venerdì 31 luglio 2020

Sabato 1 e domenica 2 agosto a Vietri sul Mare sport, musica, cultura e spettacolo con "Giocavietri"

Entra nel vivo la manifestazione "Giocavietri sul Mare", organizzata in occasione della 42esima edizione della grande kermesse "Giocaitalia" dal giornalista Sebastiano Sandro Ravagnani. Gli eventi, in collaborazione con il Comune di Vietri sul Mare, prenderanno il via sabato 1 agosto alle ore 18,00 all'Unione sportiva vietrese in Corso Umberto I a Vietri sul Mare, dove si terrà il taglio del nastro della Mostra sulle Olimpiadi di Roma 1960, con l'esposizione dei bellissimi manifesti che vennero realizzati all'epoca per l'evento sportivo. Alle ore 20,00 ci si sposterà nella Villa comunale per un'esibizione di arti marziali a cura degli sportivi del Coni e sarà sempre lo splendido anfiteatro ad ospitare, a seguire, il concerto di Danilo Florio. Al termine del concerto, si terrà la proiezione del film "La grande olimpiade". La serata sarà presentata da Nunzia Schiavone. Domenica 2 agosto, alle ore 18,00, all'Unione sportiva vietrese in Corso Umberto I, si terrà il convegno "ROMAMXMLX  - Le Olimpiadi dell'Eurovisione", sotto l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, in occasione del 60° Anniversario. Moderatore Renato Del Mastro, Intervengono: Paola Berardino Presidente del Coni provinciale di Salerno; Stefania Fiorillo Assessore allo Sport del Comune di Vietri sul Mare; Marco Frittella Giornalista RAI (Conduttore di Uno Mattina); Angelo R. Consoli, Direttore europeo di Jeremy Rifkin e Presidente Cetri-Tires; Silke A. Krawietz, Comitato scientifico Cetri-Tires, esperta internazionale lnnovation and Disruptive Technologies; David R. Newman, Presidente World Biogas Association e Direttore generale Associazione Britannica dei Biomateriali (BBIA); Antonio Rancati, Coordinatore generale Cetri-Tires, Direttore editoriale "Ambiente" e Comitato scientifico di "Marevivo"; Lucio D'Ubaldo Direttore del Centro Documentazione e Studi dei Comuni Italiani ANCI-IFEL (CDSC}; Gennaro Cuccurullo farà un intervento sulla alimentazione nella preparazione atletica. Nel corso dell'incontro si terrà la proiezione del docufilm in cui Nello Talento racconta la "sua" olimpiade di Roma 1960. In serata alle ore 20,00 ci si sposterà alla Marina di Vietri sul Mare per il concerto degli Am Bros One, impreziosito dalla performance di danza, ideata da due coreografe, Serena D'Amore e Alessia Scermino. A seguire ancora spettacolo con Federica Nutini, Carmine De Feo e Anna Maggi. Anche questa seconda serata di spettacolo sarà presentata da Nunzia Schiavone. 

Info 0825 1490919 - 0825 986177 – 328 8583973.
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Il 1 agosto a Minori il direttore di ..incostieraamalfitana.it, Alfonso Bottone, chiude la prima parte della Festa del Libro in Mediterraneo con il suo nuovo romanzo

L’ultimo appuntamento della prima parte della XIV edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo è la “prima” presentazione del nuovo romanzo del direttore del festival Alfonso Bottone, “Maria storie di ragionevole follia” edito da Terra del Sole, Sabato 1 Agosto alle ore 21.00 in piazzetta Maggiore Garofalo a Minori. Ne parleranno con l’autore la scrittrice e giornalista milanese Stefania Romito e la poetessa e scrittrice romana Sonia Giovannetti. Interventi di Mino Remoli e Stefano Torsiello.


“Maria storie di ragionevole follia”, libro dallo spiccato sapore bukowskiano, porta a termine una trilogia che segna il suo inizio con “Se fosse solo questione di sesso” (Terra del Sole, 2011), per proseguire con “Angelina e le altre” (Letteratura Alternativa, 2017) che ha ricevuto, quest’ultimo, il Premio Spoleto Art Festival per la Letteratura ed il Premio internazionale di Narrativa “Città di Caserta”. E va ad aggiungersi alla ricca produzione dell’autore che conta, con questa nuova uscita letteraria, ben quattordici pubblicazioni. Alfonso Bottone in “Maria storie di ragionevole follia” prova a raccontare una donna moderna, colta, elegante, coraggiosa, determinata, aperta a vivere ogni tipo di “emozione”, che non è solo quella erotica, pur conservando, nella maggior parte dei casi, la propria singletudine. Donne che hanno storie da raccontare, che hanno voglia di navigare in mare aperto. Un libro che gioca sul ruolo della “libertà” nella nostra vita. La libertà del “no, non ci sto!”. Il non ci sto che commettere errori è sempre sbagliato, un fallimento dopo l’altro. Il non ci sto a rinunciare nel mettersi in discussione, e conseguentemente ricominciare. Il non ci sto a rinunciare ai sogni perché i sogni non ti fanno sentire realizzato. Il non ci sto al divieto di assaporare il gusto dolce della follia. Un romanzo fondamentalmente “immorale”, perché, al di là di qualsiasi percorso di eros, rompe ogni schema narrativo, attardandosi su particolari che potrebbero essere ritenuti superflui, mentre sorvola su altri particolari che si potrebbero ritenere importanti. Ma anche intriso di un forte spirito mediterraneo, che in Maria storie di ragionevole follia è “una sindrome, una vertigine, un miracolo, una emozione infinita, un atto d’amore”.


Copertina e disegni del libro realizzati dall’artista e scrittrice Viviana Bottone.
La XIV edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo riprenderà il suo percorso il 26 Agosto a Maiori ed il giorno successivo, 27 Agosto, a Minori, per chiudersi a Salerno il 29 - 30 settembre e 1 ottobre, e serata finale il 2 ottobre a Cetara.

