sabato 22 giugno 2024

XXIV edizione - Premio Massimo Troisi


 

Lo scorso martedì 18 giugno  presso la sala De Sanctis di palazzo Santa Lucia si è svolta la conferenza stampa di presentazione della XXIV edizione del Premio Massimo Troisi "osservatorio sulla comicità", in programma a San Giorgio a Cremano dal 24 al 29 giugno 2024.



Sono intervenuti:

   Pietro De Martino
                       Vicesindaco di San Giorgio a Cremano

                       Giorgio Zinno
                    Sindaco di San Giorgio a Cremano

                      Gino Rivieccio
                    Direttore artistico della kermesse

                  Vincenzo De Luca
                         Presidente della Regione Campania



Ha introdotto e moderato la conferenza
 

Francesca Scognamiglio  


                

Antonella Morea apre Binario Rosa a Pietrarsa




Domenica 23 Giugno 2024 ore 21, al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa arriva lo spettacolo "Dove c'è il mare" con Antonella Morea (e Vittorio Cataldi al pianoforte), per aprire la seconda edizione di Binario Rosa.


Antonella Morea, nipote del celebre Renato Carosone e sorella della scrittrice Delia Morea, ha incantato il pubblico per decenni con il suo talento. Ha lavorato con i grandi nomi del teatro e del cinema, da Roberto De Simone a Giuseppe Tornatore, e ora porta il suo ultimo spettacolo proprio nella kermesse.
 

Dove c'è il mare è un vero e proprio tributo al mare: con le emozioni di canzoni, poesie e racconti che celebrano la bellezza e l’importanza del mare, con brani di artisti come Pino Daniele, Gragnaniello, Dalla, Marini, Ruggeri e poesie di grandi autori come Eduardo, Gibran, Hikmet, Viviani, Lorca e molti altri.
 

La kermesse organizzata dall'associazione culturale M&N's, con la direzione artistica di Nicola Le Donne, sarà un viaggio unico e personale, un'occasione per riflettere su tematiche attuali e universali attraverso la lente dell'esperienza e della sensibilità femminile. "Binario Rosa" non è solo teatro, ma anche un'occasione per valorizzare il talento e la creatività delle donne. Un modo per dare risalto alle loro voci e alle loro storie, spesso relegate ai margini. Un'iniziativa che si inserisce in un contesto sociale e culturale in cui la lotta per l'uguaglianza di genere è ancora più che mai attuale.

I prossimi appuntamenti di Binario Rosa:

7 Luglio 2024 ore 21
'A Gravidanza... secondo me
con Giusy Freccia
(Regia di Lucio Pierri)

27 Luglio 2024 ore 21
Raccontami. Una passeggiata devota
con Isa Danieli

1 Settembre 2024 ore 21
Marini Live
con Francesca Marini
(e la selezione musicale di Roberto Criscuolo)

15 Settembre 2024 ore 20
Medea
con Gina Perna
(con musiche dal vivo di Matteo Canonico)

28 Settembre 2024 ore 20
Poche Storie
con Gea Martire


Gli spettacoli si terranno nell'Anfiteatro del Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa. Biglietti disponibili presso il Museo e tramite biglietteria online ETES.

 

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

venerdì 21 giugno 2024

Il 22 giugno ad Atrani la “Fiera del Libro…in riva al mare” e “La Notte dei Festival” per chiudere la terza settimana della XVIII edizione di ..incostieraamalfitana.it


Le Notti del Libro e dei Festival chiudono Sabato 22 giugno la terza settimana della diciottesima edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo. 

Appuntamento sul Viale della Metamorfosi di Atrani con inizio alle ore 19.00, quando sarà inaugurata la “Fiera del Libro…in riva al mare”, con espositori Officine Zephiro di Amalfi, Polis SA e PrintArt di Nocera Superiore. Con il patrocinio del Comune di Atrani. A seguire allo Scoglio a pizzo “Poeti...d’amore” saranno protagonisti di un reading dell’Associazione Culturale Italiana Poeti e Artisti, promotrice del Premio San Valentino di Atripalda, con il presidente del sodalizio avellinese Lucia Gaeta e lo scrittore Carlo Parente, aprendo di fatto “La Notte dei Festival”, con la presenza di alcuni dei trentanove eventi culturali nazionali gemellatisi dal 2006 con la Festa del Libro in Mediterraneo. 

