sabato 30 settembre 2017

Parte il primo ottobre al Belvedere di San Leucio, “Terra Madre”, la prima biennale di arte contemporanea

L’iniziativa, che si concluderà il 21 di ottobre, nasce dalla collaborazione tra il Comune di Caserta e quello di Casagiove e ha come obiettivo quello di realizzare progetti di valorizzazione turistico-culturale dei siti borbonici. L’iniziativa, diretta da Gianpaolo Coronas, vedrà una prima inaugurazione domenica 1 ottobre alle ore 17,30 nel Real Sito Borbonico di San Leucio, complesso monumentale patrimonio Unesco.

Il Cinquecento a Firenze

In occasione della mostra Il Cinquecento a Firenze (Palazzo Strozzi, 21 settembre 2017-21 gennaio 2018) continua la collaborazione tra la Biblioteca della Toscana Pietro Leopoldo e la Fondazione Palazzo Strozzi.

Mercoledì 4 ottobre 2017 alle ore 17.00 presso la Biblioteca della Toscana Pietro Leopoldo si terrà la conferenza di Ludovica Sebregondi Il Cinquecento a Firenze e in Toscana: presentazione del Fuorimostra.

Un’occasione per scoprire l’ampio itinerario tra luoghi di Firenze e della Toscana che si pone l’obiettivo di valorizzare mete e beni del territorio e celebrare una stagione unica per la storia dell’arte.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili e previa esibizione di un documento d’identità.
Scopri la bibliografia Il Cinquecento a Firenze e in Toscana.



Biblioteca della Toscana Pietro Leopoldo
piazza dell’Unità Italiana 1, Firenze
tel. 055 238 7799
biblioteca@consiglio.regione.toscana.it

venerdì 29 settembre 2017

La radicalità dell'avanguardia

«I saggi raccolti in questo volume – in gran parte già pubblicati in altre occasioni – rappresentano altrettante tappe di un mio ideale itinerario di ricerca che si è andato svolgendo tra il 2013 ed il 2016. Tutti gli scritti sono generati da un’occasione particolare fornita da sollecitazioni esterne, ma ad esse ho sempre risposto cogliendo l’occasione per mettere a fuoco i problemi intorno ai quali in quegli anni mi sono andato arrovellando. Domande in continuità con tutto il mio percorso improntato alla relazione tra le arti visive e le istanze politiche radicali, ma fattesi nel tempo più precise e circostanziate, nella prospettiva di individuare, qualora ce ne fossero stati, momenti davvero di unione, di integrazione, di indistinguibilità tra l’estetico ed il politico».

S. Taccone, "Introduzione", in Id., "La radicalità dell'avanguardia", Ombre Corte, Verona, 2017, p. 7.

Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa: DOMENICA 1 OTTOBRE 2017 TANTE ATTIVITA’ PER FESTEGGIARE L’ANNIVERSARIO DELLA STORICA LINEA NAPOLI-PORTICI

Vi aspettiamo domenica, 1 ottobre 2017, per festeggiare insieme i 178 anni della prima linea ferroviaria italiana, inaugurata il 3 ottobre 1839. 

Sono previste tante attività:
visite-gioco e spettacoli per bambini – Trampolieri in abiti d’epoca – Il gran ballo dell’Ottocento – Mostre - visite guidate – Viaggio Virtuale – Tour a bordo del trenino elettrico Bayard e tant’altro.

Dalle ore 9:00 alle ore 21:00, orario continuato e ingresso al sito museale a soli 2€.

giovedì 28 settembre 2017

Una notte Rock! Al museo



Con il titolo 'Van Gogh. Tra il grano e il cielo' è la grande mostra allestita dal 7 ottobre all'8 aprile nella Basilica Palladiana di Vicenza.

La nascita e la formazione del genio di Van Gogh attraverso 43 meravigliosi dipinti e 86 straordinari disegni ove in primo piano, un focus mai fatto prima d'ora sui cinque anni di permanenza in Olanda, quando il dolore e la disperazione del vivere diventano per l'artista le uniche modalità dell'esistenza, da cui però scaturiranno le sue immagini, le sue visioni, il suo colore. 

La mostra segna il ritorno di Marco Goldin a Vicenza con una selezione strepitosi capolavori, resa possibile grazie all'apporto decisivo di quello scrigno vangoghiano che è il Kroller-Muller Museum in Olanda ed ai prestiti concessi da una decina di musei internazionali.

MITO - MANIA


Biblioteca di San Giorgio a Cremano (NA) - Impero di Bruno di Pietro

Sabato 30 settembre ore 18:00 


Si segnala la presentazione del libro di Bruno di Pietro dal titolo IMPERO presso la Biblioteca di Villa Bruno in San Giorgio a Cremano (NA) per sabato 30 settembre ore 18:00.

Introduce: Francesco Liguri
Saluti: Giorgio Zinno
Interviene: Mimmo Grasso

L’opera affronta i problemi dell’Europa contemporanea metaforicamente collocati nell’epoca dell’Impero Romano.

Tra le opere poetiche di Bruno Di Pietro da segnalare Colpa del mare (Oèdipus 2002), [sms] e una quartina scostumata (D’If, 2002), Futuri lillà (ivi, 2003), Acque/dotti. Frammenti di Massimiano (Bibliopolis, 2007), Della stessa sostanza del figlio (Evaluna, 2008), Il fiore del Danubio (ivi, 2010), Minuscole (Il laboratorio/le edizioni, Nola 2016). E‘ presente in antologie della Fondazione Morra, della Società Dante Alighieri e altrove. Ha pubblicato interventi poetici nella rivista «Patapart» edita dall’Istituto patafisico partenopeo. E’ redattore della rivista di poesia «Levania». Ha fondato con Mimmo Grasso la rivista di arte, scienza e letteratura «Calibano». Ha fondato, insieme a Gabriele Frasca, Mariano Bàino e Nietta Caridei, la casa editrice D’If.


“Mantua, Cuba”

Il lavoro fotografico di Paolo Simonazzi realizzato a Cuba nel 2015 in mostra, dal 7 ottobre al 4 novembre 2017, presso la sede di Vicolo Folletto Art Factories a Reggio Emilia 

Il titolo dell’esposizione – “Mantua, Cuba” – è tratto dall’omonimo libro fotografico (Greta’s Books, 2016) che sarà presentato al pubblico venerdì 6 ottobre, alle ore 17:30, presso la Sala del Planisfero della Biblioteca Panizzi. Interverranno lo scrittore Davide Barilli e il curatore Andrea Tinterri. A seguire, alle ore 19.00, visita in anteprima alla mostra di Vicolo Folletto Art Factories.

“Mantua, Cuba” è un progetto che nasce da un’esigenza intima di Paolo Simonazzi: quella di ricordare l’amico scomparso Velmore Davoli, che aveva visitato quei luoghi nel 1999, all’interno di un programma di cooperazione internazionale. L’opera, nella sua complessa e lunga evoluzione, si è arricchita del contributo di Davide Barilli, che conosce bene Cuba, spesso protagonista dei suoi romanzi e dei suoi racconti. Proprio sulla base di queste sollecitazioni, nascono uno studio e una ricerca che rivelano un’interferenza tra storia e leggenda, fra un’origine forse italiana della piccola cittadina caraibica e un brigantino genovese affondato nell’oceano, a poca distanza dalle coste su cui sarebbe sorta Mantua. Simonazzi fotografa ciò in cui ritrova un senso di appartenenza, indipendentemente dalle latitudini geografiche, ovvero l’idea stessa di provincia: una nebula afosa, dove i muri possono essere testimoni di pezzi di storia, di fede, di sincretismo magico.