Su Radio Divina FM intanto, ogni Lunedì e Giovedì alle 18.05, proseguono gli appuntamenti de “I Salotti Letterari di..incostieraamalfitana.it” con gli autori in concorso per il Premio costadamalfilibri.

Per info: www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

#InviaggiocongliEtruschi: nel nome dell'antica civltà italica

Un accordo tra MANN, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e Museo Civico Archeologico di Bologna
Sconti in biglietteria per chi visiterà gli istituti di Bologna, Roma e Napoli
Un percorso ideale che ripropone il viaggio dei Rasna nella nostra penisola

#InviaggiocongliEtruschi: è questo il claim della campagna che, da domani, unirà il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia ed il Museo Civico Archeologico di Bologna.

Dal Nord al Sud della Penisola, tre città (Bologna, Roma e Napoli) proporranno un ideale itinerario turistico-culturale dedicato all'antica popolazione italica: in un tempo remoto, i Rasna (così gli Etruschi chiamavano se stessi) hanno dominato e abitato il vasto territorio compreso tra la pianura padana del Po e le pendici del Vesuvio; le loro fertili terre producevano grano, olio, vino e fichi tanto famosi da attirare - secondo la leggenda - i barbari Galli che giunsero a saccheggiare persino Roma. Signori del Tirreno, gli Etruschi entrarono in contatto con commercianti, giunti da tutto il Mediterraneo con merci esotiche, profumi, stoffe preziose ed avori pregiati.

Chi, dunque, complici le vacanze estive, trascorrerà le proprie ferie all'insegna della cultura e dell'arte, potrà partire dal Museo Civico Archeologico di Bologna, che ospita, fino al 29 novembre, la mostra "Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna", per poi fermarsi ad ammirare le collezioni del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; tappa, naturalmente, anche al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dove è in programma la grande esposizione "Gli Etruschi e il MANN", che raccoglie circa 600 reperti, di cui 200 visibili per la prima volta.
Il melting pot culturale, che caratterizzò l'identità etrusca, è la cifra di lettura dell'exhibit partenopeo, che presenta tra l'altro, un inedito dialogo tra il corredo della Tomba Artiaco 104 di Cuma e quello della Tomba Bernardini di Palestrina (importante prestito dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia); punto di forza della mostra anche il focus sul collezionismo napoletano che, da fine Settecento in poi, ha sviluppato un vero e proprio culto della civiltà dei Rassegna.

I visitatori che sceglieranno di fare tappa nei tre Musei, anche aiutati dalla frequenza dell'Alta Velocità che collega Bologna, Roma e Napoli, avranno degli sconti alle biglietterie, presentando il ticket dei tre istituti che hanno siglato l'accordo: il costo di ingresso sarà di 10 euro (piuttosto che 14) al Museo Civico di Bologna (qui la promo sarà valida sino al 29 novembre), 7 euro (in luogo di 10) al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, 8 euro (e non 10) al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Foto della mostra "Gli Etruschi e il #MANN"/ courtesy: Paolo Bondielli





San Giorgio a Cremano un esempio per il rispetto del verde pubblico -le sette palme in via Gianturco sono state recuperate da Piazza Troisi

Si segnala essere terminata la piantumazione di 7 arbusti in via Gianturco, in San Giorgio a Cremano (in provincia di Napoli).


Le piante sono stata messe a dimora nell'area dove è stato eliminato un distributore di carburante.


Si tratta delle piante che si trovavano in piazza Massimo Troisi e che sono state tolte nell'ambito dei lavori di riqualificazione in corso, che procedono spediti: quell’area diverrà la bretella di collegamento, quindi gli arbusti non potevano più restare. Grazie all'impegno del settore Ambiente sono stati recuperati e piantati in uno spazio dove prima vi era un distributore di carburante e dove, a breve, saranno anche installate tre pachine.



In questo modo sarà donata alla città un'altra area che diventerà così luogo di incontro e aggregazione. 



Si segnala che in merito al recupero e alla piantumazione di alberi in città, da febbraio ad oggi, sono stati piantati 215 arbusti nelle buche arboree, lungo le strade ed i marciapiedi.Si procederà inoltre ad incrementarne ulteriormente il numero, con l'obiettivo di continuare ad arricchire il patrimonio naturale della città.

SANT’IGNAZIO da LOYOLA SACERDOTE

Riccorenza: 31 luglio 

 
PREGHIERA

"Dio, che a propagare maggiormente la gloria del tuo nome, per mezzo del beato Ignazio provvedesti la Chiesa militante di nuovo sussidio, concedi che col suo aiuto e a sua imitazione noi combattendo in terra meritiamo di essere coronati con lui in cielo."

​​‘LAPILLI SOTTO LA CENERE’

Dal 5 agosto parte la nuova serie di contenuti social, anche in versione 3D, alla scoperta dei tesori nascosti di Ercolano.
La visita digitale integra così quella reale

Parte, dal 5 agosto, una nuova fase degli approfondimenti condotti sul sito dal Direttore, esperti e personale specializzato.


Dopo il grande successo di lapilli, il Parco Archeologico di Ercolano si trova alla virata di boa con passaggio ad una nuova fase: dai Lapilli del Parco, che hanno costituito un momento di virtualizzazione della visita, quando essa era negata dalle circostanze di chiusura al pubblico - per i quali i risultati sono stati travolgenti - ai Lapilli sotto la cenere, alla scoperta dei tesori nascosti del Parco.

Ora che il Parco è nuovamente aperto, il digitale viene ancora una volta riformulato ed arricchito di nuove valenze ed il programma lapilli si rinnova portando alla rivelazione di siti inesplorati dal pubblico, dalle domus oggetto di restauro ai depositi del Parco, vera fonte di ispirazione e luogo dove maturano conoscenze e si scoprono sempre nuove storie. 