  



La serata prosegue con la consegna dei Premi Speciali Menotti Art Festival Spoleto a Francesco Terrone, scrittore, poeta e presidente della Fondazione “Francesco Terrone di Ripacandida e Ginestra”, alla pittrice Ida Mainenti, allo scrittore e attore Giuseppe De Chiara, con il presidente dell’evento artistico spoletino Luca Filipponi. La proiezione di “The red suitcase” del regista lussumburghese Cyrus Neshvad, vincitore della XI edizione del Fabriano Film Fest, offrirà l’occasione di parlare del festival marchigiano dei corti cinematografici con la direttrice artistica Valentina Tomada. Con Stefania Romito e il Festival del Nuovo Rinascimento di Milano celebreremo, a seguire, il centenario dalla nascita di Eleonora Duse attraverso la presentazione del libro “Eleonora Duse: il primo amore”, edito da Passerini. Il direttore organizzativo di ..incostieraamalfitana.it Alfonso Bottone terrà poi a battesimo i primi due nuovi gemellaggi della 18a edizione: con il festival “Le rocche raccontano” di Ferentillo (Tr) ed il Concorso letterario “Raccontami in 25 parole” di Rimini. Il “viaggio nei secoli” del piccolo borgo umbro, con tanto di corteo storico, giunto alla XXIX edizione nel prossimo mese d’agosto, sarà occasione per lanciare il Festival, in itinere, del “Fantastico” a Ferentillo, e raccontare del ricchissimo patrimonio librario lasciato in eredità dal professor Romolo Runcini, docente di Sociologia della Letteratura all’Orientale di Napoli, con il figlio Pierfederico Runcini e la professoressa Bruna Mancini, docente associata di Letteratura Inglese all’Università della Calabria. La scrittrice Maggie van der Toorn, ideatrice di “Raccontami in 25 parole”, lancerà il Bando della IV edizione 2024/2025 del Concorso Letterario, svelando anche i nomi dei componenti la Commissione giudicatrice. Sarà poi la volta della consegna dei riconoscimenti 2024 del Premio Internazionale alla Parola: Rosaria Zizzo, co-ideatrice del Premio, assegnerà gli Attestati alla criminologa Susanna Petrassi, ai poeti e artisti atranesi Michele e Salvatore Adriano Buonocore, al musicista e poeta scalese Enzo Del Pizzo, al giornalista Aldo Bianchini. Ultimo gemellaggio della serata, che si aggiungerà così alla lista delle collaborazioni con ..incostieraamalfitana.it, l’Associazione Nazionale Dipendenze Affettive e Relazionali, sede in Firenze, con l’intervento del presidente nazionale Paolo Antonelli. 

 



Poi iI direttore organizzativo della Festa del Libro in Mediterraneo, Alfonso Bottone, consegnerà un Premio speciale “MarediCosta” a Maurizio Busoni, ideatore del progetto pro bono RigeneraDerma, per la cura delle cicatrici delle donne vittime di violenza di genere. Chiude “La Notte dei Festival” 2024 il racconto per immagini lungo i sentieri montani dell’Alta Via dei Monti Lattari della 3a edizione di “Cammina con noi”, con Luca e Marco Casaburi. 


Chi vuole seguire la programmazione della XVII edizione della Festa del Libro in Mediterraneo consulti la pagina facebook @incostieraamalfitana.it

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Vietri sul Mare. Venerdì 21 giugno ore 19, al Comune, per la Festa della Muisca 2024, concerto del Trio Dancla. Musiche di Corelli e Vivaldi. Ingresso libero.


