martedì 18 giugno 2019

La Villa comunale di Vietri sul Mare ospiterà venerdì 21 giugno, alle ore 21, lo spettacolo "Vi presento Matilde Neruda"

Scritto da Liberato Santarpino, ha per protagonisti Sebastiano Somma (che interpreta Pablo Neruda e cura anche la regia della rappresentazione) e Morgana Forcella, che sulla scena è Matilde Urrutia, amante e poi sposa del grande poeta cileno. Una grande storia d'amore tra Pablo e Matilde, vissuta in giro per il mondo, che la pièce racconta con il fascino della poesia e la musica passionale legata alla tradizione sudamericana del tango. La parte musicale è affidata al quintetto di musicisti formato da Zack Alderman (fisarmonica), Emilia Zamuner (voce), Bruno Tescione (chitarra), Giordano Pietro (violino) e Gabriele Pagliano (contrabbasso), con la partecipazione straordinaria dei ballerini di tango Giovanni Giordano e Roberta Zamuner. E' con questo spettacolo che il Conservatorio Martucci di Salerno celebra la Festa della Musica - che cade appunto il 21 giugno - ma anche il protocollo d'intesa che è stato siglato oggi tra il presidente del Conservatorio Aniello Cerrato e il sindaco di Vietri sul Mare Giovanni De Simone, in base al quale verranno organizzati nella prima cittadina della Costiera amalfitana sei concerti nel corso di questa estate. Ingresso libero.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

San Giorgio a Cremano: manutenzione e decoro urbano in via Galdieri e piazza Europa

Sono iniziati, come previsto nella programmazione relativa alla manutenzione straordinaria attuata dall'amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Zinno, i lavori di riqualificazione di via Galdieri e Piazza Europa.

Avviato questa mattina il cantiere come da cronoprogramma. Operai al lavoro fino al 20 giugno per realizzare il nuovo manto stradale con la sistemazione dell'asfalto.

Qualche disagio, dovuto a temporanee chiusure delle strade interessate, potrebbe essere riscontrato nelle prossime 48 ore, per automobilisti e residenti. In particolare l'accesso a via Galdieri da via Salvo D'Acquisto e da via Manzoni ma la messa in opera del nuovo bitume renderà successivamente più praticabile e più sicura l'area al confine con Napoli.

Inoltre la prossima settimana sarà anche completata l'opera di sistemazione delle panchine di piazza Europa, con nuove doghe in legno che ripristineranno lo stato delle sedute danneggiate.

In questo modo, con la sistemazione del manto stradale e delle panchine e con l'adozione delle aiuole da parte del titolare di Spiripizza che ha abbellito l'area a verde, sarà restituita alla città una zona riqualificata e più attraente.

Pochi giorni fa inoltre è stata anche ripristinata l'area di proprietà comunale, conosciuta come ex Insud Casa, adiacente al Palavaliero. E' stato compattato il fondo con materiale stabilizzante e ricoperto di ghiaia per livellare il terreno, rendendola ora uno spazio più sicuro e fruibile come area di sosta per autovetture e altri mezzi di trasporto.

Tutte queste attività rientrano nel piano di manutenzione straordinaria e decoro della città che l'amministrazione sta attuando in varie parti del territorio, attraverso l'assessore ai Lavori Pubblici Eva Lambiase e l'assessore al decoro urbano Pietro De Martino.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Presentazione del libro La sedia vuota di Raffaele Sardo

Venerdì dalle ore 18:30 alle 20:30
La casa del popolo di Pomigliano d'Arco Via Aurora, 9 (Napoli)



La Casa del Popolo e la iod edizioni vi invitano alla presentazione del libro la sedia vuota del giornalista di repubblica Raffaele Sardo, compagno di viaggio di don Peppe Diana nella lotta alla camorra di Casal di Principe.

Queste storie sono pagine di resistenza civile. Raccontano di persone che hanno fatto fino in fondo il proprio dovere di poliziotti o carabinieri, di imprenditori che non si sono piegati alle minacce dei camorristi, rifiutando di pagare il pizzo, di sottomettersi alle loro regole.

La strage degli innocenti.
Tra le tredici storie raccontate nel libro, c’è anche quella di Fabio De Pandi, il ragazzino di undici anni ucciso da un colpo di pistola sparato nel corso di un agguato camorristico a Soccavo.
In Campania, i bambini (0- 12anni) uccisi dalla criminalità sono 25 e i ragazzi uccisi dalla criminalità compresi nella fascia di età che va dai 13 anni alla maggiore età sono 11. Complessivamente sono 36 gli innocenti colpiti dalla criminalità. Una strage.

Allora, solo se queste pagine saranno lette da tanti giovani studenti, dagli insegnanti, dagli educatori, dai genitori e da semplici cittadini, i volti delle vittime innocenti saranno realmente riconosciuti. E la loro memoria sarà sempre viva. 

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

“Ce steva na vota...”- Spettacolo Itinerante al Bosco di Portici

Domenica 30 giugno 2019 alle ore 17:30
Via Universitá 133 


Si tratta di uno spettacolo di teatro itinerante che nasce e si svolge nei luoghi del Bosco della Reggia di Portici: la realtà viene alterata, trasfigurata, fino all'improbabile e lo stesso Bosco diventa un luogo magico in cui si annidano i sogni e si scacciano le paure.

I personaggi che si incontreranno condurranno lo spettatore " palillo palillo mmieze 'e parulelle antiche, comme 'e radeche e stu vuosco " e come dice Peppinella, 'interloquendo col pubblico': " a ogni pizzo nce truovi nu cunto , o nce truovi nu canto ", capace di risvegliare l'immaginario collettivo e storico attraverso i modi e i tempi della fiaba antica.

Lo spettatore è invitato ad entrare in un altro mondo per osservarlo, fermarsi, ritrovarsi, ascoltarlo e vivere un tempo che non esiste come se fosse reale.

Nel gioco della rappresentazione, il parlare e l'ascoltare sono sentieri che camminano assieme :
"uocchie e recchie so mascature e chiavi che arapano porte" perché il 'cuntare' è parte essenziale delle nostre tradizioni storiche, sono le nostre radici e il nostro incipit. Lo spettacolo è rivolto ad adulti, bambini e vecchi sdentati o, se preferite, a bambini di tutte le età.

Lo spettacolo si svolgerà Domenica 30 Giugno, ore 17:30 nel Bosco di Portici, in via Università 133.
PREZZO DEL BIGLIETTO: 10€
I bambini fino ai 7 anni non pagano.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
Per info e prenotazioni: 3935984561 (Federica)
È attivo il servizio di prevendita per acquistare anticipatamente il biglietto!