Spiegazioni, approfondimenti, curiosità da parte del direttore e dei funzionari del Parco, interventi di esperti, ricostruzioni “Herculaneum 3D Scan”, a cura dell'Herculaneum Conservation Project, ma anche una serie specifica dedicata alla figura di Ercole, come eroe che unisce la città antica e quella moderna, che continueranno, in un appuntamento settimanale, a illustrare, intrattenere e arricchire la conoscenza del Parco di Ercolano.
“Con i “Lapilli sotto la cenere”la visita digitale integra quella reale –interviene il Direttore Francesco Sirano- ampliando ulteriormente la fruizione dei visitatori portandoli anche ad esplorare realtà che per necessità conservative, di restauro o contingenze non sono accessibili. Il format ripropone le modalità oramai care alla community che ogni settimana si ritrova sui canali social del Parco come in una piazza virtuale, commentando i contenuti e scambiandosi opinioni e idee. E nei prossimi mesi l’offerta digitale sarà arricchita e diversificata grazie ai progetti su cui stiamo lavorando da tempo insieme all’Herculaneum Conservation Project con il sostegno sia della Fondazione Packard sia delle istituzioni pubbliche grazie alle quali il Parco non solo partecipa al progetto della Regione Campania “Move to cloud”, ma soprattutto ha ricevuto un importante finanziamento del MiBACT nell’ambito dei fondi europei per il ”Museo Digitale dell’Antica Herculaneum.”

“Siamo felici di essere parte di questo importante processo di cambiamento nel rapporto tra pubblico e Parco archeologico di Ercolano. – dichiara Jane Thompsono Project mangaer dell’Herculaneum Conservation Project - Sono sempre più evidenti i benefici che l’adozione di strumenti tecnologici possono apportare nella vita degli istituti culturali, a partire dalle pratiche di conservazione e restauro fino ad arrivare alle attività di comunicazione e valorizzazione online e on-site. Questi strumenti aprono la possibilità di stimolare una partecipazione attiva del pubblico che diventa parte essenziale dell’esperienza di visita e, inoltre, offrono la possibilità, anche insieme ad altri progetti che stiamo portando avanti con il Parco Archeologico, oltre ad Herculaneum 3D, di un reale impatto in termini di promozione dell’inclusione sociale, offrendo una possibilità di accesso su più ampia scala e con minori costi da sostenere per il visitatore.”

Con l'avanzare dell'estate aumentano inoltre i visitatori al sito ed il Parco Archeologico si adegua al nuovo flusso, aumentando a 50 il numero massimo di persone per fascia oraria. ll biglietto di ingresso è acquistabile on-line sul sito www.ticketone.it e presso la biglietteria del Parco. Al fine di permettere un fluido contingentamento degli ingressi al sito, nel rispetto della vigente normativa anti-covid, al momento dell’acquisto il visitatore sceglie la fascia oraria di ingresso, prevista ogni 15 minuti per un massimo di 50 persone per turno. 

“Intanto al Parco si tirano le somme della crescita del pubblico social del sito, - aggiunge Sirano - molto forte l’incremento nei mesi del lockdown. Durante questi mesi abbiamo rivoluzionato il nostro modo di lavorare con grandi risultati per Ercolano: per questo la scelta di continuare ad arricchire i contenuti virtuali per appassionare sempre di più il nostro pubblico e continuare a intessere i nodi per formare una  rete di contatti, di relazioni, di contenuti, di passione”.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

giovedì 30 luglio 2020

Un'Estate da Re. Al via la rassegna estiva alla Reggia di Caserta con “Omaggio a Beethoven” di Sir Antonio Pappano


Torna la grande musica alla Reggia di Caserta, dal 30 luglio al 13 settembre nella spettacolare Aperia nel giardino inglese del palazzo reale vanvitelliano e, novità di quest’anno, anche in Piazza Carlo di Borbone. “Un’Estate da Re" - giunta alla V edizione e diretta dal Maestro Antonio Marzullo - omaggia con sei appuntamenti imperdibili la cultura, la musica, la bellezza esaltando il patrimonio artistico e culturale campano. Finanziata dalla Regione Campania, organizzata e promossa dalla Scabec, società campana per la valorizzazione dei beni culturali, la rassegna è realizzata in collaborazione con il Teatro di San Carlo di Napoli, il Teatro Verdi di Salerno, il MIBACT e il Comune di Caserta e con la partecipazione dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia. Sponsor e partner sono Rai Cultura e campania>artecard. Il 30 luglio si inizia con “Omaggio a Beethoven” di Sir Antonio Pappano, che dirige l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, nella sua interpretazione della Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93 e della Sinfonia n. 5 in do minore op. 67. Pappano, che vive tra Londra, Roma e la sua amata Benevento, città di origine della sua famiglia, tra i numerosi riconoscimenti internazionali, lo scorso anno ha ricevuto il Premio Franco Abbiati perché ritenuto in assoluto il miglior direttore d’Orchestra dall’Associazione nazionale critici musicali. Il 3 agosto, il Maestro Daniel Oren, che dirige la Filarmonica Giuseppe Verdi di Salerno, proporrà “Summertime”, una serata magica con le arie e le composizioni più famose di Puccini, Verdi, Bizet e due voci straordinarie: il tenore Vittorio Grigolo e il soprano Sonya Yoncheva. Il 13 agosto sarà la volta di Lina Sastri, accompagnata dall’Orchestra Filarmonica salernitana con la direzione del Maestro Antonio Sinagra, che incanterà il pubblico con le melodie napoletane e il recital “Eduardo mio”, dedicato al grande De Filippo. Il “Gala di Plácido Domingo” – evento clou della manifestazione – si terrà il 22 agosto in Piazza di Borbone: un concerto attesissimo per il tenore spagnolo a cui perfino Hollywood si è inchinata, regalandogli la famosa stella sul “Walk of fame”. Ad accompagnarlo saranno Jordi Bernàcer, che dirigerà l’Orchestra Filarmonica Giuseppe Verdi di Salerno, e il soprano Saioa Hernández. Il 12 settembre il programma continua con “Arie d’Opera” con il soprano Carmen Giannattasio, il tenore Saimir Pirgu e l’Orchestra del Teatro di San Carlo diretta da Maurizio Agostini; il 13 settembre la rassegna chiude con “Le quattro stagioni” di Vivaldi, con il Balletto del Teatro di San Carlo, étoile Giuseppe Picone. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21:00. 