La Biblioteca Comunale di San Giorgio a Cremano - Mercoledì d'autore in biblioteca

La Biblioteca Comunale di San Giorgio a Cremano, di recente dedicata al Sacerdote Giovanni Alagi, storico e studioso di storia e cultura locale, rafforza la sua identità come roccaforte di cultura vesuviana, grazie alla realizzazione di numerosi eventi tematici e lo fa cercando di costruire una rete con i principali interlocutori del territorio.

La prossima iniziativa messa in campo sarà realizzata in collaborazione con la Casa editrice “il Quaderno edizioni” e prevede l'organizzazione di un ciclo di cinque presentazioni di libri, denominato “Mercoledì con l'autore” che ci accompagnerà fino al febbraio del nuovo anno.


Il Quaderno edizioni, ha adottato una interessante politica di apertura, dando la possibilità di pubblicare anche a scrittori in erba, affiacandoli a nomi importanti della cultura locale e accompagnandoli nel percorso di crescita artistica.

I 5 libri scelti per gli appuntamenti in biblioteca saranno dedicati a 5 autori importanti nel panorama vesuviano, dediti allo studio della storia e delle tradizioni.

La rassegna si apre, però, con un fiore all'occhiello: la ristampa di “Cristina” dell'indimenticata Matilde Serao con una interessante prefazione a cura di Stefania Spisto, presidente del “Quaderno Edizioni” che sarà presente in sala.

Vi aspettiamo mercoledì 4 ottobre alle ore 18,00 presso la Biblioteca comunale di San Giorgio a Cremano in Villa Bruno.

Dissonanze e Corrispondenze

Martedì 3 ottobre 2017, alle ore 18:00 a Roma, presso lo Studio Arte Fuori Centro, via Ercole Bombelli 22, si inaugura la mostra “Dissonanze e Corrispondenze” di Lucia Di Miceli a cura di Laura Turco Liveri.
L’esposizione rimarrà aperta fino al 20 ottobre, secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 17:00 alle 20:00.

Si ricorda che l’evento è il quarto appuntamento di Osservazione 2017 ciclo di cinque mostre in cui gli artisti dall’Associazione culturale FUORI CENTRO, tracciano i percorsi e gli obiettivi che si vanno elaborando nei multiformi ambiti delle esperienze legate alla sperimentazione.

"Lavorando sul meccanismo compositivo, Lucia Di Miceli scopre sempre nuove e profonde relazioni tra le figure. Relazioni che mutano al mutare dell’assetto architettonico dell’opera: su questo l’autrice gioca per evocare o, meglio, suggerire spazi della mente in cui la tridimensionalità è data dai rapporti tra i colori, tra le forme, e tra colori e forme, anche quando tali rapporti sono concretamente costruiti in legno dipinto, dove i piani si spezzano e si intersecano a comporre rientranze ed aggetti, generando, di conseguenza, ombre e luci intese come ulteriori aree geometriche funzionali alla composizione. La tridimensionalità - fisica o cromatica - e la partizione geometrica di forme e colori serve a Lucia per spostare sul piano del sogno attenzione e riflessione di chi osserva, aprendo all’immaginario personale ulteriori, infiniti orizzonti. Creato il vuoto, infatti, il pensiero emerge, ed è a questo punto che la Di Miceli lascia, con precisa garbatezza, la parola all’osservatore. Pur non rinunciando ad una narrazione insita nel meccanismo compositivo e cromatico l’autrice crea uno spazio condiviso, stabilendo così una ineffabile corrispondenza di sensazioni e poetiche parole."

Si segnala il giorno 11 ottobre alle ore 17,00 Dissonanze e Corrispondenze tra poesia musica e arti visive.

LA CROCE DENTRO di Donato Di Capua


"Un bel libro, molto attuale, poiché mai come in questo periodo storico la società odierna costringe ad essere schiavi del 'dio denaro'. Questo libro, invece, regala un'autentica lezione di amore ponendo in risalto le cose vere ed importanti della vita: propone un viaggio nella coscienza, poiché l'esistenza del protagonista potrebbe essere l'esistenza di ciascuno di noi, che pur non essendo grandi uomini di affari, spesso chiudiamo il cuore agli altri perché accecati dal dio denaro, che spinge ad agire sempre in modo egoistico e superficiale. Questo libro invece vuole essere un invito a seguire un'altra strada: quella dell'amore" (Rosaria Pannico).

Editore: Kimerik
Anno edizione: 2015
Pagine: 254 p.

Il volume è stato presentato alla 8° Edizione del Premio Letterario Internazionale “LE PAROLE DELL’ANIMA”.





Non mancare al prossimo appuntamento mercoledì 5 ottobre con un'altra interessante proposta di lettura.


mercoledì 27 settembre 2017

Torna da venerdì a domenica EuroMineral Expo

Si tratta del salone dedicato alle pietre preziose, per il secondo anno al PalaAlpitour.

Una grande occasione per i collezionisti di minerali, fossili e conchiglie: sono presenti 200 espositori da 23 nazioni, Cina, Messico, Arabia Saudita, Pakistan, India, Marocco, Etiopia, Lituania e tutta l'Europa.

La novità di questa edizione sarà un cucciolo di T-Rex cavalcato da un paleontologo che si aggirerà nel PalaAlpitour.


Il Salone è organizzato da otto anni in collaborazione con gli imprenditori di Cna Federmoda: sotto le insegne I Love IT e Slow fashion proporranno in vendita al pubblico gioielli e bijoux in argento e oro, ceramica e pietre dure.

LABS Gallery di Bologna presenta, dal 30 settembre al giorno 11 novembre 2017, Italian Newbrow. Apocalittica, esposizione collettiva curata da Ivan Quaroni con opere di Silvia Argiolas, Vanni Cuoghi, Paolo De Biasi, Laurina Paperina, Giuliano Sale, Giuseppe Veneziano.

Il percorso espositivo comprende esclusivamente opere inedite riconducibili al biennio 2016-2017. Ogni autore presenta un grande dipinto, realizzato per l’occasione, oltre ad una selezione di lavori di piccole e medie dimensioni, parte della sua ultima produzione. Sarà inoltre proiettato “How to kill the artists” (https://vimeo.com/104798789) di Laurina Paperina, ottavo episodio di una serie di animazioni in cui noti artisti contemporanei, da Ai Weiwei a Christo e Cindy Sherman, sono trattati con dissacrante ironia.

Alleghiamo il comunicato stampa, il testo di Ivan Quaroni e ad alcune opere selezionate, con gentile richiesta di pubblicazione.


Tutte le immagini pubblicate all’interno del catalogo (scaricabile all’indirizzo http://bit.ly/LABSNewbrow) sono disponibili in alta risoluzione.

Quinta edizione di “RavennaMosaico”

Nel trentesimo anno di attività, Sicis partecipa alla quinta edizione di “RavennaMosaico” con un’esposizione che intende sottolineare il rapporto con la sua città, storica patria del mosaico.
L’azienda, leader nel mondo per la produzione di mosaici d’arredo e non solo, presenta, dal 5 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018, nelle sale secentesche di Palazzo Rasponi dalle Teste (Ravenna), la mostra “Destinazione Micromosaico”, un’esperienza ideata da Crossmedia Group, produttore di importanti esposizioni multimediali.