L’OROLOGIO ANALEMMATICO - REGGIA DI PORTICI (NAPOLI)

by Rosaria Pannico

Si segnala che a Portici (in provincia di Napoli) è possibile visitare il centro museale della Reggia di Portici con un biglietto unico che prevede la possibilità di visitare (tra arte, architettura e natura) ed io oggi vi presento l'orologio analemmatico sito nel parco di questa villa reale voluta dal re Carlo di Borbone nel 1738.

L’uso degli orologi solari analemmatici si fa risalire al XVI o al XVII secolo ed appartiene alla categoria degli orologi orizzontali azimutali.

In questo tipo di orologio solare il quadrante è su un piano orizzontale e l’ombra si sposta ruotando così come il sole ruota apparentemente intorno alla terra.

L’ombra dello gnomone indica l’ora vera solare, l’angolo che la direzione solare forma con il nord geografico è definito azimut del sole. La particolarità di questo tipo di orologio è di avere lo gnomone mobile, che deve essere posto verticalmente sulla linea meridiana in corrispondenza della data dell’osservazione: la sua ombra segna le ore.

Sul quadrante le cifre delle ore sono disposte su un arco di ellisse che, così come le distanze fra le date poste sulla linea calendariale, sono calcolate per la latitudine del luogo che per Portici è di 40° 49’ N.

SAN GREGORIO GIOVANNI BARBARIGO

VESCOVO
Vescovo: 18 GIUGNO


Nacque a Venezia nel 1625 da un'antica e nobile famiglia istriana immigrata nella laguna. Educato alla scienza e alle virtù da un papà religiosissimo, a ventitré anni seguì il cugino Pietro Duodo a Miinster, come segretario di Alvise Contarini, che era ambasciatore della Serenissima Repubblica al congresso di pace di Westfalia.

In Germania, dove rimase cinque anni, strinse amicizia con il nunzio papale Fabio Chigi che lo introdusse nell'ascetica di Francesco di Sales e l'avviò nello studio del latino e delle scienze religiose. Fu ancora il Chigi a consigliare il giovane Barbarigo, una volta tornato a Venezia, a laurearsi in diritto canonico. Successivamente si iscrisse all'università di Padova, dalla quale uscì dottore il 25 settembre 1655.

Nel frattempo aveva maturato la vocazione al sacerdozio e due mesi dopo l'ordinazione, si stabilì a Roma. Nella capitale dimorò in una casa accogliente, stracolma di libri, che intendeva trasformare in una «locanda di letterati». Intanto arrivò la peste e lui, giovane prete, venne incaricato di organizzare i soccorsi nel rione popolare di Trastevere.

Cessata la peste, il Barbarigo venne nominato vescovo di Bergamo, dunque, raggiunse la città lombarda portando con sé lo stretto necessario e, dei suoi tanti libri, portò solo la biografia di san Carlo Borromeo.

lunedì 17 giugno 2019

Il MANN entrerà a far parte della programmazione culturale dell’Universiade Napoli 2019 grazie all’esposizione “Paideia.Giovani e sport nell’antichità”, in programma dal 1° luglio - vernissage alle 17:00 - sino al 4 novembre prossimo.

Nella Sala dei Tirannicidi saranno presentati al pubblico venticinque reperti, provenienti, in particolare, dai ricchissimi depositi del Museo e non esposti da oltre vent’anni, insieme ad alcune opere del Getty Museum di Los Angeles. 

Tra i reperti inseriti nell’exhibit vi saranno anfore paratenaiche (nell’antica Grecia erano offerte come premio ai vincitori delle gare e, generalmente, contenevano olio), vasi con raffigurazioni delle diverse discipline sportive, affreschi delle città vesuviane con rappresentazioni di lotte e corse con bighe, sculture in marmo di atleti ed iscrizioni provenienti da Napoli antica.
Disseminati all’interno del Museo ed in dialogo con i capolavori delle collezioni permanenti, vi saranno dei pannelli che approfondiranno alcune tematiche legate allo sport nell’antichità: il ruolo sociale dell’atleta, le discipline più praticate (tra queste, lotta e pugilato, corsa con fiaccole tipica della Napoli antica, corsa con cani, atletica), il mondo femminile nello sport (le donne, solitamente, gareggiavano nell’ambito di cerimonie religiose ed in santuari dedicati alle divinità femminili).

“Benvenuta Universiade! Il Museo Archeologico Nazionale si appresta a vivere da protagonista un evento indimenticabile per Napoli e per l'Italia- dichiara il direttore del MANN, Paolo Giulierini- Negli ultimi mesi abbiamo lavorato in grande sinergia con l'organizzazione di Napoli 2019- Summer Universiade e con la Regione Campania e oggi siamo orgogliosi ed emozionati: custodiremo la fiaccola, qui nel cuore della città che fu dei giochi Isolimpici, dove da sempre lo sport fa parte della vita. E apriremo le nostre porte ai giovani atleti di 170 paesi, certi che si sentiranno a casa. In omaggio ai valori dell'Universiade abbiamo pensato a 'Paideia', una mostra preziosa, con reperti 'invisibili' da tempo, dai vasi figurati ai mosaici, e prestiti importanti. Ma come è noto sono tante le testimonianze dello sport nell'antichità nelle nostre collezioni che a luglio si arricchiranno con la 'Magna Grecia'. Vi aspettiamo, il mondo è invitato”.

Si ricollegherà alla tradizione mitologica classica ed, in particolare, alla figura sacra di Ananke (per i Greci era la Dea pre-olimpica del Fato), lo spettacolo “Patrizio VS Oliva”, che sarà in calendario il 1° luglio, alle ore 18, al Museo Archeologico Nazionale in occasione del vernissage di “Paideia”: il famoso campione olimpico e mondiale di pugilato, Ambassador dell’Universiade, sarà in scena con Rossella Pugliese per raccontare la bellezza e la complessità del ring della vita; la pièce, tratta dalla biografia “Sparviero - la mia storia” di Patrizio e Fabio Rocco Oliva, avrà la regia di Alfonso Postiglione.
Momento simbolico del gemellaggio con la grande manifestazione sportiva internazionale, sarà il passaggio al MANN della Torcia dell’Universiade: la Torcia, icona di pace, unione e fratellanza, giungerà al Museo Archeologico Nazionale nella serata di martedì 2 luglio, per “dormire” (è questo il termine utilizzato, quasi per indicare la personificazione ed il valore affettivo della fiaccola) al MANN dopo un lungo viaggio nella penisola, le cui tappe emblematiche sono state la partenza torinese e la benedizione in piazza San Pietro da parte di Papa Francesco.