Info su www.unestatedare.it. 
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Terrazza Mascagni di Livorno

Cari amici di rosarydelsudArt news oggi vi mostro la bella Terrazza Mascagni ubicata sul lungomare di Livorno (in Toscana) a margine del viale Italia.





Si tratta di uno dei luoghi più eleganti e suggestivi luoghi di Livorno il cui nucleo originale fu costruito a partire dagli anni venti del Novecento, ma la terrazza fu notevolmente estesa nell'immediato dopoguerra, quando fu intitolata al compositore livornese Pietro Mascagni. (http://www.rosarydelsudartnews.com/2020/07/pietro-antonio-stefano-mascagni.html).

Spiagge libere a San Terenzio - regole anticovid 19


Cari amci di rosarydelsudArt news di questa estate 2020 è sicuramete diversa da tutte le altre, tra ansia e paura per la possibilità di contagio da coronavirus si cerca comunque di non rinunciare alle tanto desiderate vacanze al mare. Ecco allora che, dopo avervi mostrato come si sono organizzati in una spiaggia libera in Liguria (a Lerici - http://www.rosarydelsudartnews.com/2020/07/mare-e-distanziamento-lerici-le-regole.html) oggi vi mostro come si sono organizzati nella vicinissima San Terenzio, frazione di Lerici in Liguria. 


Come a Lerici, anche sulle spiagge di San Terenzio vige la regola del distanziamento fisico stabilito con dei paletti bassi ed obbligo di prenotazione, vi propongo una serie di foto, facilmente scaricabili sul cellulare, che forniscono utili indicazioni per poter godere serenamente e in sicurezza il mare di San Terenzio:


Le Radïci finalisti al festival di Castrocaro

Con il brano “ Mi basterebbe il tuo nome” il duo 'Le Radïci', alias Marco Costanzo e Mario Cianniello, rappresenterà la città di Napoli alla 63esima edizione del Festival di Castrocaro. I due artisti sono infatti tra i finalisti del rinomato concorso che sarà trasmesso il prossimo 27 agosto su Rai due, con la conduzione di Stefano de Martino. Originari del quartiere di Ponticelli, i due 27enni sono stati selezionati tra gli oltre 40 artisti in concorso, posizionandosi nella rosa degli 8 super finalisti. Marco e Mario sono gli unici cantanti a rappresentare la città di Napoli ma anche tutto il Sud Italia.

Da sempre attivi nel sociale, Costanzo e Cianniello anche durante il periodo di lockdown hanno dato vita ad una campagna di beneficenza attraverso la loro musica, raccogliendo fondi che sono poi stati donati all’ospedale Cotugno di Napoli. 

Per votare Le Radïci é possibile fino al 31 luglio ascoltare il loro brano tramite il sito di Tim Music al seguente link. https://www.timmusic.it/playlist/5f0c5d22710d5e0ddb59c935

Bio “Le Radïci”
“Le Radïci” sono un duo indie-pop /It-pop, nato nel giugno del 2017, formato da Marco Costanzo (voce e tastiere) e Mario Cianniello (seconda voce, chitarre e tastiere). Fino ad oggi hanno lavorato a numerose cover e mashup, pubblicandoli sulla loro pagina Facebook e sul canale YouTube, riscuotendo maggiore successo in particolare con un pezzo di Adele “mescolato” alla famosa poesia di Totò “’A Livella” (trasmesso su Radio Marte) e con un arrangiamento di “Orgasmo” di Calcutta. Marco vanta una partecipazione ad “X-Factor Italia 2017” e ancor prima a “Karaoke Italia 1” con Angelo Pintus, mentre Mario ha precedentemente lavorato con altre band in veste di produttore e compositore. Lo scorso anno uno dei loro mashup è stato trasmesso durante la trasmissione “Striscia la Notizia” e negli ultimi mesi i due hanno aperto i concerti di artisti quali Bianca Atzei, Moreno, Gemelli Diversi, Martina Attili, Biondo, Daniel e Astol.

Ad ottobre sono entrati a far parte dei 60 finalisti di Sanremo Giovani 2020. Al momento il duo sta lavorando al suo primo EP (uscita prevista per il 2020) dopo aver rilasciato già alcune canzoni in precedenza: “L’uomo che si innamorò della luna” e “Mi basterebbe il tuo nome”.

“Ricordi mai dati” invece, è il loro ultimo singolo, rilasciato il 17 luglio. Il brano, dalle sonorità più “estive”, ha subito raggiunto numeri importanti su Spotify. 

Ad agosto il duo sarà presente su Rai 2 alla finale del “Festival di Castrocaro”, essendo parte degli 8 concorrenti che concorreranno per la vittoria.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

SAN PIETRO CRISOLOGO

VESCOVO E DOTTORE DELLA CHIESA
Ricorrenza: 30 luglio


PRATICA
È dovere di ognuno istruirsi nella religione.

mercoledì 29 luglio 2020

La sala del trono - Reggia di Caserta

by Rosaria Pannico 
Cari amici di rosarydelsudArt news questa settimana vi propongo la Sala del Trono.


Completata nel 1845, la sala del trono della Reggia di Caserta è lunga più di quaranta metri ed è illuminata da sei finestre.

I lavori per la decorazione della sala (simboli del potere assoluto) furono più volte sospesi per poi essere ripresi nel 1839 sotto la direzione dell'architetto Gaetano Genovese già attivo nel Palazzo Reale di Napoli.