“RavennaMosaico” è una rassegna biennale dedicata al mosaico contemporaneo, promossa dal Comune di Ravenna in collaborazione con AIMC (Associazione Internazionale Mosaicisti Contemporanei).

Mercoledì 27 settembre alle ore 18.30, presso la sala Conferenze della Biblioteca delle Oblate si terrà la presentazione della mostra Il Cinquecento a Firenze (Palazzo Strozzi, 21 settembre 2017-21 gennaio 2018), dei curatori Carlo Falciani e Antonio Natali

In occasione di ogni mostra la Fondazione Palazzo Strozzi organizza presentazioni delle mostre e laboratori per famiglie in collaborazione con la Biblioteca delle Oblate e altre biblioteche Comunali fiorentine. 
Attraverso scaffali dedicati la Biblioteca delle Oblate propone inoltre alcuni consigli di lettura sui temi delle mostre.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

CALENDARIO PRESENTAZIONI DELLA MOSTRA
Mercoledì 27 settembre, ore 18.30
Biblioteca delle Oblate (Firenze, via dell’Oriuolo 24)
di Carlo Falciani e Antonio Natali
Ingresso libero fino a esaurimento posti
Mercoledì 18 ottobre, ore 17.30
BiblioteCaNova Isolotto (Firenze, via Chiusi 3/4)
di Alessio Bertini
Ingresso libero fino a esaurimento posti
Mercoledì 8 novembre, ore 17.00
Biblioteca Comunale Mario Luzi (Firenze, via Ugo Schiff 8)
di Ludovica Sebregondi
Ingresso libero fino a esaurimento posti
Mercoledì 29 novembre, ore 17.00
Biblioteca Thouar (Firenze, Piazza Tasso 3)
di Martino Margheri
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Festival internazionale delle Mongolfiere

Tutti in volo pronti ad ammirare dall'alto una delle zone più affascinanti della provincia di Salerno: i magnifici templi di Paestum. A fine mese prende il via uno degli eventi più attesi– il Festival internazionale delle Mongolfiere – che si terrà da sabato 30 settembre a domenica 8 ottobre.

La IX edizione della manifestazione ha un ricco programma di intrattenimento e, ovviamente, di volo. Alle 7.30 del 30 settembre volo inaugurale e alle 12 apertura dell'area villaggio – animato sempre da artisti di strada - che comprende anche parco gioco per bambini, aquiloni, ristoro bar e stand. Alle ore 13.00 nell'area villaggio inizio dell'esibizione degli artisti di strada. Alle 16.30 preparazione e decollo delle Mongolfiere con volo libero e alle 17.30 volo vincolato con mongolfiera. Domenica 1 ottobre alle 7.30 preparazione e decollo delle Mongolfiere, alle 12.00 apertura area villaggio, alle 13.00 esibizione degli artisti di strada. Dalle 16.30 si iniziano i voli: preparazione e decollo delle Mongolfiere per il volo libero e alle 17.30 volo vincolato con mongolfiera. Lunedì 2 ottobre alle 17 è dedicato al volo libero. Martedì 3 ottobre alle ore 17.00, volo libero e inizio della caccia alla volpe. Mercoledì 4 ottobre alle 17.00, volo libero e secondo giorno di caccia alla volpe. Giovedì 5 ottobre alle 7.30, preparazione e decollo delle Mongolfiere, alle 17.00 volo libero e terzo giorno di caccia alla volpe. Venerdì 6 ottobre alle 7.30, preparazione e decollo delle Mongolfiere; alle 16.00 apertura bar e parco gioco per bambini. Ore 17.00 preparazione e decollo delle Mongolfiere e quarto ed ultimo giorno di caccia alla volpe con premiazione. Alle 17.30 volo vincolato con mongolfiera. Sabato 7 ottobre alle 7.30 preparazione e decollo delle Mongolfiere per volo libero, alle 12.00 apertura area villaggio, che vedrà alle 13.00 l'esibizione di artisti di strada. Dalle 16.30 preparazione e decollo delle Mongolfiere e alle 17.30 volo vincolato con Mongolfiera. Ultimo giorno della manifestazione è domenica 8 ottobre: si inizia alle 7.30 con la riparazione e decollo delle Mongolfiere per il volo libero; alle 12.00 apertura area villaggio; alle 13.00 esibizione di artisti di strada. Alle 16.30 preparazione e decollo delle Mongolfiere e alle 17.30 volo vincolato con Mongolfiera. "Il prossimo anno sarà per la nostra associazione 'Vivere Paestum' molto importante", ha detto Michele Torlo, ideatore ed organizzatore della manifestazione e presidente del sodalizio. "Festeggeremo infatti la decima edizione del Festival per la quale sto già immaginando degli eventi davvero speciali. Sarà un decennale da ricordare".

Il Festival chiude alle 20,30. Ingresso € 2.00. Info: 333 5601504

Martedì 10 ottobre dalle ore 9:00 nella sede del Maschio Angioino per l'infoday di presentazione della nuova programmazione europea "Europa per i cittadini", Europa creativa" e "Marchio del Patrimonio Europeo"

L’Infoday, organizzato dalla Fondazione Valenzi insieme con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, mira ad illustrare il Programma "Europa per i Cittadini" , il sotto-programma "Cultura” di “Europa Creativa" e l’Azione “Marchio del Patrimonio Europeo” facenti parte della nuova programmazione Europa 2020. Illustrerà i programmi la dott.ssa Rita Sassu del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Europe for Citizens Point Italy.

La partecipazione all’evento è gratuita, previa registrazione obbligatoria tramite Eventbrite entro il 5 ottobre.

Il Programma Europa per i Cittadini co-finanzia progetti transnazionali connotati da una forte dimensione europea, che promuovano una riflessione sulla recente storia europea, oppure che favoriscano l'impegno civico e la partecipazione democratica, attraverso il dibattito sul futuro dell'Unione Europea, sull'euroscetticismo, sull'integrazione dei migranti, sul concetto di solidarietà in tempo di crisi.

Il sotto-programma Cultura di Europa Creativa co-finanzia progetti dalla dimensione transnazionale per promuovere la mobilità di opere e operatori culturali, l’audience development, il capacity building, l’innovazione, il digitale, la creazione di nuovi modelli di business e l’inclusione sociale; progetti di traduzione letteraria finalizzati a promuovere la letteratura europea; piattaforme e network culturali.

L'Azione "Marchio del Patrimonio Europeo" è un'iniziativa UE volta a selezionare siti che abbiamo giocato un ruolo cruciale nella cultura e nella storia europea, caratterizzati da un forte valore simbolico, che vada al di là dei confini nazionali.