Infine, per vivere a pieno il legame tra sport e cultura, visitando le collezioni museali e l’esposizione “Paideia”, dal 1° al 20 luglio il Museo Archeologico Nazionale di Napoli garantirà ingresso gratuito agli accreditati (delegati, atleti, giornalisti) e volontari Universiade; i possessori di un ticket della manifestazione avranno accesso al MANN ad un costo simbolico di 2 euro.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

San Giorgio a Cremano: nuovo teatro e gradinate, chiostro degli agrumi, un piccolo vigneto e alberi da frutta. Ecco il nuovo parco di Villa Bruno

Proseguono i lavori di restyling del parco di Villa Bruno. Gli interventi che cambieranno il volto dell'ara verde della dimora settecentesca tra le più belle del Miglio D'Oro, sono iniziati nei primi giorni del mese di Aprile e sono finanziati dalla Regione Campania. Il sindaco Giorgio Zinno e l'assessore ai Lavori Pubblici, Eva Lambiase si sono recati nel cantiere per verificare di persona, d'accordo con il direttore dei lavori, Ing. Luigi Fiorillo, lo stato di avanzamento dei lavori. 

Attualmente  è già terminata l'Arena Taranto, che ora gode di una nuova pavimentazione a monte e a valle ed è dunque pronta per ospitare la rassegna cinematografica "Cinema intorno al Vesuvio", che prenderà il via il 20 giugno e durerà fino all'8 agosto. I cittadini saranno accolti dunque in una location rinnovata, ma che rispetta l'originale impianto 700esco pensata per ospitare anche successivamente eventi culturali e attività di aggregazione, incarnando a pieno l'intenzione dell'amministrazione di creare un luogo aperto alla città e alle richieste dei cittadini.

Intanto i lavori strutturali del parco sono in corso d'opera (come si vede dalle foto allegate), e riguardano la realizzazione ex novo di un teatro dalla forma cilindrica del diametro di 18 metri, con camerini interrati e servizi. Saranno realizzate anche gradinate da 350 posti, oltre alla possibilità di inserire altre 170 sedute rimovibili sul terreno di calpestio. Dal punto più alto delle gradinate poi, nella parte posteriore, opposta al palco) partirà una collinetta a verde che ricreerà il profilo del Vesuvio e terminerà direttamente sul prato costituendo così un'unica area verde con il resto del parco. Vi sarà un "chiostro degli agrumi", che costituirà un'area di riparo dal sole e che sarà interamente piantata con alberi di agrumi. Prevista anche la piantumazione di albicocchi e altre piante da frutta, e un piccolo vigneto. 

L'accesso al grande parco della Villa che diventerà dunque un luogo prestigioso e ancora più ospitale sarà garantito ai cittadini, attraverso l'ingresso principale della villa, in via Cavalli di Bronzo e prevede camminamenti che attraversano il parco, mentre da via Giuseppe Guerra sarà consentito l'accesso per gli addetti ai lavori durante gli eventi culturali e gli spettacoli.  Il parco sarà consegnato entro fine anno.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Art Night Venezia - L'arte libera la notte

Si segnala sabato 22 giugno 2019 l'evento dedicato al libro nelle sue forme ed espressioni, come i libri d'artista di Luana Segato, libri di tela dipinta, piccole sculture espositive ma anche da potere tenere e toccare tra le mani. 


Saranno in esposizione anche i taccuini rilegati a mano con materiali di stoffa, carta, pelle riciclata di Mala Yerba (Fabio Favaretto). Si tratta di libri da disegno, acquerello e appunti con carta realizzata a mano, ed infine il libro dedicato al racconto "Foreste e Forestieri" di Lucia Guidorizzi, l'autrice sarà presente in Atelier per presentare e leggere parte il suo libro. 



COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Il 18 Giugno nella piazza di Atrani omaggio a Stanley Kubrick, con l’Associazione Maiori Film Festival, e salotto letterario con Angelo Petrella e Paquito Catanzaro

Un omaggio al grande Maestro cinematografico Stanley Kubrick, a 20 anni dalla sua scomparsa, apre ad Atrani la serata n.34 della XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, in collaborazione con l’Associazione Maiori Film Festival. 

Sarà il presidente del sodalizio organizzatore del Premio Roberto Rossellini@Maiori, Luigi Ferrara, ad introdurre martedì 18 giugno nella piazza Umberto I, ai piedi della scalinata che sale verso la spettacolare Chiesa di San Salvatore de’ Birecto, ore 20.00, il ricordo video del fantastico regista di pellicole capolavoro come “2001: Odissea nello spazio”, “Arancia Meccanica”, “Il dottor Stranamore”, “Full Metal Jacket”, “Shining”.
A seguire, con il patrocinio del Comune di Atrani, ed il supporto del Forum dei Giovani del comune costiero, il “salotto letterario” che vede protagonisti scrittori in concorso per il Premio costadamalfilibri, maiolica realizzata dalla Daedalus di Vietri sul Mare. Alfonso Bottone, direttore organizzativo ..incostieraamalfitana.it, si intratterrà infatti con Paquito Catanzaro autore di “8 e un quarto. La storia irresistibile del tele panettone che perfino Fellini avrebbe voluto dirigere” edito da Homo Scrivens, e Angelo Petrella con “La notte non esiste” pubblicato da Marsilio.
Cinecittà. Dopo il fiasco di una fiction impegnata, al regista Flavio Miraglia, in “8 e un quarto” di Paquito Catanzaro, è concessa l'opportunità di rifarsi. Dovrà
dirigere il telepanettone 'O Vesuvio 'nnammurato. Baci e camorra all'ombra del vulcano. Per Miraglia e la sua troupe comincia la rincorsa al Telegatto: tra attori alle prime armi e primedonne raccomandate; produttori a caccia di marchette e senatori che s'improvvisano talent scout; grotteschi effetti speciali e aspirazioni neorealistiche, e una sola granitica certezza: la sceneggiatura firmata da Libero Magri.
In “La notte non esiste” di Angelo Petrella, vincitore del Premio costadamalfilibri sezione “Giallo/Noir” 2018, quattro mesi dopo la sparatoria che poteva costargli la vita, Denis Carbone sta cercando di rimettersi in sesto. Il lavoro gli sembra la sola terapia possibile per chiudere con il Macallan, gli amori impossibili e gli attriti con i vertici della questura partenopea. E così, quando il cadavere di una bambina nigeriana viene ritrovato ai piedi di una scarpata, poco prima di Natale, l'ispettore più tormentato di Posillipo si getta sulle tracce dell'assassino. Tra false piste e oscuri traffici nella comunità vudù di
Castel Volturno, i sospetti ricadono presto su un sinistro individuo avvistato a bordo di un pick-up nero. Ma Denis ancora non sa che gli indizi rinvenuti nel suo covo rimanderanno a una storia lontana e inquietante, a un passato che credeva sepolto per sempre: e che invece è pronto a tornare, emergendo prepotente da fabbriche abbandonate, archivi polverosi e spiagge perdute...Un segno misterioso compare su un muro, mentre un'ondata di rapimenti e uccisioni sembra funestare le feste dei napoletani. Quante persone vi sono coinvolte? E in che modo Alice, la sorellina di Denis scomparsa venticinque anni prima, è collegata a questa faccenda? Spinto dalla rabbia e dalla sete di verità, l'ispettore Carbone non esiterà a addentrarsi nei meandri di una città disperata e corrotta, mettendo a repentaglio tutto ciò che ha pur di fermare la scia di sangue e ottenere vendetta.
Al termine della serata sarà premiata la squadra vincitrice di “A cena con l’Assassino…in riva al mare”. Ai componenti la formazione vincente libri e prodotti ittici dell’Azienda IASA nel cinquantenario della sua fondazione.
Dedicata alla lotta contro razzismo e xenofobia, la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si snoderà lungo le più incantevoli e suggestive location della Costa d’Amalfi (Praiano, Furore, Conca dei Marini, Amalfi, Atrani, Minori, Maiori, Tramonti, Cetara), ma anche tra le città di Salerno, Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore ed Inferiore, fino al 14 Luglio 2019, con il patrocinio della Commissione Europea, di UNICEF Italia, de I Borghi più Belli d’Italia, del Touring Club Salerno, dell’UNPLI provinciale Salerno, del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, e gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali.