Si noti che sulla parete di fondo è collocato il trono portatile in legno dorato intagliato e tappezzato in velluto.


L'architrave della sala è decorato con i ritratti dei regnanti da Ruggiero il Normanno a Federico II° di Borbone.



L'affresco della volta realizzato nel 1844 dal pittore Gennaro Maldarelli raffigura la posa della prima pietra del Palazzo (20 gennaio 1752) .








Grazie e ci vediamo martedì prossimo.
Ciao da Rosaria!

Villa Tropeano – Poticelli



Cari amici vi segnalo che si è colclusa la scorsa settimana la rubrica dedicata alla Villa Tropeano in collaborazione con gli amici Pasquale Esposito, Luigi Verolino e Vincenzo Olivieri che gentilmente si sono offerti di raccontare (attraverso ricordi, fotografie, testi e buoni propositi) questa storica villa sita sul territorio di Ponticelli (quartiere di Napoli). 
Un Saluto anche Gianni D'Andrea (che ha supportato la buona riuscita dei nostri incontri) e vi segnalo che a partire da mercoledì 5 agosto 2020, ogni mercoledì, sarà possibile seguire le repliche di questo ciclo di appuntamenti dedicato alla Villa Tropeano sulla pagina facebook rosarydelsuArt news 

Aldo Mondino

E' nato a Torino nel 1938, dove è morto nel 2005. Nel 1959 si trasferisce a Parigi, dove frequenta l'atelier di William Heyter, l'Ecole du Louvre e frequenta il corso di mosaico dell'Accademia di Belle Arti con Severini e Licata. Nel 1960, rientrato in Italia, inizia la sua attività espositiva alla Galleria L'Immagine di Torino (1961) e alla Galleria Alfa di Venezia (1962). L'incontro con Gian Enzo Sperone, direttore della Galleria Il Punto, risulta fondamentale per la sua carriera artistica, con un sodalizio tuttora portato avanti dall'Archivio Aldo Mondino. Importanti personali vengono presentate anche presso la Galleria Stein di Torino, lo Studio Marconi di Milano, la Galleria La Salita di Roma, la Galleria Paludetto di Torino. Tra le principali mostre si ricordano le due partecipazioni alle Biennale di Venezia del 1976 e del 1993, le personali al Museum fur Moderne Kunst - Palais Lichtenstein di Vienna (1991), al Suthanamet Museo Topkapi di Istanbul (1992, 1996), al Museo Ebraico di Bologna (1995), alla Galleria Civica d'Arte Moderna di Trento (2000). Le sue opere appartengono alle collezioni permanenti dei più importanti Musei nazionali ed internazionali ed a numerose collezioni private.

L'Archivio Aldo Mondino è stato costituito a Milano nel 2006 per volontà del figlio Antonio. Svolge attività di ricerca sulla vita e le opere dell'artista torinese, al fine di tutelare e promuovere gli esiti della sua intensa attività artistica. L'Archivio raccoglie, inoltre, ogni informazione relativa al suo operato ai fini dell'organizzazione del Catalogo Generale, di cui Allemandi ha pubblicato, nel 2017, il primo volume.


Premio Letterario “Le Parole dell’anima 2020 ”

L’ Associazione Culturale “la rabbia e l’amore” indice la decima edizione – Premio Letterario “Le Parole dell’anima 2020 ” Città di Casoria NA

La scadenza dell’iscrizione al premio “Le Parole dell’anima” è fissata per il giorno 30 novembre 2020



Regolamento

Art.1– La sezione poesia dialettale è distinta in 5 premi, dedicati a 5 regioni, il cui dialetto è particolarmente utilizzato nell’espressione poetica; ogni premio è intitolato a un poeta che ha contribuito a rendere celebre il proprio dialetto.

- La sezione poesia in lingua italiana è dedicata alla poetessa più illustre del nostro paese: Alda Merini.

- La sezione narrativa inedita è dedicata al narratore verista Giovanni Verga.

La giuria è composta da poeti che conoscono bene i dialetti, scrittori, docenti e giornalisti. Le poesie saranno raccolte in una elegante antologia pubblicata da Oceano Edizioni, che i finalisti potranno acquistare in occasione della serata di premiazione che avverrà nella provincia di Napoli nel mese di marzo/aprile 2021 (luogo da destinarsi). Si ricorda che l’acquisto dell’antologia non è obbligatoria. Si può partecipare a più sezione.

Art. 2) Al premio possono partecipare autori maggiorenni e residenti in Italia

Sez. A) Premio Alda Merini - Si partecipa con due poesie inedite scritte in lingua italiana

Sez. B) Premio Raffaele Viviani - Si partecipa con due poesie scritte in lingua campana.

Sez. C) Premio Ignazio Buttitta - Si partecipa con due poesie scritte in lingua siciliana.

Sez. D) Premio Vittorio Maria Butera -Si partecipa con due poesie scritte in lingua calabrese.

Sez. E) Premio Claudio De Cuia -Si partecipa con due poesie scritte in lingua pugliese.

Sez. F) Premio Carlo Trilussa -Si partecipa con due poesie scritte in lingua laziale.

Sez. G) Premio Giovanni Verga - Si partecipa con un racconto inedito a tema libero, scritto in lingua italiana.

- Art.3)Le poesie non devono superare i 45 versi e le poesie dialettali vanno inviate con la traduzione in lingua italiana. I racconti non devono superare 5 fogli A4.

- Art.4) Si partecipa con opere anche già premiate in altri concorsi.

- Art.5)Ciascuna poesia o racconto, va inviata in due copie dattiloscritte, di cui una anonima e l’altra deve riportare in calce: cognome – nome – indirizzo – numero di telefono – e-mail. A: leparoledellanima@libero.itoppure a: francesco.gemito@live.it Entro e non oltre il 30 novembre 2020.

