigillò, sotto Settimio Severo, col sangue, quella fede che aveva predicato e per la quale aveva tanto sofferto.
Benedetto XV ne estese la festa a tutta la Chiesa, cingendolo dell'aureola di dottore.

Il nome di S. Ireneo è legato alla schiera numerosa di quegli eroi che col martirio illustrarono la Chiesa di Lione.

giovedì 27 giugno 2019

San Giorgio a Cremano - "MISERE RE" concerto alla Chiesa Madre del Cimitero

Continua il percorso di conoscenza e fruizione dei luoghi storici della città: Fra i tesori che si sta cercando di restituire alla città favorendone la fruizione, vi è la più antica chiesa del territorio, quella di San Giorgio Vecchio, oggi Chiesa Madre del Cimitero che risale al 1300. 

Venerdì 28 giugno, alle ore 19.30, si svolgerà nella Chiesa Madre un concerto dal titolo "MISERE RE", a cura dei Pueri Cantores dell'associazione Malibran, diretti da Raffaella Ambrosino. Un concerto che ripercorrerà pagine di musica memorabili, di grandi autori come Lotti, Da Vittoria, Desprez, e che si concluderà con l’ultimo dei 12 miserere, risalente al 1514 composto e cantato nella Cappella Sistina: il Miserere di Gregorio Allegri basato sul salmo 50 della Bibbia, una composizione a 9 voci per 2 cori, riconosciuto come uno dei migliori esempi di polifonia rinascimentale. Altri eventi sono previsti a partire da settembre nell'ottica della continuità. 

Il concerto di domani offre l'opportunità ai cittadini di San Giorgio ma anche agli appassionati e agli amanti della musica e dell'arte, di visitare la Chiesa Madre all'interno del cimitero. Un tesoro dall'alto valore artistico proprio per la valenza storica che lo contraddistingue e per il legame con il territorio. La chiesa infatti ha subito diverse ristrutturazioni, ma dal post terremoto nel 1980 era raramente accessibile al pubblico.

Proprio per l'alto valore artistico, La Chiesa di San Giorgio Vecchio è stata inserita tra le opere oggetto di restyling nell'ambito degli interventi finanziati dalla Città Metropolitana. E subito dopo verranno ricollocati all'interno quadri ed oggetti che furono trasferiti negli uffici comunali per motivi di sicurezza, proprio a seguito dei danni del sisma. E per rendere sempre più partecipe la cittadinanza, nella conoscenza del patrimonio culturale sangiorgese, il sito è stato già oggetto di eventi aperti al pubblico lo scorso 12 aprile, con la presentazione del libro sulla toponomastica :“da Cambranius a Giorgio a Cremano", a cura del Prof. Giuseppe Improta.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

TERRA CARNALE di Pasquale Esposito

TERRA CARNALE


Questa terra mia carnale
che galoppa verso il mare
fila da anni luce.
Mentre tu mi dici guarda
sono la tua stella.
Terra Campana: grassa, bella
tersa, rigogliosa, che sciama.
Cresciuto sopra di lei
con i mie anni che
immagazzino nel suo favo.
Porto i migliori giorni a te,
come raccolto del mio
amore: Mare, sole ,fuoco
miele, corallo.

Pasquale Esposito
Tutti i diritti riservati


IL POST PIU' LETTO:

Premi Marchio Italy al Conservatorio Musicale di Salerno, alla Crociera della musica napoletana, all’azienda Formaperta, all’Associazione Atrium, il 28 giugno ad Atrani

C’è un’Italia che lavora, che produce, che conquista il mondo con l’eccellenza della sua qualità. E in questa Italia qua c’è il nostro Mezzogiorno, che eleva la creatività ed il talento a qualcosa di “unico”. Sono proprio questi gli aspetti che la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo con il Premio Marchio Italy intende riconoscere in alcuni dei settori creativi, talentuosi, produttivi dell’Italia in generale, del Sud e della Campania in particolare. C’è tanta Italia nel mondo, tanti protagonisti del nostro Mezzogiorno, e non c’è paese dove non ci venga detto che i nostri prodotti, la nostra arte, le nostre tradizioni sono i migliori. Un pezzo di questa Italia sarà appunto premiato Venerdì 28 giugno sul “mare” di Atrani, con inizio alle ore 20.30, in collaborazione con il Comune ed il Forum dei Giovani del centro costiero. 