Maggiori informazioni sul sito www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

CONCORSO NAZIONALE DI POESIA “Sogni di Pietra” - 5° edizione


Campertogno (Valsesia)
Organizzato da
Associazione Culturale Wild
Patrocinio
Comune Campertogno - Provincia Vercelli
Unione Montana Comuni Valsesia
Poesia in lingua Italiana
Sezione Unica
Max lunghezza accettata: 40 versi.

SCARICARE BANDO E SCHEDA QUI:
https://1drv.ms/b/s!Au1oZ-71XhFpjPpcQaz98qKjtBvckA

Tema
SE QUESTO E’UN UOMO

Traccia: La dignità dell’uomo e l’amore per la vita, i sentimenti
Le poesie che tratteranno lo stesso tema, riferito all’uomo e la montagna, entreranno nella graduatoria del premio speciale per la montagna.

Opere ammesse
Poesie: Sino a due per ogni partecipante.

Copie
1 copia di ogni elaborato da inviare per mail con al legato il Modulo di
iscrizione entro 31. 07. 2019.
L'elaborato per essere accettato, dovrà essere:
• in formato Word o Pdf se autorizzato a copia-incolla;
• non firmato;
• non contenere disegni e altre icone;
• layout di pagina con orientamento a sinistra e senza salto di riga

PREMI
1° classificata- premio Comune Campertogno.
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;
N. 1 soggiorno per 2 persone (pernottamento e prima colazione) .

2° classificata - premio Unione Montana dei Comuni Valsesia.
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;
N. 1 soggiorno per 2 persone (pernottamento e prima colazione) .

3° classificata - premio Città di Borgosesia.
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;
N. 1 soggiorno per 2 persone (pernottamento e prima colazione) .

dal 4° alla 10° classificata
Diploma menzioni d’onore su pergamena in formato A4;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;
dal 11° al la 20° classificata
Diploma menzioni d’onore su pergamena in formato A4;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;

PREMI SPECIALI DELLA MONTAGNA
Le poesie che descriveranno il rapporto uomo-montagna, entreranno
nella graduatoria dei premi speciali della montagna.
1° premio speciale montagna - Giovanni Turcotti , filosofo
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;
2° premio speciale montagna - Club Alpino Italiano di Varallo Sesia
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;
3° premio speciale montagna - Ass. Culturale Wi ld
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;

MIGLIOR POETA VALSESIANO
La poesia del poeta Valsesiano che avrà ottenuto il miglior
punteggio, si aggiudicherà il premio.
Si considera Valsesiano chi risiede in uno dei Comuni appartenent i
all’Unione Montana dei Comuni Valsesia, al momento dell’iscrizione.
Premio Lions Club Valsesia
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4;

PREMI RISERVATI AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE MEDIE
SUPERIORI
1° classificata - premio Istituto per la Storia della Resistenza e della
Società Contemporanea
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4.
2° classificata - premio Istituto per la Storia della Resistenza e della
Società Contemporanea
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4.
3° classificata - premio Istituto per la Storia della Resistenza e della
Società Contemporanea
Targa;
Diploma su pergamena in formato A3;
Diploma recensione su pergamena in formato A4.

INOLTRE
• Le prime 30 poesie classificate, saranno esposte per un anno, lungo il
percorso poetico di Campertogno che si snoda tra le vie del villaggio alpino;
• Le prime 100 poesie classificate saranno raccolte in una antologia;
• Le poesie e relative recensioni premiate, di menzione d’onore e merito, saranno lette da voce recitante o dagli autori stessi ;
• A tutti i partecipanti sarà offerta un’escursione guidata il giorno della premiazione;
• La Giuria, a sua discrezione, potrà assegnare altri riconoscimenti non previsti nel presente bando
• I premi dovranno essere ritirati personalmente da ciascun vincitore, o persona delegata.
Quota di partecipazione
Euro 10,00, per diritto di lettura, da versare a favore dell’Associazione
Culturale Wild, specificando nella causale “SOGNI DI PIETRA” ,
codice IBAN: IT52 E 05034 44310 000 000 00 9548
Gratuita per studenti scuole medie superiori presentati dall’Istituto.

SCADENZA INVIO ELABORATI 31 luglio 2019
Indirizzo invio elaborati
E-mai l sognidipietra2019@gmail.com
Telefono 366. 2843360
Sito web
https://sogni-di-pietra.webnode.it/
Facebook
www.facebook.com/isognidiwild/

Premiazione
Sabato 9 novembre 2019 al le ore 16:00
La cerimonia di premiazione si svolgerà a Campertogno, Valsesia (VC) presso il Teatro Fra Dolcino.

Comunicazione risultati Concorso
La segreteria del Comitato Organizzatore del Concorso, comunicherà tempestivamente a tutti i partecipanti, mezzo posta elettronica, l ’esito del Concorso, specificando la graduatoria dei premiati inclusi le Menzioni d’Onore
e di Merito.
La graduatoria sarà pubblicata altresì sul sito web
https://sogni-di-pietra.webnode.it/
e sulla pagina Facebook
www.facebook.com/isognidiwild/.
Copia del verbale della giuria, potrà essere richiesto scrivendo alla segreteria
entro un mese dal la pubblicazione dell’esito.