Programma della giornata:

9:00 Registrazione partecipanti

10:00 Presentazione del Programma “Europa per i Cittadini”

Rita Sassu, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Europe for Citizens Point Italy

11.30 Coffee break

12.00 Presentazione del sotto-Programma Cultura di “Europa Creativa” e dell’Azione
“Marchio del Patrimonio Europeo”

Rita Sassu, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Europe for Citizens Point Italy

13:00 Chiusura lavori

martedì 26 settembre 2017

Con una serata tra giallo, noir e thriller parte Giovedì 28 Settembre Praiano racconti & maree…, rassegna “non solo” letteraria promossa dall’Associazione Costadamalfiper…, organizzatrice di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo, con il patrocinio del Comune di Praiano

Alle ore 19:00 al Centro Culturale “Andrea Pane”, attiguo alla panoramica piazza di San Gennaro, Alfonso Bottone, direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it, cercherà di svelare al pubblico, con l’aiuto degli autori, i misteri di “Operazione levante” di Angelo Petrella, edito da Baldini & Castoldi; di “Notte in bianco” di Letizia Vicidomini, pubblicato da Homo Scrivens; di “Briciole” di Rocco Papa, edito da Runa.

In “Operazione levante” dello scrittore napoletano Angelo Petrella, Stanley Kavanagh, ex militare alcolizzato ed esperto di informatica, è in cerca di vendetta dopo aver perso moglie e figlia nell’attentato al Bataclan. Robert O’Malley è il vicedirettore della CIA. Teme un nuovo attacco negli Stati Uniti e ha bisogno di Kavanagh per scandagliare il deep web in cerca di ulteriori prove. Dick Meyer scrive i discorsi del presidente Obama: ed è solo quando il suo mandato sta per scadere che Nadwa Musamih, bella giornalista piena di inquietanti segreti, preme per incontrarlo. E quando Miša Bogdanov, ex agente russo finito a contrabbandare armi e petrolio in Siria, viene rapito dai jihadisti dell’ISIS, iniziano a delinearsi i contorni del più grande attentato mai compiuto sul suolo americano...Ma una task force si muove nell’ombra per prevenirlo. Nome in codice: Operazione Levante. Tra agenti doppiogiochisti e interessi contrapposti, messaggi in codice nascosti in videogame e rapporti d’intelligence, questo thriller ci porta dentro le operazioni occulte che giorno per giorno salvaguardano il nostro mondo da chi vorrebbe portare l’inferno sulla terra.

In “Notte in bianco” della scrittrice e conduttrice radiofonica Letizia Vicidomini, il protagonista Andrea Martino, "il Commissario buono", è in pensione da un anno, con tutta l'intenzione di godersela tra i nipoti e le sue amate piante. Un giorno di primavera viene chiamato dal suo vice, promosso a capo della squadra: hanno trovato una donna anziana con la testa fracassata, all'interno del suo esercizio di Sali e Tabacchi. Un condominio intero nasconde la storia della tabaccaia, ma il Commissario si lascia catturare dalla vicenda, per dare alla vittima giustizia e pace. Ma chi era davvero quella donna?



Altro “mistero”, altra verità in “Briciole” dello scrittore e giornalista salernitano Rocco Papa. In una città attraversata dalle ombre dell'inverno alle porte e dalle luci dell'estate non ancora troppo lontana, la giovane figlia del primario di chirurgia dell'ospedale civile scompare nel nulla. Nessun movente apparente. Nessun indizio. Una bravata adolescenziale, forse. Ma presto i vestiti della ragazza saranno rinvenuti nel portabagagli di un'auto che ha appena avuto un incidente e nel quale è morto il conducente; il telefonino scoperto nella cassetta postale di una donna, il cui cadavere viene trovato nella zona collinare della città; il trolley, con il quale viaggiava, sbucherà all'ingresso della segreteria politica di un senatore. L’ispettore Castaldi, protagonista di “Briciole”,si ritroverà in un disegno inciso col bisturi a seguire le briciole che qualcuno lascia per lui, fino a scoprire la verità. E quando un disegno è inciso col bisturi, il gioco si fa davvero duro, duro come la vendetta.

Torino ricorda Mauro Rostagno con un murales

Si tratta di un progetto degli alunni della scuola Passoni, e realizzato dallo street artist Karim, rappresenta il giornalista, ammazzato per le inchieste 'scomode' che portava avanti, sul muro della parrocchia Nostra Signora Sacro Cuore di Gesù per ricordare Mauro Rostagno, sociologo e giornalista assassinato dalla mafia a Valderice, in provincia di Trapani, il 26 settembre 1988.

Il patrimonio storico, artistico e culturale di Larino


Si tratta dell'iniziativa del Rotary Club frentano che ha donato tre pannelli esplicativi al Museo Civico di Larino di tre mosaici: la Lupa, il Leone e gli Uccelli, ubicati all'interno del Museo Civico del paese.

L'iniziativa costituisce la conclusione del progetto 'Parole di Pietra', avviato nel 2016 su iniziativa di Paolo Sia, allora Presidente del Rotary club, attraverso il quale sono stati apposti i supporti didascalici a corredo delle epigrafi situate nell'atrio del Palazzo Ducale e all'interno dello stesso Museo Civico.

Si segnala che il 28 settembre si terrà l'inaugurazione nell'ambito di una giornata ricca di eventi patrocinata dall'Amministrazione comunale e suddivisa in due fasi: la mattina vedrà protagonisti gli studenti del Liceo "D'Ovidio" con visita ai mosaici e presentazione del progetto "Ritorno al Futuro", ideato dalla start-up "Sharevision", nel pomeriggio tavola rotonda con amministratori locali e Teresa Mancini, Presidente del Rotary.


"Nasa - A Human Adventure" allo Spazio Ventura XV di Milano dal 27 settembre 2017 al 4 marzo 2018 la mostra

In questa straordinaria esposizione è possibile osservare con occhio terreste: il kit di sopravvivenza degli astronauti della missione Apollo, il rover che usarono per esplorare il suolo lunare, la ricostruzione in scala del gigantesco razzo Saturn V, la riproduzione del muso dello Space Shuttle. Sono solo alcuni dei quasi 300 i manufatti originali provenienti dai programmi spaziali Nasa che raccontano la conquista umana dello spazio.

"Questa mostra permette di toccare con mano le emozioni suscitate negli anni dall'avventura spaziale"ha spiegato l'astronauta Maurizio Cheli, il primo italiano a ricoprire nel 1996 il ruolo di 'mission specialist' durante la missione Sts-75 a bordo dello Space Shuttle Columbia."Ho rivissuto quella mia esperienza alla Nasa proprio rivedendo in mostra la ricostruzione della cabina e della parte posteriore da cui si controllava il braccio robotico della stiva di carico", spiega Cheli. "Sono imperdibili anche i reperti relativi alla conquista della Luna: ricordo che avevo 10 anni, quando la sera del 20 luglio 1969 mi recai con la mia famiglia al bar di Zocca per vedere la diretta in tv. Uno spettacolo quasi fantascientifico, in bianco e nero, che fece accendere una scintilla nei miei occhi di bambino. Quando uscii dal locale, guardai la luna e mi emozionai al pensiero che ci fossero delle persone che ci stavano camminando sopra. Il sogno di poter un giorno fare l'astronauta è probabilmente uno di quei comuni denominatori che attraversano i ricordi di varie generazioni. Percorrendo questa mostra i più grandi potranno rivivere le emozioni suscitate dalle missioni che li hanno visti spettatori; i più giovani invece potranno trarre stimoli per pensare alla scelta del proprio futuro professionale.

Pompei - la grande città sepolta

Si segnala che è stato aperto al pubblico un intero quartiere residenziale che sorge a sud del Foro e della Basilica, tra la terrazza del santuario di Venere a ovest e le Terme del Sanro a sud-est: il cosiddetto Complesso Championnet, di cui fa parte anche la Casa dei mosaici geometrici.