I riconoscimenti 2019 andranno al Conservatorio Musicale “Giuseppe Martucci” di Salerno. Nato come scuola di musica nel 1819 durante il regno borbonico e divenuto Conservatorio autonomo dal 1980, il “Martucci” si rivolge alla formazione musicale di livello accademico, alle attività di ricerca ad essa correlate, alla produzione musicale e alla sua diffusione sul territorio nazionale e internazionale. L’attività del Conservatorio di Salerno è rivolta, oltre alla didattica, anche alla realizzazione di progetti di ricerca e produzione musicale, frutto di un’attenzione costante per la divulgazione della musica e lo sviluppo dei talenti, come testimoniato i tantissimi eventi realizzati negli anni, alcuni dei quali svolti in collaborazione con altre Istituzioni, e come si evince dai numerosi premi e riconoscimenti conquistati nel tempo dagli studenti più meritevoli. L’imponente quantità di manifestazioni e di produzioni artistiche offre infatti ogni anno agli allievi molte occasioni di confronto e di crescita in ambito musicale, spesso anche in contesti internazionali grazie ai numerosi e fertili scambi con le 70 istituzioni partner del programma Erasmus+ distribuite in 20 paesi europei.

All’azienda Formaperta Srl di Nocera Superiore, che opera nel settore dell’eco-design e dell’architettura progettando prodotti sostenibili in cartone ondulato. Allestimenti museali, espositori, arredi, supporti di comunicazione e packaging speciali sono realizzati prevalentemente con tecniche ad incastro e senza l’utilizzo di colle. Gli inchiostri ad acqua, le sofisticate tecniche di taglio e di stampa garantiscono un minimo impatto ambientale. Questa l’essenza della product offering aziendale, certificata da enti terzi e idonea a rispondere in maniera personalizzata alle esigenze del singolo cliente.

Alla Crociera della musica, arte e cultura napoletana su MSC Crociera che, per la sua XII edizione, dal 21 al 28 settembre 2019, salperà da Bari e si snoderà nel Mediterraneo Orientale, attraverso l’Adriatico, lo Jonio e l’Egeo. La crociera, organizzata dall’Agenzia Scoop Travel e dall’Associazione “Più Napoli”, si configura come un evento emozionale ed esperienziale, finalizzato soprattutto alla valorizzazione della cultura napoletana e della propria identità territoriale attraverso la riscoperta della reale storia della città e del Regno delle Due Sicilie. Non mancano mai incontri con artisti provenienti da altri porti del Mediterraneo, per garantire un evento all’insegno della fratellanza e dell’affinità tra le culture musicali marittime europee.

All’Associazione Atrium di Atrani, un team composto di giovani locali con la passione per la propria terra e per il patrimonio culturale che essa ha da offrire. Un gruppo di ragazze e ragazzi che ha deciso di accogliere i turisti, anche attraverso l'organizzazione di tour durante l'anno, fornendo loro indicazioni preziose circa il borgo di Atrani e i comuni limitrofi, occupandosi in particolare dell'apertura e della visita della chiesa-museo di San Salvatore de' Birecto di Atrani.
Dedicata alla lotta contro razzismo e xenofobia, la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si snoderà lungo le più incantevoli e suggestive location della Costa d’Amalfi (Praiano, Furore, Conca dei Marini, Amalfi, Atrani, Minori, Maiori, Tramonti, Cetara), ma anche tra le città di Salerno, Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore ed Inferiore, fino al 14 Luglio 2019, con il patrocinio della Commissione Europea, di UNICEF Italia, de I Borghi più Belli d’Italia, del Touring Club Salerno, dell’UNPLI provinciale Salerno, del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, e gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali.

Maggiori informazioni sul sito www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