 

Il format "Vietri Cultura", da anni attivo sul territorio per regalare al pubblico decine di appuntamenti culturali di grande spessore, ha organizzato per venerdì 21 giugno alle ore 19, per la Festa della Musica, nell'aula consiliare del comune di Vietri sul Mare guidato dal sindaco Giovanni De Simone, il concerto del Trio Dancla, che eseguirà musiche di Corelli e Vivaldi. Il Maestro Luigi Avallone, direttore artistico dell'evento, con il sostegno dell'assessore alla Cultura e alla Ceramica Daniele Benincasa, ha voluto così sottolineare lo stretto legame che la prima cittadina della Costiera amalfitana ha da sempre con la musica: da qui sono nati e nascono grandi talenti in questo settore, che hanno ottenuto riconoscimenti nazionali ed internazionali. La Festa della Musica - nota anche come World Music Day - è un evento che si ripete da più di un quarto di secolo in molti Paesi del mondo, tra cui l’Italia. Nel 1976 fu il produttore americano Joël Cohen, ad immaginare la celebrazione per il 21 giugno e il 21 dicembre, rispettivamente il giorno del solstizio d’estate e d’inverno, invitando tutti i musicisti a scendere nelle strade e suonare spontaneamente.

 

Il Trio Dancla è un gruppo stabile di archi con l'insolita formazione di due violini e violoncello. Marcello Branno (violino) diplomato in Violino con massimo dei voti e la lode, sotto la guida del M° Marco Serino, ha frequentato l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Corso di perfezionamento di Violino) sotto la guida del M° Sonig Tchakerian; nel 2014 è risultato primo classificato al Concorso per i giovani talenti, VII Edizione Nazionale di Mirabello (CB), e primo classificato al Concorso internazionale Giovani Musicisti "Luigi Denza" di Castellammare di Stabia e secondo classificato al Concorso Internazionale di Greci, sez. archi. Vincitore della borsa di studio Borsa di studio “Ninì Perno” al “Laboratorio di Musica Contemporanea 2023”, si è esibito in concerto con Andrea Lucchesini e Giovanni Sollima. Collabora con: numerose orchestre, tra cui quella lirico sinfonica Teatro di Cagliari Young Musicians European Soc., l'Orchestra Conservatorio “G. Martucci”, la Nuova Orchestra Scarlatti,  l'Orchestra Sinfonica 131 della Basilicata e la Camerata Strumentale Città di Prato.

 

Mauro Tamburo (violino), ha intrapreso gli studi con Daniele Gibboni per poi laurearsi con il  massimo dei voti. Si è perfezionato con i Maestri MauroTortorelli (vincitore di concorsi e finalista del prestigioso “premio violinistico Viotti”); David Yang, violinista di gruppi  quali il Tokyo String Quartet, Florin Paul ed altri.  E’ vincitore di numerosi primi premi e sta ulteriormente completando gli studi , frequentando il biennio di Violino Barocco presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.

 

Ludovica Ventre (violoncello), laureata in Violoncello indirizzo solistico al Conservatorio Martucci di Salerno con il massimo dei voti e la lode, ha frequentato l’accademia LPMAM di Londra con il programma Erasmus e  sta studiando con la violoncellista della Philarmonia Orchestra Ella Rundle; ha collaborato con varie orchestre e conservatori della città tra cui Guildhall School of Music and Drama e Royal Academy of Music e con l’orchestra ULSO (University of London Symphony Orchestra). Studia attualmente privatamente con il M° Diego Romano ha seguito masterclasses di vari insegnanti tra cui Ulrike Hofmann, Patrizio Serino, Mattia Zappa, Rafael Rosenfeld.Collabora con numerose orchestre italiane tra cui Nuova Orchestra Scarlatti, Orchestra Filarmonica Campana, Luglio Musicale Trapanese, Orchestra Giovanile Italiana, Orchestra del Conservatorio G.Martucci, Orchestra della Scuola Italiana d’Archi. Vincitrice di vari concorsi di esecuzione musicale da solista e con la formazione trio violino, violoncello e pianoforte con la quale si è esibita al Festival di musica da camera di Sant’Apollonia organizzato dal Conservatorio Martucci.