Giuria
La giuria, designata dal Comitato Organizzatore, è composta da 7 membri e un
coordinatore senza diritto di voto:
Giuliana Degasperis Coordinatrice di Giuria
1. Pietro Taverniti, docente di letteratura - presidente di giuria;
2. Moreno Tonioni, poeta;
3. Elena Uglioni, docente di letteratura;
4. Virginia Comoletti , storica d’arte;
5. Dina Traversaro, direttore biblioteca;
6. Nunzio Buono, poeta;
7. Francesco Ravelli, giornalista, ricercatore di filosofia.

Criteri di valutazione
• Le opere in concorso saranno valutate dai singol i giurati in forma
rigorosamente anonima.
• Ogni giurato, darà una valutazione da 1 a 10
• I criteri base della valutazione sono:
correttezza formale, correttezza sintattica, lessico, ritmo e musicalità,
comprensione comunicazione, contenuto, aderenza al tema.

Procedura di valutazione
• Riunione del comitato di Giuria al fine di uni formare i giudizi di
valutazione;
• La segreteria del comitato organizzatore invierà al Coordinatore di Giuria
(che non ha potere di valutazione) le poesie in forma anonima, il quale le
trasmetterà ai singoli giurati;
• Terminate le valutazioni, i giurati trasmetteranno le poesie al
Coordinatore di Giuria che provvederà a stilare la graduatoria delle
opere;
• Riunione del comitato di Giuria per prendere atto della graduatoria e nell’eventualità ci fossero delle poesie a pari merito, confronto di valutazione, seguita da valutazione singola e nuova graduatoria;
• Definita la graduatoria delle poesie, il Coordinatore di Giuria provvederà a trasmetterla al Comitato Organizzatore.
• Il segretario del Comitato Organizzatore, abbinerà alle poesie gli autori.

PREMIO NAZIONALE "ATELLA SCRIBENS" PRIMA EDIZIONE

Premiazione 29 giugno presso il Centro Studi Massimo Stanzione, via Mazzini,11 Otra Atella
 ore 18:30.

ART NIGHT VENEZIA

Sabato 22 giugno, ore 18.30 – 22.30 (ultimo ingresso ore 22.00)
INGRESSO LIBERO SENZA PRENOTAZIONE


La PGC saluta l’inizio dell’estate partecipando alla nona edizione di Art Night Venezia, promossa da Università Ca' Foscari Venezia in collaborazione con il Comune di Venezia.

In occasione della serata apertura straordinaria gratuita del museo dalle 18.30 alle 22.30, con ingresso libero, senza prenotazione*.

PROGRAMMA DELLA SERATA


PRESENTAZIONI GRATUITE IN ITALIANO E INGLESE (dalle 18.30 alle 21.30). Le presentazioni non hanno bisogno di prenotazione e si svolgono nel giardino del museo o, in caso di pioggia, nella veranda antistante la mostra temporanea.

- ore 18.30 Collezione Peggy Guggenheim (italiano) e The Nature of Arp (English)
- ore 19.00 La natura di Arp (italiano) e Peggy Guggenheim Collection (English)
- ore 19.30 Collezione Peggy Guggenheim (italiano) e The Nature of Arp (English)
- ore 20.00 La natura di Arp (italiano) e Peggy Guggenheim Collection (English)
- ore 20.30 Collezione Peggy Guggenheim (italiano) e The Nature of Arp (English)
- ore 21.00 La natura di Arp (italiano) e Peggy Guggenheim Collection (English)
- ore 21.30 Collezione Peggy Guggenheim (italiano) e The Nature of Arp (English)

LABORATORIO PER BAMBINI. Dalle 18.30 alle 20 i bambini dai 4 ai 10 anni potranno prendere parte al laboratorio "Che rumore fa il blu?". Per partecipare è obbligatoria la prenotazione telefonica chiamando lo 041.2405444, a partire da mercoledì 19 giugno, fino a esaurimento posti.

APERITIVO IN GIARDINO OFFERTO DA Aperol Spritz
Aperol, parte di Campari Group, storica azienda di Guggenheim Intrapresæ che quest’anno festeggia il suo centesimo anniversario, accompagna la serata offrendo un aperitivo nel giardino del museo. Ogni drink card consegnata all’ingresso include una consumazione, per i maggiori di 18 anni.

Segnaliamo che durante la serata l’accesso al museo potrà essere contingentato nel rispetto delle normative sulla sicurezza.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Veduta Leopardi 2019 - terza giornata

Giovedì 20 giugno dalle ore 18:00 alle 20:00
Scala San Pasquale, 80134 Napoli NA, Italia 



La terza giornata di Veduta Leopardi vedrà sulle scale i poeti del laboratorio Mosse di Seppia: Damiana DeGennaro, Achille Pignatelli, Alessandro Di Porzio, Pasquale Sbrizzi, Axel Perugino, Gabriele De Simone, Luca Tammaro; interverranno inoltre Ketti Martino, Marisa Papa, Giulia Martini, Martina Natale, Antonio Pietropaoli, Francesco Terracciano, Marco Melillo. 

SAN RANIERI di PISA

EREMITA
Ricorrenza: 17 GIUGNO



Ricco mercante, in grado di leggere il latino, entrò in relazione con una asceta di Pisa, si convertì e decise di abbandonare la vita mondana, nel 1140 andò in pellegrinaggio in Terra Santa, dove visse per tredici anni divenendo eremita.

Nel 1153 ritornò a Pisa, preceduto da una fama di santità. Dopo un soggiorno di un anno presso il monastero di Sant'Andrea in Kinzica, si installò a San Vito, dove rimase sino alla morte ed il corpo venne sepolto in una cappella della cattedrale di Pisa. A partire dal XIII secolo è patrono della città.

Si dedicò all'apostolato e alla predicazione.

domenica 16 giugno 2019

"L'altro casalese" di Paolo Miggiano

Giovedì 20 giugno 2019 dalle ore 18:00 alle 19:00
Alla Feltrinelli Napoli in Via Santa Caterina a Chiaia, 23 ang. Piazza dei Martiri, Napoli.

Presentazione del libro di Paolo Miggiano "L'altro casalese" Di Girolamo editore. 
Con l'autore intervengono Giovanni Conzo e don Tonino Palmese. Conduce Enza Alfano. Saranno presenti i figli di Domenico Noviello. 