LE TRAME DELL'ANIMA


Con il loro quotidiano operato, con l’esercizio ripetuto e mai concluso, agli artisti è dato il compito di lasciar fluire e propagare quel di più chiamato da molti Anima. Lo stesso di più che ha reso altro da sé della semplice argilla divenuta Uomo, che diverrà altro ancora nelle trame di quella tessitura precisata vita. Un continuo cammino che ci porta ad incontrare il nostro sentire. Un camminare che ci conduce dall’interno verso l’esterno del nostro corpo e viceversa, da quel buio che trascina con se il silenzio fino alla luce, senza escludere i passaggi chiaroscurali, i temporali ed i cieli tersi.
Una luce che non ha forma, che non ha colore, che, seppur trasparente, trasfonde di luminescenza il nostro Io.
Una luce rincorsa che molti chiamano conoscenza, Una luce privata che altri chiamano anima.
Un’anima che gli artisti dilatano nella materia trasformandola in opera autonoma affinché essa stessa possa proseguire, da sola, il suo cammino nella vita.
Giorno dopo giorno.
Quotidianamente l’artista trasferisce, varcando il confine della propria pelle, parti di se in un nuovo lavoro, attingendo alla propria visione della vita, al proprio vissuto al proprio dentro. Un impalpabile dentro racchiuso nel nero del corpo. Sentimenti tessuti in quell’arazzo chiamato anima.
Le tessiture dell’anima sono l’alfabeto della creatività artistica attraverso cui il genere umano semina, nutre e tramanda l’esperienza emozionale del suo viaggio esistenziale ben consapevole che al termine di un filo qualsiasi si possano incontrare i bordi del telaio, incontrare il confine, incontrare la fine.


Gli artisti
Eva Be Yauno-Janssen, Patrizia Bonardi, Gianni Caruso, Carla Crosio, Silvia Fubini, Kathrin Gebhardt Nieselt, Robert Gligorov, Danuta Golonka, Magdalena Gremm, Fukushi Ito, Margherita Levo Rosenberg, Donato Marrocco, Virginia Monteverde, Diego Pasqualin, Teresa Pollidori, Armando Riva, Claudio Rotta Loria, Tea Taramino, Gianfranco Tassi, Bernd Weyland, Gabriele Zago, Paola Zorzi.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Venerdì 28 giugno, alle ore 21:00, il concerto di Paolo Fresu e Danilo Rea in "Duo 2019", inaugura la rassegna "Passaggio a Sud-Ovest"


La rassegna si svolgerà nell'esclusiva location dell'Arena del Fuenti, in Costiera Amalfitana (SS163 Amalfitana – Vietri sul Mare). La rassegna, diretta artisticamente da Peppe Servillo e Michelangelo Busco, porta nella Divina due dei più grandi talenti del jazz Italiano, amanti della melodia, che spaziano da brani di autori e cantautori italiani fino ad arrivare agli standard di jazz, per un'esibizione all'insegna di un dialogo musicale a forte vibrazione, mai scontato, che cattura per la sua grande generosità. Sul palco Fresu e Rea giocano con la
musica e si divertono catturando empaticamente l'audience. La magia di Fresu e della sua tromba incontra i virtuosismi di Rea al pianoforte per uno spettacolo degno di un pubblico desideroso di forti ed indimenticabili emozioni. Biglietti numerati: 38 euro (prato superiore); 42 euro (poltrona arena); 45 euro (parterre). Info e prenotazioni: 089 210653; 351 1575445 - arena@giardinidelfuenti.com. Parcheggio gratuito. Possibilità di miniabbonamenti alla rassegna.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

San Giorgio a Cremano - Il giardino di Villa Vannucchi dopo i lavori di manutenzione

by Rosaria Pannico

Villa Vannucchi, sita in di San Giorgio a Cremano (NA), è una delle ville monumentali del Miglio d'Oro. 
http://www.rosarydelsudartnews.com/2010/07/villa-vannucchi-villa-monumentale-del.html

Si è svolta ieri 26 giugno la mauntenzione del parco di Villa Vannucchi: sono stati effettuati lavori di ripristino e, dove necessario, sostituzione dei chiusini nello stesso Parco.


Per questo motivo il Parco è stato chiuso nella sola giornata di ieri. Già a partire da questa mattina era regolarmente aperto secondo gli orari previsti: ossia dalle ore 6.00 alle ore 20.30. 


Gli interventi sono stati necessari e rientrano nelle opere di manutenzione che l'amministrazione sta effettuando oltre che nelle ville anche su strade e piazze, migliorandole e rendendole più sicure. 


Ricordiamo che l'amministrazione ha programmato e sta compiendo, compatibilmente con i tempi dettati dagli iter burocratici, numerosi interventi su tutto il territorio sangiorgese. Proseguono infatti come da calendario, i lavori di restyling del parco di Villa Bruno che stanno trasformando il volto di una delle dimore più belle del Miglio D'oro è poi pronto il bando pubblico per affidare i lavori di restyling di Piazza Troisi, mentre in attesa dell'approvazione dei fondi da parte della Città Metropolitana sono pronte a partire entro fine anno numerose opere, tra cui proprio l'impianto di illuminazione dello splendido parco di Villa Vannucchi che sarà ripristinato e ammodernato. Interventi anche in via Tufarelli, con la rimozione della pista ciclabile e la ripavimentazione della carreggiata, via Gramsci e via Luca Giordano con il rifacimento del basolato, via Galante, viale Formisano , via Cappiello, via San Giorgio Vecchio, via San Martino, via Salvatore Di Giacomo, con il restyling dell'asfalto. Inoltre verrà potenziato l'impianto di illuminazione di via Sandriana. 