Ingresso libero.

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

UNA RICERCA POLIVALENTE - ESPERIENZE DAL CENTRO VIDEO ARTE DI FERRARA

A cura di Chiara Vorrasi e Uliana Zanetti
27 giugno - 13 ottobre 2024


MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna Project Room
Via Don Giovanni Minzoni 14, Bologna
www.museibologna.it/mambo


Maurizio Camerani, VISTA DAL BASSO, 1988-90

Bologna, 20 giugno 2024 - Dal 27 giugno al 13 ottobre 2024 il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna ospita la mostra UNA RICERCA POLIVALENTE. ESPERIENZE DAL CENTRO VIDEO ARTE DI FERRARA in Project Room, lo spazio che dal 2018 propone esposizioni aventi come focus i fenomeni, gli eventi, le personalità e le organizzazioni che hanno avuto un ruolo fondamentale nella recente storia culturale di Bologna e dell’Emilia-Romagna.

Il progetto, realizzato attraverso una collaborazione tra il museo bolognese e le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara e curato da Chiara Vorrasi, conservatrice responsabile delle Gallerie ferraresi, e Uliana Zanetti, responsabile del patrimonio del MAMbo, intende celebrare le attività, a circa cinquant’anni dalla fondazione e a trenta dalla chiusura, del Centro Video Arte di Ferrara, unica istituzione artistica espressamente dedicata in Italia alla produzione di video-tape.

L'inaugurazione è prevista per mercoledì 26 giugno 2024 alle ore 17.00.

 

COME DA COMUNICAZIONE RIVEVUTA

CINEMA: archeologia e film sotto le stelle, torna “Naxos Archeofilm 2024”



Proiezioni nel Parco archeologico di Naxos, interviste con i protagonisti della ricerca e della comunicazione del mondo antico. La “prima” in Sicilia del docufilm sui bronzi di San Casciano. Dal 12 al 14 luglio. Teatro della Nike ore 21.15.

Ingresso libero e gratuito

 

Tre serate organizzate dal Parco archeologico Naxos Taormina e dalla Fondazione Sebastiano Tusa in collaborazione con Firenze Archeofilm/Archeologia Viva a tu per tu con le tante storie del passato che hanno fatto la Storia. Ogni sera, tra un film e l’altro, ospiti archeologi, scienziati e registi per confrontarsi col pubblico su temi a cavallo tra passato più antico e attualità. Saranno consegnati due premi: il “Naxos Archeofilm” attribuito dal pubblico al film più gradito e il “Premio Sebastiano Tusa” assegnato dalla Fondazione Tusa alla personalità che si è distinta nella comunicazione dei beni culturali. 

Giardini Naxos (ME), 21 giugno 2024 – I risultati degli ultimi scavi della missione italiana in Iraq, gli studi dei paleontologi su dinosauri e mammiferi vissuti milioni di anni fa e le risorse della tecnologia digitale applicata allo studio dei fossili. Infine il focus sulla più sensazionale scoperta archeologica italiana del terzo millennio: i bronzi di San Casciano, in Toscana, con la prima proiezione in Sicilia del docufilm, realizzato da Rai Cultura, e il racconto di archeologi, studiosi e gente del posto che hanno vissuto da vicino l’emozione del ritrovamento.

 




Il grande cinema archeologico e i suoi protagonisti tornano di scena in Sicilia con la seconda edizione del “Naxos Archeofilm 2024”, il festival di archeologia, arte e ambiente in programma a Giardini Naxos il 12, 13 e 14 luglio 2024 nell’area archeologica del Parco di Naxos, prima colonia dei greci nell’isola. Un progetto nel solco della cultura e della divulgazione scientifica a misura di famiglie, giovani e appassionati del mondo antico italiani e stranieri che durante la stagione estiva popolano la città di Giardini Naxos e le località della riviera jonica messinese, principale polo turistico della Sicilia.