Si tratta di oltre 60 ambienti finemente decorati con affaccio sul mare per complessivi 4.100 metri quadrati di cantiere. Aperta alle visite anche la Casa del Marinaio, restaurata grazie a un'opera sinergica tra due cantieri svolti nell'ambito del Grande Progetto Pompei.

Anche questa domus si trova in una zona panoramica della città antica, nei pressi del Foro, e al suo ingresso si ammira una delle due fontane in marmo presenti negli Scavi.

In quest'opera di restauro è stata utilizzata, per la prima volta in archeologia, il Corian, per una copertura leggera e molto adattabile, poco invasiva dei decori che è destinato a proteggere. Dalla Casa di Championnet è possibile accedere agli ipogei, un piano sotterraneo della domus che veniva utilizzato per servizi. Al suo interno, reso visibile da barre luminose in led, sono state collocate delle suppellettili dell'epoca per dare al visitatore il senso dell'utilità di questi ambienti. Altri spazi espositivi di coppe, bocche, parti di collane, statuette, frammenti di affresco e intonaci, sono stati ricavati da una ex cabina dell'Enel ripulita e adibita a piccolo spazio museale. 


Nella Casa del Marinaio si visita un piccolo impianto termale di cui era dotata la domus, insieme con un ampio panificio sotterraneo che rappresenta un unicum nel panorama domestico pompeiano. La casa coniuga infatti le caratteristiche di una elegante domus dell'epoca, che utilizza magazzini a carattere commerciale e produttivo.

Arteam Cup giunge alla terza edizione, con la mostra finale che si terrà al BonelliLAB di Canneto Sull'Oglio (MN) dal 28 ottobre al 19 novembre 2017

Per Arteam Cup 2017, la Giuria è stata costituita con criteri totalmente nuovi rispetto alla precedenti edizioni. Essa è composta, infatti, da 6 membri: un critico e docente dall'esperienza pluridecennale, un critico dall'orientamento "giovane" con specificità nel mondo della ceramica, un giornalista di carattere nazionale, un gallerista, un membro della redazione di Espoarte ed un membro interno dell'Associazione Culturale Arteam. I membri della stessa verranno comunicati in concomitanza con l'opening del 28 ottobre.

Gli artisti selezionati per l'evento finale sono 70: 8 Under 30 e 62 Over 30. Ecco i loro nomi:

UNDER 30
Gianluca Brando, Carolina Corno, Alessandro Costanzo, Ilaria Gasparroni, Mattia Peruzzo, Luisa Turuani, Valeria Vaccaro, Giulia Zappa

OVER 30
Alessandro Amaducci, Daniela Ardiri, Alessandra Baldoni, Elisa Bertaglia, Nicola Bertellotti, Gianni Berti, Giorgio Bormida, Erica Campanella, Andrea Cereda, Isabel Consigliere, Marcello De Angelis, Dana de Luca, Diego Dutto, Massimo Ferrando, Giorgia Fincato, Massimiliano Galliani, Marcello Gobbi, Federica Gonnelli, Marco Grimaldi, Gabriele Grones, Gian Luca Groppi, Monika Grycko, Asako Hishiki, Elisa Leonini, Donatella Lombardo, L'orMa, Nataly Maier, Alessandra Maio, Eleonora Manca, Vincenzo Marsiglia, Me Nè - Simone Meneghello, Vincenzo Merola, Oriella Montin, Daniele Nitti Sotres, Ayako Nakamiya, Silvia Noferi, Daniela Novello, Patrizia Novello, Juan Eugenio Ochoa, Alice Padovani, Alice Paltrinieri, Pietro Pasquali, Gianluca Patti, Mara Pepe, Luca Pianella, Ettore Pinelli, Francesca Romana Pinzari, Annalisa Pisoni Cimelli, Gianluca Quaglia, Nicolò Quirico, Stefy Ranghieri, Thomas Scalco, Lapo Simeoni, Anna Skoromnaya, Diego Soldà, Matteo Suffritti, Valdi Spagnulo, Paolo Maria Tatavitto, Giorgio Tentolini, Manuela Toselli, Simona Uberto, Stefano Zarati.

OfficinARS

L’Associazione Villa Sistemi Reggiana inaugura la propria attività con la mostra “OfficinARS”, che sarà presentata domenica 1 ottobre 2017, dalle 18.00 alle 20.00, presso la sede di via Montagnani Marelli 18 a Reggio Emilia, recentemente restaurata ed aperta al pubblico.

In linea con l’edificio che la ospita, un tempo scuola per fanciulle povere, l’Associazione intende individuare e promuovere artisti emergenti, mettendoli in relazione con gallerie, associazioni ed operatori culturali. Le attività promosse dall’Associazione tendono inoltre a stabilire un legame tra l’arte e la solidarietà, sostenendo un’associazione che gestisce un orfanotrofio a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo.

La mostra “OfficinARS è l’esito di un concorso ad accesso gratuito al quale hanno partecipato ottanta artisti di età compresa tra i 20 e i 40 anni. Una giuria professionale, composta da Gianantonio Cristalli (scultore e docente di Scultura, Presidente della commissione), Mauro Carrera (curatore e critico d’arte) e Mauro Davoli (fotografo), ha selezionato prima una trentina di finalisti e poi cinque vincitori – Alketa Delishaj, Pietro Dente, Jessica Ferro, Giuseppe Graziosi, Erjon Nazeraj – le cui opere saranno recensite dal critico Mauro Carrera e inserite nel catalogo annuale dell’Associazione Villa Sistemi Reggiana e successivamente esposte al Museo Storico Archeologico di Nola (NA).


Rebuilding spaces. Dieci artisti in dialogo sul concetto di spazio

Il Castello del Monferrato (Casale Monferrato, Alessandria) ospita, dall’8 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018, “Rebuilding spaces. Dieci artisti in dialogo sul concetto di spazio”, esposizione curata da Niccolò Bonechi con opere di Pablo Atchugarry, Bonzanos Art Group, Mario Fallini, Piero Fogliati, Piero Gilardi, Eduard Habicher, Luigi Mainolfi, Paolo Minoli, Rudy Pulcinelli, Arcangelo Sassolino.

Organizzata dal Comune di Casale Monferrato in collaborazione con le gallerie Bonioni Arte di Reggio Emilia e Lara e Rino Costa di Valenza (AL), la mostra sarà inaugurata domenica 8 ottobre, alle ore 11.00.

In esposizione, una quarantina di opere prevalentemente scultoree, alcune delle quali di grandi dimensioni, suddivise in cinque macro-temi che da sempre interessano l’aspetto fenomenologico del fare arte: Luce (Piero Fogliati e Paolo Minoli), Natura (Piero Gilardi e Luigi Mainolfi), Materia (Pablo Atchugarry ed Eduard Habicher), Spazio (Bonzanos Art Group e Rudy Pulcinelli), Caos (Mario Fallini ed Arcangelo Sassolino).