Ricordiamo che Villa Vannucchi fu voluta da Giacomo d'Aquino di Caramanico (esponente della famiglia D'Aquino e gentiluomo di camera del sovrano Carlo di Borbone), che acquistò, nel 1755, alcune proprietà dei discendenti di Giovanni Battista Imparato. A metà del XIX secolo la villa fu venduta ai Van den Henvel e successivamente (nel 1912) alla famiglia Vannucchi. Fu gravemente danneggiata dal sisma del 1980 e successivamente acquisita poi al patrimonio del comune di San Giorgio a Cremano, è stata sottoposta a lavori di restauro terminati nel 2006.

Io questa mattina sono andata a dare un'occhiata facendo questo breve video del parco che vi propongo e delle foto.


SAN CIRILLO D’ALESSANDRIA

VESCOVO E DOTTORE DELLA CHIESA
Ricorrenza: 27 GIUGNO
Etimologia: Cirillo = che ha forza, signore, dal greco
Emblema: Bastone pastorale


Cirillo (370-444) vescovo di Alessandria d’Egitto tra il 385 e il 412, fu protagonista assoluto nella Chiesa della prima metà del V secolo.

Fronteggiò gli avversari della Cristianesimo con la stessa determinazione con cui combatté le derive teologiche dentro la Chiesa stessa: non si sottrasse nelle dispute contro i pagani e contro i giudei e divenne punto di riferimento nelle dispute teologiche che precedettero e seguirono il III Concilio Ecumenico, celebrato ad Efeso nel 431. Cirillo fu l'intrepido difensore della divina maternità di Maria, il trionfatore del concilio di Efeso che mise fine a un'insidiosa controversia teologica che aveva contrapposto per anni le due sedi più prestigiose dell'oriente: quella di Alessandria, in Egitto, della quale era vescovo Cirillo, e quella patriarcale di Costantinopoli, retta da Nestorio.

In quegli anni particolarmente difficili per la Chiesa, Cirillo, governò la Chiesa di Alessandria d’Egitto difendendo strenuamente l’ortodossia.

mercoledì 26 giugno 2019

Il 27 Giugno al Palazzo Mezzacapo di Maiori salotto letterario con Serena Venditto, Flora Vona, Letizia Vicidomini, e le invenzioni culinarie di “Due amici e una padella”

Serata al “femminile” la n.43 della XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, che vede protagonisti scrittori in concorso per il Premio costadamalfilibri, maiolica realizzata dalla Daedalus di Vietri sul Mare. Il 27 giugno, inizio alle ore 20.00, presso la Sala degli Affreschi di Palazzo Mezzacapo a Maiori, con il patrocinio del Comune costiero, il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it, Alfonso Bottone. si intratterrà per questo nuovo “salotto letterario” con Serena Venditto e “L’ultima mano di burraco. Quattro coinquilini e un’indagine (per non parlare del gatto)” edito da Mondadori, Flora Vona con “Irene” pubblicato da Homo Scrivens, e Letizia Vicidomini autrice di “Lei era nessuno” edito da Homo Scrivens. 


“L’ultima mano di burraco” di Serena Venditto si apre subito con una morte misteriosa. Chiaia, centro di Napoli. Dopo una tranquilla cena in famiglia con la moglie e i figli, che si è conclusa con una partita a burraco, Temistocle Serra, distinto professore universitario di Teoria dei giochi e delle decisioni, muore. Omicidio, suicidio o morte naturale? Stabilirlo spetta alla polizia, ma c’è una cosa che le forze dell’ordine proprio non riescono a fare: interpretare una sequenza di carte da gioco che l’uomo ha lasciato sul tavolo prima di morire, in un ordine che non può essere certo casuale. Un messaggio in codice, e chi meglio di Malù, archeologa col vizio della letteratura gialla, può aiutare a risolvere l’enigma? E così il commissario De Iuliis la coinvolge nel caso in qualità di consulente investigativo. Malù a sua volta trascina nell’indagine la sua famiglia d’elezione, gli amici con cui condivide il caotico appartamento di via Atri 36, a due passi da Spaccanapoli: Ariel, traduttrice di atroci romanzetti rosa nonché esperta giocatrice di burraco; Samuel, rappresentante di articoli per gelaterie di origini sardo-nigeriane; Kobe, talentuoso quanto sgrammaticato pianista giapponese; e ovviamente il gatto nero Mycroft con il suo fiuto infallibile. Cosa voleva indicare Temistocle Serra con quel codice? E soprattutto: chi era davvero il professore, e quali segreti nascondeva? I quattro coinquilini proveranno a scoprirlo, e anche Mycroft avrà modo di miagolare la sua. 