Il “Naxos Archeofilm 2024” è prodotto dal Parco archeologico Naxos Taormina, diretto da Gabriella Tigano, e organizzato in collaborazione con la Fondazione Sebastiano Tusa, presieduta da Valeria Li Vigni, e con Firenze Archeofilm/Archeologia Viva direzione Piero Pruneti.  Nell’arco di tre giorni proporrà al pubblico proiezioni di film-capolavoro selezionati a livello mondiale e incontri con archeologi, studiosi e documentaristi intervistati dal vivo per un viaggio avanti e indietro sulla linea del tempo, alla scoperta delle più antiche civiltà del passato.

Due i premi che saranno consegnati: il “Naxos Archeofilm 2024” attribuito dal pubblico al film più gradito (ogni sera potrà esprimere il proprio voto su apposite schede) e il “Premio Sebastiano Tusa” assegnato alla personalità che si è distinta nella comunicazione dei beni culturali. Tutte le serate sono a ingresso gratuito, si svolgeranno al Teatro della Nike del Parco di Naxos e iniziano alle 21.15.

“Un progetto nel solco della cultura e della divulgazione scientifica a misura di famiglie, giovani e appassionati del mondo antico, italiani e stranieri, che durante la stagione estiva popolano la riviera jonica messinese – ha detto l’assessore ai beni Culturali e identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato – Una grande opportunità per conoscere la storia e rivivere le antiche epoche attraverso un’esperienza immersiva”.

 


In gara a Naxos saranno produzioni e co-produzioni da Francia, Giappone, Regno Unito e Italia: l’ultima giornata, in particolare, si presta particolarmente al pubblico internazionale con la proiezione di due documentari sottotitolati in inglese. Tra un film e l’altro, nelle tre serate, il pubblico di Naxos vivrà da vicino l’incontro con studiosi e ricercatori intervistati da Piero Pruneti, direttore del bimestrale Archeologia Viva (Giunti Editore). Ospiti sul palco di Naxos saranno Nicola Laneri (Università di Catania), archeologo orientalista che di recente, a capo di una campagna di scavi in Iraq, ha portato alla luce un complesso sistema di fortificazioni e di gestione delle acque che segnava il versante nord-orientale della città di Tell Muhammad, fondata all'inizio dell'epoca Paelobabilonese (età di Hammurabi) nei pressi dell'odierna Baghdad (venerdì 12 luglio); Dawid Adam Iurino, paleontologo (Università Statale di Milano) specializzato in mammiferi e vertebrati ed esperto di tecniche digitali per la ricostruzione dei fossili (sabato 13 luglio); infine il regista Eugenio Farioli Vecchioli, autore con Brigida Gullo del film “Come un fulmine nell’acqua. I bronzi di San Casciano dei Bagni”, una produzione Rai Cultura che ripercorre le tappe della straordinaria scoperta del santuario etrusco-romano: non un rinvenimento casuale, ma il frutto di un studio scientifico e di un approccio multidisciplinare da parte di un team di ricercatori.

 


Unica tappa in Sicilia, il “Naxos Archeofilm 2024” s’inserisce nel quadro delle iniziative di Firenze Archeofilm, casa madre del grande “festival diffuso” organizzato dalla rivista “Archeologia Viva” (Giunti editore) che da anni, dopo l’ampia selezione internazionale fiorentina, trova ospitalità in varie prestigiose località italiane ed estere. Tutto il programma è consultabile su https://www.parconaxostaormina.com/ufficiostampa/cinema-dal-12-al-14-luglio-2024-torna-naxos-archeofilm/ù


 