Il corso di alta formazione della Pontificia Facoltà Teologica di Napoli ha ottenuto 20 crediti dal Consiglio Nazionale degli Architetti

PONTIFICIA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL’ITALIA MERIDIONALE
Sezione ‘San Luigi’ - NAPOLI
Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia

È PATROCINATO DAL SERVIZIO PER L’EDILIZIA DI CULTO DELLA CEI

Progettare gli edifici di culto nella città contemporanea:
Iscrizioni entro il 30 novembre a “Proposte per una nuova architettura sacra”



Gli architetti interessati a percorsi di progettazione per gli edifici di culto nella città contemporanea possono frequentare il corso di alta formazione “Proposte per una nuova architettura sacra”. Si tratta del secondo indirizzo della Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia della Pontificia Facoltà Teologica di Napoli, sezione San Luigi – di cui è decano il prof. Pino Di Luccio sj –, ed è patrocinato dal Servizio per l’edilizia di culto e dall’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della CEI (Conferenza episcopale italiana).

Essendo un corso inedito, riguardante argomenti del settore raramente affrontati, ha ottenuto il riconoscimento del CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori) per l’acquisizione di 20 crediti professionali. Intende, infatti, mettere a fuoco il rapporto tra l’edificio di culto e il suo contesto ecclesiale, urbanistico, sociale, antropologico, etc., da un lato ribadendo l’identità di un luogo di culto, anche in vista di una progettazione consapevole, dall’altro sottolineando l’importanza di conoscere in profondità il luogo in cui l’edificio stesso progettualmente si inserisce, nell’ottica di una autentica dimensione di Chiesa che sia espressione di testimonianza e di dialogo.

Per l’anno accademico 2016/2017 il corso verrà sviluppato in 42 ore da tenersi da gennaio a maggio in cinque fine-settimana (gennaio 12/13; febbraio 16/17; marzo 23/24; aprile 13/14; maggio 18/19). La direzione del corso è affidata al prof.ing. Giorgio Agnisola, condirettore della Scuola, e a don Valerio Pennasso, direttore del Servizio nazionale edilizia di culto della CEI; la coordinazione all’arch. Gaetano Ruocco, che ricopre anche il ruolo di vicario della Scuola.

I nomi dei docenti sono tutti di rilievo, a partire da don Marcello Brunini e dal prof. Dario Vitali, che a gennaio intervengono su “Chiesa e Territorio: Aspetti ecclesiologici, urbanistici, Socio-antropologici”, dopo la presentazione dell’arch. Mario De Luca (referente Consiglio Nazionale Architetti).

Su “Identità dello Spazio Sacro. L’orizzonte storico-biblico-teologico-filosofico-estetico-liturgico” relazionano a febbraio i professori Gaetano Comiati, J.P. Hernandez sj, Stefano Biancu, presentati da don Pasquale Imperati.

Marzo 2018 è dedicato all’“Identità dello spazio sacro. La progettazione dello spazio sacro” con relazioni, esempi e attività laboratoriali dell’ing. Andrea Zappacosta, presentato dall’ing. Matteo Adinolfi, coordinatore del modulo “Vivibilità dei luoghi di culto”.

Il prof. Andrea Longhi, presentato dall’arch. Angela Amalfitano, ad aprile affronta l’argomento “Identità di una chiesa nel contesto urbano: atrio, porta, facciata, campanile, sagrato”, mentre le date di maggio sono riservate alle Esperienze laboratoriali riguardanti il tema “Identità di una chiesa nel contesto urbano”, presentate da Renato D’Onofrio, coordinatore della tavola rotonda conclusiva.

Sul sito della Scuola (www.scuolaarteteologia.it) è leggibile l’intero programma (le lezioni si svolgeranno a Napoli nella sede di viale Sant’Ignazio di Loyola 51) ed è possibile formalizzare l’iscrizione – entro il 30 novembre – tramite istanze online.


In uscita il 29 Settembre il primo romanzo di una trilogia fantasy edito da Edizioni Eiffel La giovane campana Stefania Serrapica all’esordio come scrittrice con Bienvenue en Miles Gris

Si tratta di un esordio alla scrittura per la giovane autrice originaria di Pompei. “Bienvenue en Miles Gris” è solo il primo dei romanzi a raccontare le avventure di Mina – una citazione al “Dracula” di Bram Stoker -, adolescente inerme e artista, che porta con sé il grande dolore della malattia di sua madre. L’incontro con tre personaggi molto particolari, due adulti e una bambina, cambierà la sua vita, trasportandola in una ‘dimensione’ completamente differente. Da ragazza spaventata, Mina dovrà cercare in sé il coraggio per affrontare un luogo senza tempo come Miles Gris, dove il romanzo è ambientato, in cui a dominare è l’oscurità.
Attraverso un racconto noir-fantasy, Stefania Serrapica realizza romanzi di formazione in cui la centralità di un personaggio femminile e la sua crescita rompono gli schemi di un genere troppo spesso declinato al maschile. Un vento di cambiamento perpetrata da questa giovane scrittrice, sulle orme di illustri predecessori: J. K. Rowling, Zafon e Licia Troisi, autori di best seller di genere fantasy e noir.
Con la forte caratterizzazione dei personaggi e le atmosfere gothic, “Bienvenue en Miles Gris” risulta un romanzo adatto a tutti, appassionati del genere e non, dai 16 ai 99 anni, proprio come un gioco di ruolo di cui non si può far a meno dopo averlo provato per la prima volta.

Titolo: Bienvenue en Miles Gris
Autrice: Stefania Serrapica
Edizione: Edizioni Eiffel
Copertina:
Data di uscita: 29 Settembre 2017

Per un attimo chiudete gli occhi e immaginate di vedere qualcosa che nessun altro può vedere: il mostro più terribile di tutti, la morte. È questo il “dono” di Mina, la protagonista di Bienvenue en Miles Gris, romanzo d’esordio della giovane scrittrice e artista visiva Stefania Serrapica. Mina è una studentessa sola, senza famiglia, né amici che cerca di mantenersi vendendo per strada ritratti a buon mercato e provando a difendersi dalle sue visioni dando loro forma attraverso la pittura. Tutto sembra andare storto nella sua vita, la madre in manicomio, gli incubi dai quali non riesce a liberarsi, la sua povertà estrema, finché un giorno un incontro inaspettato rovescia completamente le sorti della sua esistenza, catapultandola in una dimensione sospesa in mezzo al tempo. In una combinazione di atmosfere gotico fantastiche, la scrittrice è capace di costruire un anti-mondo la cui sorte, inestricabilmente legata a quella del nostro, è nelle mani di una piccola comunità di prescelti senza speranze ma dotati di capacità fuori dal comune. Non mancano l’avventura, la tensione e la suspense e soprattutto non ci si dimentica che la cosa più importante è incontrare e lasciarsi incontrare.
Stefania Serrapica nasce a Pompei nel 1981. Figlia di un’artista e di un numismatico, si appassiona all’arte all’età di 13 anni. Durante l’adolescenza subisce il fascino del cinema horror, scoprendo i due maestri John Carpenter e George Romero, che fungono da ispirazione per molti dei suoi dipinti. Ha frequentato la scuola d’Arte e successivamente la facoltà di Scultura, all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Nel 2005 crea e dirige il progetto Artesia, galleria itinerante d’arte. La sua produzione, vanta centinaia di opere, tra sculture e dipinti. È nel 2014 che entra a far parte del collettivo letterario Gruppo9.