"Irene" di Flora Vona, attrice cinematografica e teatrale, è un romanzo sentimentale che si muove fra le atmosfere liberty di Ginevra nei primi del Novecento. Irene è un'adolescente cresciuta in un convitto per orfanelle e invaghita del suo maestro di recitazione George. Travolta dal fuoco sacro della recitazione, lascia il convitto per tentare la strada del successo. Dopo aver recuperato informazioni sulla signora che anni prima le salvò la vita raccogliendola in fasce e affidandola all'Istituto, Irene affronta una nuova vita tra successi teatrali e amori appassionati, felicità insperate e dolori improvvisi. Su tutto, il potere catartico della scrittura e la profondità dei sentimenti.

Ines, una bella donna di cinquantacinque anni, impiegata, vedova, con due figlie, è la protagonista di “Lei era nessuno” di Letizia Vicidomini, speaker radiofonica. La sua vita ruota intorno a loro, ma da vent'anni c'è uno spazio che dedica solo a sé, e all'uomo che con lei divide quel tempo sospeso. Avvocato, sposato e padre, non le ha mai promesso nulla, e d'altronde lei nulla chiede: solo quell'ora o due di parole, carezze, sesso appagante. È felice, Ines, ma un giorno il suo paradiso sprofonda. Giuseppe manca a un incontro, non risponde al telefono, e lei non ha altri contatti. Non ha mai pensato che dovesse sapere più di quanto lui stesso le raccontava: solo ora si rende conto di non averlo mai conosciuto a fondo: addirittura il nome che le ha dato è falso così come la professione. E se fosse morto? Se gli fosse accaduto qualcosa di terribile? Nessuno avrebbe potuto avvisarla. Nessuno sapeva di lei. Lei era nessuno, nella vita del suo uomo.
Nel corso della serata, con le sottolineature musicali di Dario Ferrigno al clarinetto, Giovanna Santucci, organizzatrice di eventi legati al mondo della gastronomia, e Alfredo Di Domenico, “cuoco per passione”, ovvero l’anima di Due Amici e una Padella, creeranno “in diretta” delizie alimentari tutte da gustare.


Dedicata alla lotta contro razzismo e xenofobia, la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si snoderà lungo le più incantevoli e suggestive location della Costa d’Amalfi (Praiano, Furore, Conca dei Marini, Amalfi, Atrani, Minori, Maiori, Tramonti, Cetara), ma anche tra le città di Salerno, Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore ed Inferiore, fino al 14 Luglio 2019, con il patrocinio della Commissione Europea, di UNICEF Italia, de I Borghi più Belli d’Italia, del Touring Club Salerno, dell’UNPLI provinciale Salerno, del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, e gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali.

Maggiori informazioni sul sito www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

II° Concorso Nazionale di Poesia “Pianeta Donna”