IL PROGRAMMA

Tra Mesopotamia ed Egitto. Si inizia venerdì 12 luglio con una pellicola sull’antica Mesopotamia, la famosa terra tra i due fiumi riscoperta attraverso i tesori archeologici dell’odierno Iraq senza dimenticare uno sguardo attento sulle vicende belliche più recenti che continuano a segnare la regione. Proprio dello stato attuale dell’archeologia mesopotamica parlerà l’ospite della prima serata: Nicola Laneri ordinario di Archeologia e Storia dell’arte del Vicino Oriente antico all’Università di Catania e salito agli onori della cronaca nell’ottobre dello scorso anno quando, alla guida di una campagna di scavi in Iraq, ha portato alla luce la porta monumentale nella cinta muraria di Hammurabi, magnifici vasi e due edifici risalenti al II millennio a.C. La missione diretta da Laneri era realizzata in collaborazione con lo State Board of Antiquities and Heritage (Sbah) dell'Iraq e supportata dal Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Dal Tigri e L’Eufrate, il secondo film ci conduce invece lungo le sponde del Nilo attraverso una scoperta archeologica che ha fatto il giro del mondo: una straordinaria tomba con una concentrazione di sarcofagi mai vista in Egitto.

 

Dai dinosauri a oggi. Sabato 13 luglio si spostano le lancette ancora più indietro tornando al tempo dei dinosauri con una grande produzione internazionale sulla scoperta di nuove specie di dinosauri e mostri marini attraverso realistiche immagini 3D per una visione elettrizzante ma ben lontana dal mondo di Jurassic Park. A raccontarci il mondo dei dinosauri e delle ultime novità dalla paleontologia al cinema sarà Dawid Adam Iurino docente di Paleontologia dei vertebrati, Università degli Studi di Milano. A seguire il film “Odissea: la storia della nostra evoluzione”, propone al pubblico un viaggio immersivo nella storia dell’evoluzione tecnologica e culturale dell’uomo, dal Neolitico alla caduta dell’Impero romano d’Occidente.

 

Anteprima in Sicilia. Domenica 14 luglio il racconto degli scavi del santuario etrusco-romano di San Casciano dei Bagni (Si), premiati come scoperta archeologica dell’anno, sbarca per la prima volta in Sicilia sul grande schermo col film “Come un fulmine nell’acqua. I bronzi di San Casciano dei Bagni”. Ospite della serata Eugenio Farioli Vecchioli autore e regista del film con Brigida Gullo. A seguire il film omaggio alla Sicilia “La nave romana di Ustica” sulla scoperta di un relitto romano a 80 metri di profondità rintracciato grazie a una spedizione intrapresa nel mare dell’isola davanti a Palermo. Entrami i documentari di domenica 14 sono sottotitolati in inglese.

Fra le due proiezioni saranno consegnati il “Premio “Sebastiano Tusa”
attribuito da Parco archeologico Naxos Taormina, Fondazione Sebastiano Tusa e “Archeologia Viva” alla personalità che si è distinta nella comunicazione dei beni culturali; e il Premio “Naxos Archeofilm 2024” al film più votato dal pubblico della manifestazione. 

 

COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA

Settimo figlio di un settimo figlio edizioni IL SAGGIO

 


giovedì 20 giugno 2024

LE CONVERSAZIONI Il festival internazionale 2024

Ospiti della 19ª edizione a CAPRI dal 28 giugno al 7 luglio –  Piazzetta Tragara

Pascal Bruckner, Ye Chun, Emma Cline, Hernan Diaz, Annabelle Hirsch, Katja Petrowskaja 

a NAPOLI 1 e 2 luglio – FOQUS - Fondazione Quartieri Spagnoli

Erri De Luca, Brunori Sas

Il Tempo/Time il tema 2024




Le Conversazioni, il festival internazionale ideato da Antonio Monda e Davide Azzolini dopo gli incontri di New York e Roma, giunge a CAPRI e a NAPOLI con 8 appuntamenti con i protagonisti della cultura contemporanea.

Dal 28 al 30 giugno saranno in scena a Capri a piazzetta Tragara (ore 19) Hernan Diaz, Emma Cline e Ye Chun, poi, dal 5 al 7 luglio Annabelle Hirsch, Katja Petrowskaja e Pascal Bruckner.