- Art.6) - Art.6) Si precisa che al concorso letterario 10° edizione le parole dell'anima, non è previsto nessun contributo a favore dell’Associazione organizzatrice, ma si chiede un libero contributo per un Ospedale italiano oppure alla Croce Rossa Nazionale. In questa grande emergenza, che tutto il paese sta vivendo a causa del Covid 19, aiutiamo chi ci sta aiutando. Nella mail d’invio degli elaborati, specificare a chi avete destinato il vostro contributo. Per qualsiasi chiarimento siete pregati di contattarmi al 389 1285065. Grazie

Art.7)Al fine di agevolare il lavoro della Segreteria, ringraziando per la preziosa collaborazione, vi preghiamo, cortesemente, di non attendere gli ultimi giorni per l’invio dei vostri elaborati.

Art. 8)I dati saranno trattati a norma di legge.

Art. 9)Per tutti i testi inviati l’autore ne è personalmente responsabile di fronte alla legge in caso di plagio.

Art.10) Premi: saranno premiati i primi 12 finalisti di ogni sezione con premi personalizzati, motivazione della giuria.

Art.11)Nessun rimborso spese è previsto per i finalisti.

Art. 12)Per qualsiasi informazione scrivere a: francesco.gemito@live.it– oppure chiamare tutti i giorni dalle ore 18,00 fino alle ore 21,00 , tranne la domenica al 389 1285065

Art. 13)La partecipazione al concorso comporta la piena accettazione di tutte le norme citate nel presente regolamento

- Art.15) Componenti di giuria


Giuria

Presidente Giuria Prof.ssa Vittoria Caso
Fausto Marseglia – poeta napoletano/scrittore

Antonio Covino – poeta napoletano/scrittore

Umberto Donato Di Pietro – poeta romano/scrittore

Daniela Moreschini – poetessa romana

Grazia Dottore – docente/poetessa siciliana
Giovanni Macrì – medico/poeta siciliano/ scrittore

Emanuele Zambetta - poeta pugliese
Giovanni Monopoli – poeta pugliese

Antonietta Malito – poetessa calabrese/giornalista

Emanuela Restuccia – poetessa calabrese/scrittrice

Daniela Sannipoli – docente/poetessa/scrittrice
Vera Torrisi – docente/poetessa
Rosanna Badalamenti - docente/poetessa




I^ Edizione Speciale del Concorso d'arte e poesia online 2020 "La lirica nel sublime" di Fabio Squeo


Il concorso è rivolto a tutti gli artisti, poeti, scrittori, critici d'arte, designers, pittori, fotografi, ecc., professionisti e non, provenienti da qualsiasi paese del mondo. L'obiettivo è quello di promuovere gli artisti e i Poeti dando la possibilità agli stessi di farsi conoscere, leggere e apprezzare. Il tema è libero. La giuria, a suo insindacabile giudizio, sceglierà per ogni sezione i primi tre classificati che riceveranno diplomi d'eccellenza, speciali. Ci saranno anche segnalazioni di merito.

Le sezioni in gara:
Sez. A Poesia a tema imposto: “arte, bellezza e sublime (massimo tre opere il cui testo non deve superare le 30 righe) Sez. B - Poesia a tema libero ( massimo tre opere il cui testo non deve superare le 30 righe) Sez. C - Libro edito di poesie (si partecipa con una solo libro da in inviare in pdf o doc..) Sez. D - Saggio edito o inedito (filosofico, storico, pedagogico, sociologico). (Un solo dattiloscritto da inviare in pdf ). Sez. E - Romanzo edito o inedito (filosofico, storico, pedagogico, sociologico)(Un solo dattiloscritto da inviare in pdf ). Sez. F: opera pittorica, scultorea, (Ogni opera deve essere presentata tramite una sola immagine accompagnati dalla descrizione).

Le opere dovranno pervenire esclusivamente online inviandole al seguente indirizzo mail: fabio_trani87@libero.it specificando nell’oggetto “Concorso d'arte e poesie online "La lirica nel sublime” allegando allo scritto i propri dati: nome, cognome, telefono, indirizzo mail, alcune note biografiche (facoltativo) e la sotto elencata dichiarazione firmata:
Dichiaro che l’opera è frutto della mia fantasia Dichiaro di accettare il giudizio insindacabile della Giuria Ogni autore può partecipare a tutte le sezione contemporaneamente. 

Le opere dovranno pervenire entro e non oltre il 24 settembre 2020. La quota di partecipazione quale contributo e sostegno per le spese di lettura e valutazione per le (sezioni A-B di € 10,00) , (Sez. C - D -E - F di € 20,00) . (Sez. E di € 30) da versare tramite IBAN: IT93Q0311141369000000000781 Intestato a Fabio Squeo. TESTI: I testi devono essere in lingua italiana o in inglese e possono essere sia editi che inediti. NOTIZIE SUI RISULTATI: Gli autori selezionati saranno avvisati tramite notifica mail. I risultati saranno pubblicati sul gruppo facebook I POETI FIORISCONO AL BUIO, appena disponibili.

Commissione giudicatrice: Prof.ssa Kasia Marciszuk: pedagogista, recensore e articolista. Prof. Giuseppe Davino: Insegnante Prof.ssa Francesca Lacavalla: Insegnante di letteratura straniera, poetessa e scrittrice. Prof. Ing. Luigi Squeo: insegnante, poeta, scrittore e ingegnere. 

Presidente e amministratore del gruppo: Fabio Squeo

Ad Atrani il 30 luglio Bonadies ricorda Gatto e Bruschini la strage di Piazza Fontana

A Maiori Il 31 luglio il Premio Giardino Segreto dell’Anima e il thriller della Romito

Un doppio appuntamento prima della chiusura della quinta settimana della XIV edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo. 