Regolamento:
1. La partecipazione al concorso è totalmente gratuita.
2. Il concorso è riservato esclusivamente alle persone maggiorenni che hanno compiuto almeno il 18 anno di età.
3. Ogni Autore può inviare Una sola Poesia.
4. La Poesia esclusivamente in lingua Italiana, deve essere Inedita e mai Premiata in nessun Concorso.
5. Tutte le Poesie che arriveranno, devono essere dedicate al Pianeta Femminile, in tutte le sfaccettature della sua vita.
6. Ogni Autore è responsabile dell’autenticità dell’opera presentata.
7. Giudicheranno le Poesie, una Giuria formata da Professionisti e Non.
8. Il giudizio della Giuria sarà Insindacabile e inappellabile.
9. Oltre i Premiati, riceveranno tutti, l’attestato di Partecipazione.
10. L’invio della Poesia deve essere redatto su foglio Word, carattere Time New Roman, grandezza 14 in grassetto, e spedita esclusivamente, per via e-mail a: ioscrittore.giada@gmail.com
11. Termine ultimo per accettare la Poesia, ore 24, del 15 Settembre 2019.
12. La serata della Premiazione sarà Comunicata quanto prima, e comunque non oltre il termine della consegna delle Poesie.
13.L’organizzazione del concorso, si riserva di utilizzare i testi delle poesie per un eventuale libro, senza nulla a pretendere da parte degli stessi autori, resta inteso che tutti i diritti delle opere resteranno di esclusiva proprietà degli autori stessi.
14. Interverrà alla serata finale l’Associazione Malattie Rare con l’intervento del Sig. Giuseppe Silvano, Vice Presidente dell’associazione e Vice Presidente delle Associazioni Malattie Rare Campane, nonché componente della Commissione Europea Europlan 1 e 2, la voce dei malati rari in Europa, come sponsor dei premi.
15.Alla serata della Premiazione, ai Poeti partecipanti, verrà permesso di leggere la loro Poesia con ripresa Video e mandata in onda su Youtube sul canale di Gianni D’Andrea nella Playlist Napoliculturartespettacolo.
16. I Poeti partecipanti alla serata che si renderanno disponibili potranno leggere uno stralcio della Presentazione del Romanzo dell’autore Gianni D’Andrea intitolato “ La Richiesta di Amicizia”.
17. La partecipazione al Concorso implica l’accettazione del presente regolamento e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ai soli fini istituzionali (Legge 675/1996 e D.L. 196/2003).
18. Il mancato rispetto delle norme sopra descritte, comporta l’esclusione dal concorso.
19. Inoltre, tutta la serata della Premiazione, con la presentazione del Romanzo, verrà ripresa con FOTO e VIDEO per essere visionata interamente su: https://www.youtube.com/channel/UC568HqIcz6AQnlN3mHjtc7Q e su https://www.facebook.com/Napoliculturartespettacolo/
20. Alla serata della premiazione del Concorso, tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione del Romanzo “La richiesta di amicizia” sulla pagina https://www.facebook.com/Ioscrittoregiannidandrea/ avranno in Loco, copia del Romanzo Gratis come promesso dall'autore, e le persone non presenti, gli verrà spedito a casa.
21. Inoltre saranno invitati vari personaggi dello spettacolo per presentare le loro performance nei vari momenti di Relax della manifestazione.

SAN VIGILIO VESCOVO E MARTIRE

Ricorrenza: 26 GIUGNO


Patrono del Trentino e dell'Alto Adige, fu colui che operò maggiormente per la conversione al cristianesimo di quelle popolazioni.

Nato a Trento da una famiglia romana, vissuta nell'Urbe a sufficienza per acquistare i diritti della cittadinanza, fu mandato a studiare ad Atene, ritornato poi a Trento fu consacrato vescovo e costruì una chiesa che dedicò ai SS. Gervasio e Protasio, ricevendo da S. Ambrogio le reliquie.

Il nome “Vigilo” probabilmente è legato a questa vicenda, oltre che in genere alla sua opera di vescovo evangelizzatore. Lo ricorda anche Gennadio di Marsiglia nel suo De viris illustribus e una Vita (con più di una variante o redazione) che lo descrive come martire mentre tenta di evangelizzare un'altra valle, la Valle Rendéna: avendo abbattuto un idolo, messosi a predicare, sarebbe stato lapidato dai pagani. Sulla storicità del martirio di Vigilio qualche critico ha dubitato. Il profilo agiografico di Vigilio è ad ogni modo quello del vescovo evangelizzatore, che tutto dà al suo popolo, sino se è il caso al martirio. Singolarmente mancano indizi sufficienti di una presenza monastica accanto a Vigilio o di una sua esperienza monastica. Egli opera infatti nell'egemonia del modello di Ambrogio Agostino. 

Il suo corpo fu messo in un sepolcro, alla morte, nella chiesa cimiteriale della città, chiesa che è poi diventata, dopo varie strutturazioni e ricostruzioni, l'attuale cattedrale (sec. XIII). Molte chiese gli sono dedicate in Italia del Nord (soprattutto in Trentino e in Tirolo) e in Baviera. È rappresentato come vescovo, imberbe, con in mano uno degli strumenti con cui fu ucciso. La sua festa ricorre il 26 giugno.