Il 17 Giugno alla Sala Colavolpe di Amalfi salotto letterario con Piera Carlomagno, Antonio Schiavo, Giovanna Russoniello, e “I colori del mare” di Ida Mainenti

Amalfi ospita la serata n.33 della XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, che vede protagonisti scrittori in concorso per il Premio costadamalfilibri, maiolica realizzata dalla Daedalus di Vietri sul Mare. Il 17 giugno, inizio alle ore 20.00, presso la Sala don Andrea Colavolpe, con il patrocinio del Comune di Amalfi, Alfonso Bottone, direttore organizzativo ..incostieraamalfitana.it, si intratterrà per questo nuovo “salotto letterario” con Piera Carlomagno e “Una favolosa estate di morte” edito da Rizzoli, e Antonio Schiavo con “Aghi di pino” pubblicato da Guida. 

L’incontro con gli autori sarà preceduto dal vernissage d’inaugurazione della mostra d’arte “I colori del mare” di Ida Mainenti. Acquerelli e ceramiche dai bagliori variopinti che raccontano suggestioni dell’anima in una personale di questa artista salernitana che, in esposizione fino al 23 giugno, che accoglie il visitatore facendolo immergere tra creazioni rasserenanti e solari. A presentare la mostra Alfonso Di Muro, docente di Storia dell’Arte, che si intratterrà anche sulla nuova raccolta di versi di Giovanna Russoniello. “Burattini erranti”, edito da Terra del Sole, dialoga infatti con le tele della Mainenti a cui sono ispirate alcune delle odi della poetessa salernitana, e “accordate, nel senso di un solo cuore, con quanto sosteneva il poeta latino Orazio, nel I secolo avanti Cristo, per cui era un buon poeta colui che riusciva a dare corpo ai propri sentimenti attraverso un adeguato corredo di parole, e un buon pittore colui che ci riusciva mediante la giustapposizione d’immagini, linee e superfici: ut pictura poesis”, come scrive lo stesso Di Muro nella prefazione al libro.

In “Una favolosa estate di morte” di Piera Carlomagno accadono fatti terribili, nella terra di mezzo tra Matera e Potenza, frontiera selvaggia che si ripiega su se stessa come le ripide gole che la solcano. E così una notte di giugno, nei calanchi vicino Pisticci, un uomo e una donna vengono assassinati brutalmente. Lui è Sante Bruno, architetto con entrature che contano. Lei, Floriana Montemurro, una ragazza bellissima, figlia di un potente notabile. II duplice omicidio scuote la monotonia di una provincia in cui il pettegolezzo vola di bocca in, bocca e le lingue sono affilate come rasoi. Indagare sul caso tocca a Loris Ferrara magistrato in crisi che vuol rifarsi una vita, e all'anatomopatologa Viola Guarino. Abilissima nel leggere la scena del crimine, convinta sostenitrice dei metodi scientifici d'indagine, la Guarino ha un sesto senso prodigioso. "Strega" la chiamavano da bambina. "Strega" pensano oggi di lei i suoi concittadini. E del resto, è la nipote di Menghina, celebre lamentatrice funebre della Lucania, una che ha trasformato la morte in professione e di stranezze se ne intende. Turbata dai sentimenti che prova per l'ombroso Ferrara, Viola si getta a capofitto nell'inchiesta. Mentre incombono i preparativi per Matera 2019 Capitale della Cultura e il futuro si porta appresso milionarie speculazioni sugli antichi Sassi, dovrà confrontarsi con i misteri di un Sud in cui tutto sta cambiando anche se nulla cambia mai davvero.

In “Aghi di pino” di Antonio Schiavo il protagonista Ettore Baldi, fin da piccolo, si è chiesto cosa rappresentasse quella serie di numeri perennemente in tumulto nella sua mente. Appassionato di mitologia greca, ricorda di aver letto che tutti gli uomini, alla nascita, conoscono la durata della propria vita e, quindi, il giorno della morte. La sofferenza del nascere però è così intensa da far loro perdere memoria di quella data. Anche lui era nato apparentemente senza dolore, senza emettere quei vagiti che solitamente accompagnano la venuta al mondo di tutti gli esseri umani. Quei numeri che si mescolano nel suo cervello potrebbero rappresentare la data della sua morte? Quando mancano ancora tanti anni al "momento fatale" Ettore pensa quasi che quello sia un privilegio e gode appieno dei piaceri della vita. Poi, man mano, quel pensiero si trasforma in un'ossessione che trova un'apparente conferma, in prossimità del giorno così temuto, in un gravissimo incidente che coinvolge la sua figlia più piccola, Laura. Il destino racchiuso in quelle cifre era riservato forse non a lui ma a quanto aveva di più caro.

Dedicata alla lotta contro razzismo e xenofobia, la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si snoderà lungo le più incantevoli e suggestive location della Costa d’Amalfi (Praiano, Furore, Conca dei Marini, Amalfi, Atrani, Minori, Maiori, Tramonti, Cetara), ma anche tra le città di Salerno, Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore ed Inferiore, fino al 14 Luglio 2019, con il patrocinio della Commissione Europea, di UNICEF Italia, de I Borghi più Belli d’Italia, del Touring Club Salerno, dell’UNPLI provinciale Salerno, del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, e gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali.

Maggiori informazioni sul sito www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Il Madre per il Sociale sbarca a Milano con ES. La moda unisce



Lunedì 17 giugno, alle ore 18.00, sarà presentata a Milano per la prima volta in mostra, nell’Atrio dei Gesuiti della Pinacoteca di Brera, in occasione della Fashione Week Uomo 2019, la collezione ES. La moda unisce realizzata, con lo stilista Stefano Chiassai (Fendi Uomo), da Ozah Faith, Mamadou Keita, Adama Kouyate, Zanaib Lokman, Toure Moumouni, Obagho Rhoda e Syll Cheikh che con i loro abiti raccontano incontri, dialoghi, condivisioni e speranze: quelle dei giovanissimi protagonisti, richiedenti asilo provenienti dalla Costa D’Avorio, dal Mali, dalla Nigeria e dal Senegal.
La mostra ES. lamodaunisce è un’iniziativa figlia dell’’edizione 2019 del Progetto XXI-Madre per il Sociale della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee della Regione Campania, realizzato in collaborazione con LESS Società Cooperativa Sociale.

Un progetto che, attraverso il linguaggio della moda, sotto la guida di esperti artigiani del settore tessile-manifatturiero e tessile-abbigliamento, e il coinvolgimento di diverse aziende italiane (leader nella tutela e nella valorizzazione del made in Italy) e dello stilista Stefano Chiassai (Fendi Uomo) ha reso possibile la realizzazione della collezione ES. La Moda Unisce.