50 ANS D'ARCHE'LOGIE FRANCO-ITALIENNE EN ITALIE DU SUD



Mole Antonelliana

by Rosaria Pannico
Si tratta di un edificio situato nel centro storico di Torino e simbolo della città.
Con un'altezza di 167,5 metri, per anni è stato l'edificio più alto di Torino: concepito dall'architetto Alessandro Antonelli, nel corso del XX secolo ha subito importanti ristrutturazioni con cemento armato e travi in acciaio.

La forma del monumento è particolare e unica: frutto di un'azzardata e singolare tecnica architettonica eclettica ottocentesca, tipica dello stile di Alessandro Antonelli. La massiccia parte inferiore, quella rimasta esclusivamente in muratura, inizia con una base quadrata, con lato lungo 50 metri, di dimensioni maggiori rispetto ai moduli sovrapposti. L'ingresso della struttura, in via Montebello, 20, viene evidenziato da un pronao esastilo, che si innalza per circa 30 metri, con colonne in stile architettonico neoclassico, mentre l'austerità dei prospetti del basamento è scandita da pilastri alternati a semicolonne e stemperata da ampie superfici vetrate nel registro superiore. La copertura del pronao invece, altra circa 10 metri, è caratterizzata da falde ripetute su tutti i lati, che si raccordano al modulo centrale suddiviso in due registri: quello sottostante vi è il loggiato, che presenta venti colonne per ciascun lato, mentre quello superiore è caratterizzato da vetrate semicircolari. Al di sopra, ad un'altezza che va dai 40 a 80 metri, si eleva la grande cupola, a base quadrata, caratterizzata dalla volta allungata, con pareti convesse in muratura autoportante.


La cupola è poi a sua volta sovrastata da un'altra struttura, alta circa 20 metri, denominata "Tempietto", che ripropone il tema sottostante del colonnato. Il Tempietto è raggiungibile mediante un elevatore situato al centro dell'atrio sottostante. Sopra si staglia la lunga guglia, costituita dal suo basamento, detto "Lanterna" (alto 18 metri e del diametro di 15 metri) e provvisto di terrazzino. Sopra la Lanterna, a partire da una quota di 113 metri, svetta la cuspide della guglia, a base ottagonale e ispirata all'architettura neogotica. Questa ultima parte, oggi inaccessibile ai turisti, è costituita da dieci terrazzini circolari, via via sempre più piccoli.

Non mancare all'appuntamento di martedì 3 ottobre alla scoperta del Museo Egizio...

lunedì 25 settembre 2017

IV edizione della fiera del libro “Ricomincio dai libri”

Martedì 26 settembre alle ore 11:00, presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, si terrà la conferenza stampa di presentazione del programma della IV edizione della fiera del libro “Ricomincio dai libri”

Dal 29 settembre al 1 ottobre Napoli riavrà la sua Fiera: Ricomincio dai Libri.
Alla conferenza saranno presenti l'assessore ai giovani Alessandra Clemente, l'assessore alla cultura e al turismo Nino Daniele, il presidente della Municipalità 4 Giampiero Perrella, l'assessore alla cultura della Municipalità 4 Giovanni Parisi oltre ai presidenti delle associazioni organizzatrici Miryam Gison de “La Bottega delle Parole”, Gianluca Calvino di “Librincircolo”, Deborah Divertito della Cooperativa Sepofà e Paquito Catanzaro di “Parole Alate”. Ospite della mattinata lo scrittore Pino Imperatore.


La kermesse dedicata al libro e all'editoria si svolgerà nella sede dell'ex Ospedale della Pace, sita in Via Tribunali 227, che dal 29 settembre al 1 ottobre sarà teatro di incontri, attività, presentazioni e dibattiti.

Durante la presentazione, il comitato organizzativo mostrerà ai giornalisti e alla platea presente in sala il programma della Fiera nel dettaglio, partendo dalla presentazione degli ospiti fino alla presentazione delle attività collaterali che riguarderanno l’animazione della parte di decumano interessata.

L’iniziativa, giunta quest’anno alla sua quarta edizione, rappresenta un’occasione unica per il panorama editoriale, una fiera del libro in una realtà territoriale a lungo orfana di un evento di tal genere, che pone al centro i veri protagonisti della cultura.

“Sarà un festival scandito da grandi novità - dichiarano gli organizzatori dell’evento - Saranno presenti i principali scrittori napoletani come Maurizio De Giovanni, Pino Imperatore e Lorenzo Marone ma non solo. Ricomincio dai Libri ospiterà una grandissima penna del giornalismo moderno: il giornalista di inchiesta Emiliano Fittipaldi. Sarà anche e soprattutto una festa di cultura per Napoli e per la IV Municipalità”.

L’altra novità. Grazie al lavoro certosino di Comune e Municipalità il tratto di Via dei Tribunali, che va da via Duomo a Castel Capuano, sarà interamente pedonalizzato per permettere le attività collaterali della Fiera.

venerdì 22 settembre 2017

Rovigo - cartellone di mostre d'arte, spettacoli teatrali di lirica, prosa e danza, festival ed eventi di musica

La mostra da non perdere è quella che apre a Palazzo Roverella, il 23 settembre proseguendo fino al 21 gennaio 2018.

Promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, in collaborazione con il Comune di Rovigo e l'Accademia dei Concordi si avvale della collaborazione delle principali istituzioni museali europee, dall'Albertina di Vienna alla Klimt Foundation, dal Museo Villa Stuck di Monaco alla Narodni Galerie di Praga e di altre importanti collezioni museali europee. Quest'anno infatti è intitolata Secessioni Europee - L'onda della modernità, e propone per la prima volta un panorama complessivo delle vicende storico-artistiche dei quattro principali centri in cui si svilupparono le Secessioni: Monaco, Vienna, Praga e Roma.

Tanti altri sono poi siti di interesse artistico nel capoluogo come ad esempio il Tempio della Beata Vergine del Soccorso, detta la Rotonda, che lascia senza fiato per la bellezza della luce del doppio ciclo pittorico che contrasta con l'arredo ligneo scuro o come il Teatro Sociale, inserito tra i teatri nazionali di tradizione, che con i suoi oltre 200 anni di storia è meta di visite guidate per adulti e scuole. Chi desidera comprendere perché il Polesine è "terra tra due fiumi" non può perdere l'occasione di visitare i borghi vicini bagnati da corsi d'acqua: Lendinara, Fratta Polesine con Villa Badoèr Patrimonio Unesco, Badia Polesine con l' Abbazia della Vangadizza, Adria famoso porto etrusco, crocevia delle Vie dell'Ambra e del Sale.

L'antologica di Turi Simeti

L'antologica di Turi Simeti (Alcamo 1929) che sarà ospitata al Museo delle arti di Catanzaro dal 22 settembre al 24 novembre s'intitola "Opere 1961-2017".

Il percorso espositivo della mostra, organizzata dalla Fondazione Rocco Guglielmo e dall'Amministrazione Provinciale di Catanzaro con la collaborazione dell'artista e dell'Archivio Turi Simeti, si sviluppa considerando una decina di lavori degli esordi, con alcuni importanti esempi degli anni sessanta, e prosegue cronologicamente fino alle opere più recenti.