Quest’anno, tra i due weekend capresi si aggiunge al programma un doppio appuntamento a NAPOLI, nel cuore del centro storico della città, in collaborazione con FOQUS-Fondazione Quartieri Spagnoli: l’1 e 2 luglio alle ore 18.30 saranno protagonisti lo scrittore Erri De Luca e il cantautore Dario Brunori, in arte Brunori Sas, presso la Corte dell’Arte della Fondazione FOQUS.


Il Tempo/Time sarà il tema 2024, fil rouge delle conversazioni tra Antonio Monda e tutti gli ospiti di questa 19ª edizione: “Il tema scelto quest’anno per Le Conversazioni è il tempo, con i miei ospiti rifletterò su due tendenze opposte: chi rifiuta di esserne schiavo, celebrando la gioia e il privilegio di perderlo, e chi invece segue l’insegnamento di Darwin che teorizzava ‘L'uomo che osa sprecare anche un'ora del suo tempo non ha scoperto il valore della vita’ o di Napoleone, che diceva: Posso perdere una battaglia, ma non perderò mai un minuto”, afferma Antonio Monda.

Anche per la 19ª edizione, in occasione degli appuntamenti di Capri, gli ospiti protagonisti hanno scritto un proprio contributo per il Festival sul tema dell’anno, Tempo/Time. I testi saranno letti dagli autori stessi e consegnati al pubblico in apertura di ogni appuntamento.

Tutti gli incontri a Napoli e Capri sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Le Conversazioni 2024 è presentato da Dazzle Communication, in collaborazione con SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, il sostegno, in qualità di Official Sponsor, di Persol e Generali, la preziosa collaborazione del Grand Hotel Quisisana a Capri e di Repubblica in qualità di media partner. 

Gli incontri estivi delle Conversazioni sono presentati in collaborazione con New-York Historical Society, MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Palazzo Merulana, Hotel de Russie, FOQUS-Fondazione Quartieri Spagnoli e Città di Capri.



Programma completo e aggiornamenti su www.leconversazioni.it


 




IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI


A CAPRI venerdì 28 giugno aprirà gli incontri lo scrittore argentino Hernan Diaz vincitore del Premio Pulitzer per la Narrativa 2023 con il suo ultimo romanzo Trust (Feltrinelli, 2022) e autore, fra gli altri, de Il falco (Neri Pozza, 2018) finalista al premio Pulitzer 2018.

Sabato 29 giugno a conversare con Antonio Monda sarà la scrittrice statunitense Emma Cline il cui primo romanzo Le ragazze (Einaudi 2016 e 2017) è stato un caso editoriale mondiale. Sempre per Einaudi ha pubblicato la novella Harvey (2020), la raccolta di racconti Daddy (2021) e il suo ultimo libro L'ospite (2023).

Domenica 30 giugno, ancora a Piazzetta Tragara, sarà la volta dell’autrice cino-statunitense Ye Chun, che ha appena pubblicato con Neri Pozza (febbraio 2024) il suo romanzo d'esordio Cani di paglia nell'universo, selezionato fra le Andrew Carnegie Medal come eccellenza nella narrativa 2024. Vincitrice del Pushcart Prize nel 2017 per la poesia The Luoyang Poem e nel 2018 per la storia Milk, la sua raccolta di racconti Hao è stata pubblicata nel 2021 e premiata dall’Andrew Carnegie Medal 2022.

 

Lunedì 1 luglio (18.30) il festival si sposta a NAPOLI a FOQUS-Fondazione Quartieri Spagnoli dove sarà protagonista Erri De Luca mentre martedì 2 luglio (18.30) Antonio Monda dialogherà con il cantautore Dario Brunori, in arte Brunori Sas.

 

Venerdì 5 luglio, si torna a CAPRI: ad aprire il secondo week end di incontri a piazzetta Tragara sarà Annabelle Hirsch, giornalista e scrittrice franco-tedesca, autrice nel 2023 del suo primo libro “Una storia delle donne in 100 oggetti' (edizioni Corbaccio), un’antologia che regala una lettura tutta al femminile della storia.

Sabato 6 luglio sarà ospite la scrittrice e giornalista ucraina di origini ebraiche Katja Petrowskaja, il cui romanzo d’esordio Forse Esther (Adelphi, 2014) è stato salutato dalla critica come un capolavoro: nel 2013 si aggiudica il premio Ingeborg Bachmann, ottiene una nomination al premio della Fiera del libro di Lipsia e l’aspekte-Literaturpreis nel 2014, e nel 2015 il premio Ernst Toller e il Premio Strega Europeo. L’autrice ha appena pubblicato il suo ultimo libro La foto mi guardava (Adelphi, aprile 2024), una raccolta di testi a commento di fotografie che ha origine dal lavoro che ha svolto dal 2015 al 2021 per un quotidiano tedesco.

Domenica 7 luglio chiuderà il festival Pascal Bruckner scrittore e filosofo francese, autore de La tentazione dell’innocenza, Prix Médicis per la saggistica 1995 (Ipermedium libri, 2001), e del celebre romanzo Luna di Fiele (Anabasi, 1981) dal quale Roman Polanski trasse l’omonimo film. Il suo ultimo lavoro Le sacre pantofole è stato da poco pubblicato con Guanda (febbraio 2024).

 




Da gennaio 2024 a New York e Roma


Il Festival Le Conversazioni ha aperto l’edizione 2024 già dallo scorso gennaio.

Fino ad aprile si sono alternati tra Roma e New York Olivier Guez, Marco Bellocchio, Mario Martone, Marlon James, Paul Schrader, Rebecca Miller, Michael Wood, Lila Azam Zanganeh. Dopo l’ultimo straordinario appuntamento newyorkese con Martin Scorsese (lo scorso 7 maggio alla New-York Historical Society), il Festival è approdato in Italia con gli appuntamenti a ROMA al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, con ospiti James Ellroy, Zadie Smith, Adam Gopnik e Daniel Mendelsohn (dal 16 maggio al 13 giugno), all’Hotel de Russie (3 giugno) con Paolo Valentino, mentre Serena Dandini e Giancarlo De Cataldo sono i protagonisti degli appuntamenti a Palazzo Merulana (12 e 19 giugno).

 

Il calendario 2024 conferma ancora una volta la forte identità di un festival diffuso che spazia tra diverse città e nazioni. Un festival internazionale itinerante, infaticabile laboratorio di idee che conta ad oggi oltre 350 ospiti e che, dal 2006, organizza eventi a New York, Washington, Bogotà, Parigi, Roma, Napoli, Capri e Palermo.

 

Molti i nomi di protagonisti della cultura internazionale che hanno preso parte alle passate edizioni de Le Conversazioni. Tra i tanti  ricordiamo: Jonathan Franzen, Jeffrey Eugenides, David Foster Wallace, Martin Amis, Ethan Coen, Michael Cunningham, Ian McEwan, Chuck Palahniuk, Salman Rushdie, Paul Auster, Patrick McGrath, E. L. Doctorow, Jonathan Safran Foer, Joshua Ferris, David Byrne, Colum  McCann, Michael Chabon, Elizabeth Strout, Donna Tartt, Hanif Kureishi, Nicole Krauss, Colm Toibin, Anna Funder, Junot Diaz, Rachel Kushner, Don DeLillo, Erica Jong, Gay Talese, Wole Soyinka, Jamaica Kincaid, Marlon James, Fran Lebowitz, Vendela Vida, Dave Eggers, Patti Smith, John Banville, Ian Buruma, David Mamet e molti altri. Tra gli italiani ricordiamo Paolo Sorrentino, Alessandro Baricco, Jovanotti, Paolo Giordano, Sandro Veronesi, Claudio Magris e Alessandro Piperno.


 

www.leconversazioni.it
COME DA COMUNICAZIONE RICEVUTA