Due momenti “diversi” arricchiscono l’evento di Giovedì 30 Luglio in piazza Umberto I ad Atrani. Alle 20.30 un omaggio ad Alfonso Gatto con la proiezione de “La terra dipinta”, per la regia dell’attore salernitano Attilio Bonadies. Un liceo artistico in smobilitazione, nel pieno di un giugno incantato, riscopre la fiaba del colore e della poesia con un viaggio alla ricerca delle atmosfere e delle suggestioni di Alfonso Gatto, il poeta con la valigia, nei luoghi a lui cari della città natale di Salerno e della Costiera Amalfitana. Ad Attilio Bonadies il Premio “Otowell alla
Cultura”. Sotto la lente poi del cantautore Mino Remoli la “musicalità” dei versi del grande poeta salernitano. Lo scrittore e giornalista Vito Bruschini sarà protagonista della seconda parte della serata. Negli spazi di “Incontri d’Autore”, uno dei vincitori del Premio costadamalfilibri, racconterà “La strage. Il romanzo di piazza Fontana” edito da Newton Compton. Milano, piazza Fontana, 12 dicembre 1969. Nella sede centrale della Banca dell'Agricoltura, gremita di gente, una bomba deflagra con violenza inaudita, uccidendo sul colpo dodici persone e ferendone quasi novanta. Sono passati oltre quarant'anni dalla strage, eppure di quell'attentato, che segnò una frattura insanabile nella storia recente dell'Italia dando il via alla terribile stagione della "strategia della tensione ", si continua a parlare.
Molti interrogativi non hanno ancora trovato una risposta: perché, fin dalle prime ore, furono accusati gli anarchici? Chi aveva interesse nell'attentato? Quale fu il ruolo dei servizi segreti in questa storia? Esisteva un patto scellerato tra politici italiani e intelligence straniera? Quante bombe scoppiarono alla Banca dell'Agricoltura? "La strage" vuole raccontare, da un punto di vista ravvicinato, quasi "dall'interno", non solo i fatti di quel triste giorno, ma un'intera fase cruciale per il nostro Paese, iniziata prima del 12 dicembre e proseguita per tanti anni a venire. 

Venerdì 31 Luglio, ore 20.30, nei Giardini del Reginna Palace Hotel di Maiori la consegna dei Premi nazionali di poesia “Giardino Segreto dell’Anima” a Rodolfo Vettorello di Milano, primo classificato, a Francesca Branca di Nuoro, seconda, e ad Alberto Sbardella di Roma, terzo. Saranno presenti Antonio De Marco ed Enzina Telese, “giardinieri” dell’amena oasi naturale nel borgo di Campinola di Tramonti, e Sonia Giovannetti presidente di giuria del Premio. In collaborazione con l’Azienda agricola “Cuonc Cuonc” di Minori. Nel corso della serata la presentazione de “Il buio dell’alba” di Stefania Romito, edito da Libromania De Agostini. Il furto di uno scooter per mano di due ragazzi innesca una catena di eventi dalle conseguenze imprevedibili. In seguito alla misteriosa scomparsa del complice, resta Tonino a fare i conti con la legge, ma la condanna a sei mesi di lavori socialmente utili lo mette in contatto con l’anziano professor Cascarano, destinato a giocare un ruolo di primo piano nella sua vita insieme all’incantevole Maria, ex compagna di classe del ragazzo. Il fortuito ritrovamento di un atto notarile riporta poi a galla segreti e rivalità che hanno radici in un oscuro passato, tra eresie, intrighi dagli epiloghi tragici, ossessioni e giochi di potere che bisogna indagare a fondo per trovare la chiave di molti misteri di ieri e di oggi. Interventi di Mino Remoli e Pinuccio Tartaglia.

A condurre le serate il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Alfonso Bottone.
Su Radio Divina FM intanto, ogni Lunedì e Giovedì alle 18.05, proseguono gli appuntamenti de “I Salotti Letterari di..incostieraamalfitana.it” con gli autori in concorso per il Premio costadamalfilibri.

Per  info: www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

PAM! Privatissima. Arte Modena 2020

I Comuni di Pavullo nel Frignano, Castelfranco Emilia e Castelnuovo Rangone presentano, dal 5 settembre al 7 novembre 2020, "PAM! Privatissima. Arte Modena 2020", mostra in tre sedi che fotografa lo stato attuale dell'arte a Modena.


L'esposizione, a cura di Sergio Bianchi, Alessandro Mescoli e Federica Sala, è realizzata grazie al contributo della Fondazione di Modena, con la collaborazione di Freemind.

Tre sedi - Palazzo Piella a Castelfranco Emilia, Palazzo Ducale a Pavullo nel Frignano, Torrione medievale a Castelnuovo Rangone - per un progetto trasversale alle generazioni e ai linguaggi, teso a dare voce ad una trentina di artisti contemporanei che operano in diversi ambiti: pittura, scultura, fotografia, video, installazione, ceramica, fumetto. Una disamina articolata, ma non esaustiva, che si auspica possa arricchirsi in futuro con ulteriori momenti espositivi.

La prima sezione della mostra sarà inaugurata sabato 5 settembre, alle ore 17.00, negli spazi di Palazzo Piella a Castelfranco Emilia. Il percorso espositivo comprenderà una selezione di opere realizzate da Enrica Berselli, Fabio Bonetti, Giuliano Della Casa, Simone Fazio, Laura Forghieri, Pierfilippo Gatti, Barbara Giorgis, Marino Neri. Ogni artista presenterà anche un lavoro ispirato alla "Divina Commedia", anticipando di qualche mese le celebrazioni dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri. La mostra sarà visitabile fino all'11 ottobre 2020, sabato e domenica ore 9.00-12.00 e 15.30-19.00. Ingresso libero. Per informazioni: T. +39 059 959377, cultura@comune.castelfranco-emilia.mo.it, www.comune.castelfranco-emilia.mo.it.