Nel corso della mostra, il Marca ospiterà la presentazione del catalogo ragionato dell'opera di Turi Simeti, in due volumi, edito da Skira, realizzato dall'Archivio Simeti, a cura di Antonio Addamiano e Federico Sardella. Turi Simeti, al quale il Polo Museale regionale d'Arte moderna e contemporanea Palazzo Belmonte Riso di Palermo ha recentemente dedicato un un omaggio, è nato ad Alacamo nel 1929.

giovedì 21 settembre 2017

Vesterbrogade - Paul Gustave Fischer


Paul Gustave Fischer (1860-1934):"Vesterbrogade" - Copenaghen, 1917. 
L'artista danese amava molto dipingere le vedute della sua città sotto la pioggia con un risultato magnifico per far sentire il pieno clima autunnale.


Pitture che ornano lo studiolo della casa di Augusto



Antologica fumetti Milo Manara a Bologna

Inaugura il 22 settembre a Bologna la mostra antologica "Nel segno di Manara", allestita fino al 21 gennaio a Palazzo Pallavicini, che apre per la prima volta le sue porte di via San Felice 24.

La mostra, a cura di Claudio Curcio, è promossa dal gruppo Pallavicini Srl, con Comicon.

In sette sezioni, propone circa 130 opere di Milo Manara offrendo un panorama della sua ampia carriera, tra fumetti e illustrazioni fin dagli anni Ottanta.

Si segnala che sono annunciate tavole quasi mai viste ('Un Fascio di Bombe') e un'anteprima dal secondo volume dedicato a Caravaggio, non ancora in libreria. Poi il suo alter ego Giuseppe Bergman e i frutti delle collaborazioni: con l'amico e maestro Hugo Pratt, con Alejandro Jodorowsky, con Fellini. Ancora, le illustrazioni ispirate a Shakespeare o al 250/o anniversario di Mozart, che nel 1770 fu ospite a Bologna del conte Pallavicini. E, prima volta in Italia, gli acquerelli del 2016 con soggetto Brigitte Bardot, e pezzi più recenti.

Il sequestro Moro diventa un fumetto

A realizzarlo due giovani autori della Scuola Chiavarese del Fumetto, Tommaso Arzeno e Luca Bagnasco, per l'editore Becco Giallo.

Il libro, uscito a giugno, è stato presentato in sordina ma ora è pronto a un'accelerata: tra gli appuntamenti in programma c'è il Lucca Comics a novembre. La graphic novel inquadra la cornice politica, l'incontro Moro-Berlinguer, il Compromesso storico, e si concentra in particolare sulla prigionia del segretario DC.

Tommaso Arzeno e Luca Bagnasco, classe 1992 e 1986, hanno raccontato i casi più eclatanti della storia italiana sia per quanto accaduto sia per le inchieste in merito.


"Ci siamo approcciati con cautela ma con tranquillità alla vicenda - spiega Luca Bagnasco - mettendo l'accento sui sentimenti di Moro durante la prigionia. Le fonti che abbiamo consultato sono state tante, in particolare le lettere di Moro alla moglie, i racconti dei brigatisti e gli articoli dell'epoca grazie all'archivio storico de L'Unità e de La Stampa".

Anfiteatro romano di Luni sarà preservato grazie ad un progetto elaborato dai ragazzi dell'alternanza scuola lavoro

Si segnala che sul monumento, del II secolo d.C., sono stati rilevati problemi per l'innalzamento della falda acquifera. Grazie ad una collaborazione con il consorzio del Canale Lunense e un istituto tecnico spezzino è stato messo a punto un piano per risolvere il problema che mette a rischio la stabilità dell'antica struttura.


Il lavoro permetterà il miglioramento delle condutture di scolo. "Il nostro sogno nel cassetto - ha spiegato Marcella Mancusi, direttrice del museo archeologico di Luni - è rendere questo monumento pienamente fruibile come luogo di spettacolo proprio come un tempo. Ma avremo bisogno del supporto di privati".

Martedì 26 settembre la Biblioteca Comunale di San Giorgio a Cremano invita tutti i bambini e i loro genitori a conoscere la storia della propria città

Assieme ai nostri amici scopriremo le affascinanti avventure di San Giorgio che riuscì a liberare la principessa dal drago attraverso la lettura di una bellissima fiaba!

Al termine della lettura animata, i bambini potranno divertirsi a colorare i protagonisti della storia ed incollarli, creando un bel collage personalizzato!



Età consigliata: 4-8 anni

La partecipazione è gratuita con prenotazione è obbligatoria fino ad esaurimento posti: si può prenotare via mail, scrivendoci a info@bibliotecasangiorgio.it oppure telefonando allo 0815654354 comunicando nome, cognome e numero dei partecipanti entro il giorno precedente l'attività.

Appuntamento in biblioteca alle ore 17:30 (Via Cavalli di Bronzo n.59 - Villa Bruno).

MOSTRA: AMBIGUOUS REALITY

Il tema della mostra rispecchia la società contemporanea e pone quesiti che non si pretende di risolvere e nodi che non si possono certamente dissolvere. Eppure una realtà visivamente rispecchiante o visivamente resa in termini di incertezza, dubbio, ambiguità, appare come un ulteriore tentativo di comprensione di tutto quanto ci circonda. L’arte esprime il suo massimo compito che è quello di guardarsi attorno ed elaborare, non risposte e soluzioni, ma possibilità, denunce, acquisizioni in termini culturali. Trattasi piuttosto di una sorta di “percezioni di stato”, cioè di raffigurazione artistico/visuale di uno stato che non è altro che la società e la realtà contemporanea. 12 artisti di cui 6 Americani e 6 Italiani sono stati invitati a cogliere aspetti di realtà frantumata, frattali di realtà, ambiguità del reale e a confrontarsi con una linea di demarcazione molto sottile tra realtà e irrealtà, non tanto come dicotomia tra realtà e fantasia, ma piuttosto come acquisizione percettiva distorta, ambigua, incerta. Segno marcante della società divisa tra vero e falso, tra verità e menzogna, tra autenticità della percezione e distorsione della stessa dovuta ad interferenze esterne alla stessa realtà. La manipolazione della realtà e la sovrapposizione di realtà virtuali a quelle reali, gli enigmi, i paradossi sono tutti aspetti che l’arte deve sceverare perché anch’essa è parte della società contemporanea. Una fotografia di società resa per immagini visive che lasciano o pongono dubbi sulla percezione stessa è la migliore fotografia della società contemporanea divisa tra incongruità, verità, falsità, ambiguità, enigmi e paradossi. Lo spettatore di fronte a queste opere deve chiedersi cosa stia percependo il suo stesso occhio e cosa stia elaborando il proprio cervello: una immagine pura e semplice oppure piuttosto una personale elaborazione mentale dell’oggetto? Quel che vivo quotidianamente come realtà è poi una realtà vera o una realtà virtuale e fittizia creata da social networks o da sistemi che mi fanno apparire reale quello che non lo è? 

Artisti: Jeffrey Thomas Burke Ellen Cantor Emilia Castioni Lello Esposito Jeff Iorillo Dino Izzo Barbara Kolo Miguel Osuna Amedeo Sanzone Nicola Felice Torcoli Carla Viparelli
Curatore: Cynthia Penna
Organizzatore: Art1307
Sede: Villa di Donato, P.zza Sant’Eframo Vecchio - Napoli
Opening: 15 Novembre 2017 dalle ore 18 alle 22
Durata: dal 15/11/2017 al 08/12/2017
Per informazioni: Tel. 081 660216, info@art1307.com, www.art1307.com
Fb: https://www.facebook.com/art1307
Instagram: ISTITUZIONE_CULTURALE_ART1307
Pinterest: Art1307