A rendere preziosa la collezione, il contributo dell’artista Mimmo Paladino, che ha donato al progetto un disegno originale, un vortice di colori e di forme che sintetizzano il viaggio intrapreso, con ES, in una creatività che mette al centro l’essere umano e i suoi molteplici sguardi.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

SS. TRINITA’

Ricorrenza:16 GIUGNO

Questa festa fu istituita nei primi secoli del Medio Evo per opera specialmente dei monaci che cominciarono a celebrarla nei loro monasteri. Di qui si estese man mano alle singole diocesi e finalmente all'intera Chiesa Romana per opera di Papa Giovanni XXII che nel 1314 la dichiarava festa universale, fissandola la prima domenica dopo Pentecoste. (http://www.rosarydelsudartnews.com/2019/06/pentecoste.html).
La festa della Trinità è una festa cara a tutti i cristiani perché ricorda il più grande mistero della nostra religione: « Un Dio solo in tre persone uguali e distinte ». 


Questo dogma che è il grande oggetto della nostra adorazione in vita, sarà poi la nostra eterna felicità in cielo.

Abbiamo visto, dice gli Apostoli il giorno della Pentecoste ricevere lo Spirito Santo e, fedeli all'ordine del loro Divino Maestro, mettersi in viaggio per andare ad ammaestrare le nazioni nel nome della SS. Trinità. Era dunque conveniente che la festa di Dio Uno e Trino seguisse immediatamente la Pentecoste.

Santuario di Santa Maria della Natività e San Ciro

by Rosaria Pannico

Si tratta di un Santuario sito in Piazza San Ciro a Portici, nella città metropolitana di Napoli.

Il Santuario è caratterizzato da una facciata in stile bizantino ed è affiancata da due torri campanarie oggi entrambe dotate di orologio. 

L'interno è possibile ammirare tre navate e sull'altare maggiore la Natività di Maria di Luca Giordano; nel secondo altare a destra si trova la Concezione, di Giuseppe Bonito e nella cappella a sinistra dell'altare maggiore la statua di San Ciro di Ferdinando Sperandeo.

Io vi propongo questo breve video da me realizzato e vi invito domenica prossima a non perdere un altro appuntamento ancora con Santuario di Santa Maria della Natività e San Ciro:

sabato 15 giugno 2019

Tavola Rotonda "La denuncia penale come prevenzione al bullismo"

Mercoledì 19 Giugno dalle 16,00 nella sede del Maschio Angioino

Il Comitato di Napoli della LIDU ( Lega Italiana dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino) organizza un incontro aperto ai cittadini sull'importanza della denuncia penale da parte di chi è testimone di atti di bullismo

Il Comitato LIDU (Lega Italiana dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino) di Napoli e Lucia Valenzi incontrano Maria Luisa Iavarone presso la sede della Fondazione Valenzi al Maschio Angioino per discutere della piaga sociale del bullismo: come riconoscerlo e quali sono gli strumenti per contrastarlo, in particolare si discuterà sul valore della denuncia penale da parte di chi è testimone o vittima di atti di bullismo.

Intervengono: Maria Luisa Iavarone, Docente di Pedagogia presso l’Università Parthenope di Napoli e testimone di legalità nelle scuole di Napoli, Lucia Valenzi, Presidente della Fondazione Valenzi, Maria Vittoria Arpaia, Presidente del Comitato di Napoli della LIDU, Alessandro Perotti, membro del Comitato di Napoli della LIDU.

La Tavola Rotonda è propedeutica ad un Convegno per la divulgazione di comportamenti sociali che favoriscano l'aggregazione dei cittadini intorno alle iniziative di denuncia di ogni tipo di violenza.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Venezia - Piazza San Marco

By Rosaria Pannico


Per chi vuole visitare Venezia, Piazza San Marco è una tappa obbligatoria, si tratta di una delle più importanti piazze italiane ed è l'unica piazza di Venezia perché in realtà tutte in quanto tutti gli altri spazi in forma di piazza sono propriamente definiti “campi” ed hanno una grandezza molto più piccola di Piazza San Marco.

Piazza San Marco, patrimonio dell'umanità, ha una forma trapezoidale ed è lunga 170 metri ed è anche conosciuta come "la piazza" o "il salotto d'Europa".

Io vi propongo questo brevissimo video che offre un sguardo dal centro della Piazza e vi invito sabato prossimo a non perdere un altro appuntamento con Venezia:

"Springtime" di Pierre Auguste Cot

"Springtime" di Pierre Auguste Cot.
Olio su tela
Metropolitan Museum of Art, New York.


SANTA GERMANA COUSIN

Ricorrenza: 15 GIUGNO

Nacque a Frouzins nel 1570 in un piccolo abitato non lontano da Tolosa in una famiglia di modesta condizione.

Rimase orfana di madre poco dopo la sua nascita ed ancora piccola si ammalò di scrofolosi, malattia che le deturpò il viso per tutta la vita. Il padre si risposò con una donna che poco si curò di lei. 

Essendo impensabile per lei accedere all'istruzione o avere prospettive di matrimonio, fu mandata a pascolare le pecore, restando a dormire con loro nell'ovile. Iniziò a frequentare la chiesa del suo paese e divenne molto devota: andando a messa e recitando il rosario tutti i giorni., iniziò a parlare con i più poveri, pastori e fanciulli degli insegnamenti ricevuti al catechismo, raccogliendo intorno a sé molti ragazzi cui spesso portava da casa delle pagnotte di pane per sfamarli. La tradizione racconta, infatti, che un giorno d'inverno si accingeva a portare del pane ai poveri, quando i genitori se ne accorsero e la rimproverarono, ma quando le fecero aprire il grembiule, esso era pieno di fiori invece che di pane.

Morì il 15 giugno 1601, appena trentenne, sola nella stalla dove dormiva.

venerdì 14 giugno 2019

A La Caffettiera Blues di Nocera Inferiore la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it il 15 giugno incontra Federico Bergaminelli e Mario Postiglione, autori de “La Privacy”

La XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si sposta nell’Agro per la sua 31a serata. Sabato 15 giugno infatti, alle ore 18.30, presso La Caffettiera Blues di Nocera Inferiore, il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Alfonso Bottone si intratterrà con Federico Bergaminelli e Mario Postiglione, autori de “La Privacy. Per “Designati” e “Autorizzati” al Trattamento dei Dati Personali” edito da Polis SA ed in concorso per il Premio costadamalfilibri, maiolica realizzata dalla Daedalus di Vietri sul Mare.
 
Il decreto legislativo 101/2018, che adegua l'ordinamento italiano alla privacy europea (Regolamento 2016/679) introduce la figura del «designato per specifici compiti e funzioni» connessi al trattamento dei dati e risolve un po' di problemi organizzativi. La Legge Privacy (Codice Privacy e il Regolamento Europeo Privacy UE/2016/679 GDPR) impone al Titolare del Trattamento e al Responsabile del Trattamento di pianificare interventi di formazione privacy periodici per tutti i dipendenti e collaboratori, che nell'ambito delle proprie mansioni lavorative vengono a conoscenza o possono trattare dati personali. L'art. 29 del GDPR prevede che il datore di lavoro debba obbligatoriamente designare un Incaricato Privacy e formare ogni lavoratore addetto a compiere operazioni di trattamento di dati personali di clienti, fornitori e dipendenti. Con l'acquisizione dei contenuti di “La Privacy. Per “Designati” e “Autorizzati” al Trattamento dei Dati Personali” di Federico Bergaminelli, presidente dell’Istituto Italiano Anticorruzione, e Mario Postiglione, socio fellow dello stesso Istituto, anche in caso di sopralluoghi e attività ispettive, metterà in grado l’Incaricato Privacy di dimostrare di aver dato seguito al "principio di accountability" e di aver correttamente adempiuto agli obblighi di formazione privacy imposti dalla normativa vigente.
Il “salotto letterario” di Nocera Inferiore è organizzato in collaborazione con l’Associazione Polis SA Navigando Controvento, e registra l’intervento di Alfonso Oliva, presidente dell’Istituto Galante Oliva.
 
Dedicata alla lotta contro razzismo e xenofobia, la XIII edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo si snoderà lungo le più incantevoli e suggestive location della Costa d’Amalfi (Praiano, Furore, Conca dei Marini, Amalfi, Atrani, Minori, Maiori, Tramonti, Cetara), ma anche tra le città di Salerno, Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore ed Inferiore, fino al 14 Luglio 2019, con il patrocinio della Commissione Europea, di UNICEF Italia, de I Borghi più Belli d’Italia, del Touring Club Salerno, dell’UNPLI provinciale Salerno, del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, e gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni e le attività culturali.

Maggiori informazioni sul sito www.incostieraamalfitana.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Al Blu di Prussia - Prometeo BEAT

Martedì 19 giugno 2019 ore 17:30


XVI Rassegna POESIARTE MILANO "MEMORIE RESISTENTI"

Lunedì 17 e martedì 18 a Quintocortile, viale Bligny 42, Milano dalle ore 17:00


Passioni d’amore nei palazzi nobiliari della nostra Palermo


Palazzo Alliata di Villafranca (piazza Bologni - Palermo)
Sabato 15 giugno
Tre turni: ore 18:00 - ore 19:30 - ore 22:00

All’interno della splendida cornice di Palazzo Alliata di Villafranca, andremo a ritroso nel tempo e ci lasceremo incantare dalle parole della Principessa Agata Valguarnera.
Un monologo, scritto e interpretato da Francesca Picciurro, attraverso il quale, la Principessa “Tuzzidda” (così era solito chiamarla il marito), racconterà di sé, della storia del suo tempo e dell’infinito amore per il suo Peppino.
In seguito, gli operatori museali dell’Associazione culturale “Palazzo Alliata di Villafranca” accompagneranno il gentile pubblico nei maestosi saloni del palazzo, nella cappella, nella quale è conservata la crocifissione realizzata da Antoon van Dick, nella sala del tè e nel meraviglioso fumoir, stanza rivestita in preziosissimo cuoio.
Alla fine, un momento di socializzazione sorseggiando un caffè o un amaro accompagnati da stuzzichini offerti dall’Organizzazione.

Contributo:
8 euro i soci Promofestival
10 euro i non tesserati
Qualsiasi chiarimento al 3317189910

COME PRENOTARE:
Inviare un sms oppure un messaggio whatsapp al 3317189910 scrivendo semplicemente l’evento, il nome e cognome di chi prenota e il numero dei partecipanti. Esempio:
Palazzo Alliata del 15 giugno. Turno delle 18,00. Annalisa Rossi. 4 persone in tutto.

Una volta ricevuta la richiesta di prenotazione, l’Organizzazione vi risponderà per confermare e vi scriverà tutte le informazioni che necessitano.


PER TUTTE LE INFORMAZIONI SU QUESTO ED ALTRI EVENTI
CONSULTARE IL NOSTRO SITO WWW.PROMOFESTIVAL.IT

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

La mia Salerno in rima baciata

Presentazione del libro di Alfonso Gargano "La mia Salerno in rima baciata”
Martedì 25 giugno 2019 dalle ore 17:30 alle 20:00 
Fondazione Filiberto e Bianca Menna
Via Lungomare Trieste, 13, Salerno 

 

ALLA MARIERA DI CANOVA


Sant' Eliseo Profeta

Ricorrenza:14 giugno
Etimologia: Eliseo = dall'ebraico Dio è la mia salvezza (o salute)



Continuatore dell'opera di Elia era un ricco possidente e originario di Abelmeula. Eliseo era un uomo deciso e lo dimostra la prontezza con cui rispose al gesto simbolico di Elia che, per ordine di Jahvè, lo consacrava profeta e suo successore.

"Elia andò in cerca di Eliseo - si legge al cap. 19 del I libro dei Re - e lo trovò che stava arando: aveva davanti dodici paia di buoi; egli arava col dodicesimo paio. Giunto a lui, Elia gli gettò addosso il proprio mantello. Allora Eliseo, abbandonati i buoi, corse dietro a Elia e gli disse: Permettimi di passare a baciare mio padre e mia madre, poi ti seguirò. Elia gli disse: Va' e torna presto, poiché tu sai ciò che ti ho comunicato. Eliseo, allontanatosi, prese un paio di buoi e li immolò, quindi col legno dell'aratro e degli strumenti da tiro dei buoi ne fece cuocere le carni e le dette a man lare ai suoi compagni di lavoro. Poi partì e seguì Elia, mettendosi al suo servizio".

Il ricco agricoltore, con quel gesto significativo, voleva dire al suo maestro che ormai era disposto a rinunciare a tutto per rispondere in pieno alla vocazione profetica.


La Bibbia ricorda una lunga serie di prodigi da lui operati: stendendo il mantello di Elia divise le acque del Giordano; con una manciata di sale rese potabile l'acqua di Gerico; rese inesauribile l'olio d'oliva di una vedova; risuscitò il figlio della sunamita che lo ospitava; moltiplicò i pani sfamando un centinaio di persone; guarì dalla lebbra Naaman, generale del re di Damasco. Operò miracoli anche dopo la morte: un morto, gettato frettolosamente sulla tomba del profeta da un becchino impaurito dall'arrivo di alcuni predoni "risuscitò, si alzò in piedi e se ne andò". Il profeta Eliseo morì verso il 790 a.C., e venne sepolto nei pressi di Samaria, dove ai tempi di S. Girolamo esisteva ancora il suo sepolcro.