La seconda sezione della mostra sarà inaugurata sabato 12 settembre, alle ore 17.00, all'interno della Galleria d'Arte Contemporanea di Palazzo Ducale a Pavullo nel Frignano. L'allestimento sarà realizzato a partire dalle opere di Emanuela Ascari, Danilo Buccella, Andrea Capucci, Elisa Capucci, Andrea Chiesi, Carlo Cremaschi, Alessandro Formigoni, Mario Giovanardi, Pier Lanzillotta, Marco Luppi, Enrico Manelli, Davide Montorsi, Alice Padovani, Sergio Padovani, Federica Poletti, Laura Renna. L'esposizione sarà aperta al pubblico fino al 7 novembre 2020, martedì e giovedì ore 15.00-18.00, sabato ore 10.00-13.00 e 16.00-19.00, domenica e festivi ore 16.00-19.00; su richiesta dal lunedì al sabato ore 10.00-12.30. Ingresso libero. Per informazioni: T. +39 0536 29964 / 29026, cultura@comune.pavullo-nel-frignano.mo.it, www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it.

La terza ed ultima sezione della mostra sarà inaugurata sabato 19 settembre, alle ore 17.00, nel Torrione medievale di Castelnuovo Rangone. In esposizione, opere selezionate di Beatrice Pucci, Antonella Monzoni, Tommaso Mori, Gianni Valbonesi, Annalisa Vandelli. La mostra sarà visitabile sabato e domenica ore 9.00-12.00 e 15.30-19.00. Ingresso libero. Per informazioni: T. +39 059 534802, cultura@comune.castelnuovo-rangone.mo.it, www.comune.castelnuovo-rangone.mo.it.

Nel corso dell'esposizione saranno organizzati eventi collaterali e reading poetici. In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo, disponibile in loco, con prefazione dei curatori, testi critici di Giorgia Bergantin e Maria Chiara Wang, versi inediti della poetessa Laura Solieri e ricco apparato iconografico. Sarà inoltre realizzato un documentario con la regia e la fotografia di Mauro Terzi.

ESTRATTO COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Ultimo appuntamento di "Vietri in Scena" giovedì 30 luglio h. 21,00 con il duo Minimo Ensemble alla Villa comunale. Ingresso gratuito.



Ultimo appuntamento giovedì 30 luglio alle ore 21:00 nella Villa comunale di Vietri sul Mare, con "Vietri in scena", la quinta edizione della kermesse di spettacoli che si tiene ogni anno nel primo comune della Costiera amalfitana. A chiudere la manifestazione, diretta artisticamente dal maestro Luigi Avallone, che l'ha voluta dedicare alla memoria del grande compositore recentemente scomparso Ennio Morricone, sarà il duo Minimo Ensemble composto da Daniela Del Monaco – canto e Antonio Grande – chitarra, che si esibirà con un intenso recital che attinge al repertorio delle antiche canzoni classiche napoletane. Ricordiamo che i sei spettacoli della rassegna, fortemente voluta dal sindaco di Vietri sul Mare, Giovanni De Simone e dall'assessore al Turismo e spettacolo Antonello Capozzolo, sono stati organizzati in compartecipazione con il Conservatorio di musica di Salerno "Giuseppe Martucci", una collaborazione che prosegue - con successo - ormai da quarant'anni. Anche quest'ultimo evento è stato organizzato, come i precedenti, nel pieno rispetto delle misure anti covid-19 prescritte, per cui i posti disponibili per consentire le distanze di sicurezza sono 130; non sarà possibile effettuare prenotazioni: si consiglia di arrivare alla Villa comunale 15 minuti prima dell'orario del concerto. Ingresso gratuito. 

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

martedì 28 luglio 2020

Villa Bertelli

La villa è una villa della fine dell'Ottocento ed è il centro culturale e artistico del Comune di Forte dei Marmi.

Sita  nella frazione Vittoria Apuana del comune di Forte dei Marmi, in via Mazzini 200, rappresenta un'interfaccia strategica per il turismo cittadino e per l'intera Versilia. 

Con un'esperienza decennale nell'organizzazione di mostre personali e collettive, la Villa ospita annualmente eventi dedicati all'arte, ma anche alla musica, alla storia, alla letteratura, al dibattito, allo sport, al sociale e alla scuola, che trovano il loro spazio all'interno e all'esterno della struttura, quotidianamente aperta al pubblico.

ALDO MONDINO. Viaggi straordinari

A cura di Valerio Dehò
In collaborazione con Archivio Aldo Mondino
Villa Bertelli, Forte dei Marmi (Lu)
7 agosto - 26 settembre 2020
Inaugurazione: venerdì 7 agosto, ore 18.00


Gli spazi ottocenteschi di Villa Bertelli a Forte dei Marmi (Lu) ospitano, dal 7 agosto al 26 settembre 2020, la retrospettiva dedicata ai "Viaggi straordinari" di Aldo Mondino, a cura di Valerio Dehò. La mostra, promossa da Villa Bertelli con il patrocinio del Comune di Forte dei Marmi, in collaborazione con l'Archivio Aldo Mondino, sarà inaugurata venerdì 7 agosto alle ore 18.00. 

Il percorso espositivo comprende oltre quaranta opere tra dipinti, sculture e lavori su carta, provenienti da un'importante collezione privata toscana. Un'intera sala è inoltre dedicata al tema della musica, molto caro all'artista e centrale nella sua produzione.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo NFC Edizioni con un testo di Valerio Dehò e ricco apparato iconografico. Villa Bertelli nel mese di agosto sarà aperta al pubblico con orario 17.00-22.00 (in concomitanza con gli spettacoli in calendario, la mostra potrebbe essere temporaneamente chiusa, si suggerisce quindi di contattare la sede prima della visita). 

Nel mese di settembre l'esposizione sarà invece visitabile da lunedì a venerdì con orario 9.00-13.00 e 15.00-19.00, sabato e domenica ore 16.00-19.00. Ingresso libero. 

Per info: info@villabertelli.it, segreteria@villabertelli.it, www.villabertelli.it.
ESTRATTO COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA